Totemcity vetrosa

Venezia - 01/06/2011 : 31/10/2011

I totem vetrosi esposti in Totemcity sono costituiti da elementi sovrapposti dotati di pertinenze estetiche che aspirano a essere considerate artistiche, ogni qualvolta tali totem risultano esposti in luoghi collettivi delimitati da perimetrazioni estetiche concettualizzanti, all’interno delle quali assumono artisticità con al seguito il plus-valore mercantile che da esse può essere promanato.

Informazioni

  • Luogo: SCUOLA GRANDE DI SAN TEODORO
  • Indirizzo: Campo San Salvador 4811 - Venezia - Veneto
  • Quando: dal 01/06/2011 - al 31/10/2011
  • Vernissage: 01/06/2011
  • Curatori: Enzo Rossi-Ròiss
  • Generi: arte contemporanea, collettiva
  • Patrocini: Berengo Centre for Contemporary Art and Glass

Comunicato stampa

L’oggetto totemico è un oggetto materiale strutturato verticalmente, portatore di un sistema di segni che emblematizzano legami di affinità più che parentelali o tribali: conseguentemente simbolizza appartenenza a un clan oppure a una consorteria.

La modernità lo usa come supporto verticale per indicazioni o informazioni pubblicitarie sia sintattiche sia iconiche: indicando merci da consumare, oppure percorsi per raggiungere fruizioni di servizi



I totem vetrosi esposti in Totemcity sono costituiti da elementi sovrapposti dotati di pertinenze estetiche che aspirano a essere considerate artistiche, ogni qualvolta tali totem risultano esposti in luoghi collettivi delimitati da perimetrazioni estetiche concettualizzanti, all’interno delle quali assumono artisticità con al seguito il plus-valore mercantile che da esse può essere promanato.

I loro antenati è possibile ipotizzarli o supporli soltanto considerandoli antenati animici, per quanto riguarda una eventuale incarnazione animica inconsapevolmente totemizzata da ognuno degli Autori/Artisti selezionati e materializzata nel momento della concezione/concettualizzazione totemica.

Memori della tripartizione di J.G.Frazer: totemismo di clan, totemismo individuale, totemismo sessuale.

Approcciamo, perciò, la decodificazione e deambiguazione dell’insieme segnico di ogni opera esposta, ragionando per dare risposte alle domande che seguono.

Il totem simula uno spirito tutelare?

Il totem oggettualizza un culto collettivo?

Il totem designa appartenenza a un clan esogamico?

Il totem rappresenta una “hipertrophie de l’istinct social”?

Il totem è in ogni caso un custode di segreti destinati a non essere svelati?

Il totem moderno deve essere connotato da segni grafici facilmente riproducibili?

Il totem è divenuto un medium?

Considerando ogni opera totemica esemplificazione di una ipertrofia

compositiva foriera di significanze generatrici di esegesi ipertrofiche.

(copyright Enzo Rossi-Ròiss)

----------------------------------------

Totemic items are vertically structured material objects which carry a series of symbols that are emblematic of affinity rather than blood or tribal relationships. Consequently they symbolise appartenance of a clan or faction.

In the contemporary world they are used as vertical supports for directions or advertising information either syntactic or iconic, indicating items to be consumed or the way to access services.

The glass totems on display in Totemcity are made of superimposed elements of aesthetic relevance that aspire to artistic consideration each time they are put on show in collective areas defined by conceptualised aesthetic perimeteration. Within such areas they take on an artistic character in addition to the commercial added value which they may project.

The definition of predecessors can be hypothesized or presumed only if considered precursors in soul, in terms of a possible incarnation of the soul unconsciously totemised by each of the chosen Author/Artists and made into a concrete reality from the moment of the totemic conception or conceptualisation.

J.G.Frazer's tripartition springs to mind: clan totemism, individual totemism, sexual totemism.

The symbolic attributes of each of the works on display are decoded and ambiguousness is dispersed by considering the answers to the following questions.

Does the totem simulate a protective spirit?

Does the totem objectualise a collective cult?

Does the totem indicate belonging to an exogamous clan?

Does the totem represent a “hypertrophy of the social instinct”?

In whichever case, is the totem a guardian of secrets destined not to be revealed?

Must the contemporary totem be characterised by easily reproduced graphic symbols?

Has the totem become a medium?

Each totemic work is considered an illustration of a composite hypertrophy

heralding meanings that lead to hypertrophic exegesis.

(Translation by Sarah Lane – copyright Enzo Rossi-Ròiss)