Francesca De Pieri / Sabrina Notturno – Fiorilegio

Casier - 23/06/2018 : 14/07/2018

PArCo Foundation è lieta di presentare al pubblico Florilegio, bipersonale con opere di Francesca De Pieri e Sabrina Notturno. La mostra propone una selezione di oltre una trentina di lavori, scelti con un criterio di significatività rispetto alla recente produzione delle artiste.

Informazioni

Comunicato stampa

Florilegio

Francesca De Pieri

Sabrina Notturno


testo di Daniele Capra


dal 23 giugno al 14 luglio 2018

inaugurazione sabato 23 giugno ore 18


Casier (Tv)

PArCo Foundation



PArCo Foundation è lieta di presentare al pubblico Florilegio, bipersonale con opere di Francesca De Pieri e Sabrina Notturno. La mostra propone una selezione di oltre una trentina di lavori, scelti con un criterio di significatività rispetto alla recente produzione delle artiste

Florilegio compie una ricognizione a partire dalla complessa sovrapposizione di accadimenti visivi che gli occhi registrano e di immagini che si creano nella mente con accostamenti dal gusto surreale. In particolare la mostra evidenzia come la stratificazione di immagini – sia grazie all’impiego della registrazione fotografica su supporto in resina, che per giustapposizione di visioni realizzate attraverso l’impiego del disegno di matrice figurativa – possa essere un ineguagliabile strumento di lettura della realtà. La mostra è corredata da un pubblicazione con un testo di Daniele Capra.

Piante, alberi, fiori e ritagli di giardini o di paesaggio sono i soggetti privilegiati di Francesca De Pieri, che nella serie Sphere, compie una ricerca in cui vanno insieme immagine fotografica e scultura. L’artista assembla infatti le foto che lei stessa realizza organizzandole in layers che sono depositati su resina trasparente dalla forma semisferica. Grandi poco più di una decina di centimetri, tali calotte ricordano le palle di vetro con neve dall’ammaliante magia che hanno affascinato tanti bambini e tanti sognatori ad occhi aperti.

Le opere su carta e su vetro di Sabrina Notturno sono costruite a partire da visioni notturne, dall’impronta surrealista, in cui si mescolano boschi, paesaggi fantastici, costruzioni geometriche, treni a vapore, animali selvaggi quali cervi o stambecchi. Grazie ad un ritmo serrato, caratterizzato da un continuo rimando tra contesto e singoli soggetti, l’artista combina visivamente elementi eterogenei stratificandoli liberamente per semplice giustapposizione, senza alcuna costruzione narrativa o gerarchia rappresentativa.