Estasy – Argenti Dominus Vulpes

Bologna - 13/07/2011 : 13/07/2011

Protagonista di questo nuovo appuntamento è Estasy - Emiliano Maggi (Roma, 1977) con una performance che traghetterà lo spettatore nel regno arcaico del folklore, dove l’atto rituale riconquista la sua posizione e apre a nuovi orizzonti inesplorati.

Informazioni

Comunicato stampa

La ricerca di Emiliano Maggi è incentrata su un fitto dialogo tra simbolismo, mitologia, pratiche esoteriche e immaginazione. Un riferimento costante della poetica dell’artista è rivolto alla cultura e all'iconografia popolare, alla ricerca di una dimensione metafisica e irreale. Il lavoro di Maggi si appropria della natura ancestrale della fiaba, insinuandosi nelle pieghe del mito. Le sue opere, che spaziano dalla pittura all’installazione, dalla gioielleria alla fotografia, passando per la composizione musicale e la performance, sembrano voler rendere evidente quel legame necessario e al contempo interrotto, con la simbologia arcaica, con la carica mistica dell’universo



Le performance di Estasy uniscono teatralità e ritualità, proiettando il pubblico all’interno di un mondo abitato da visioni enigmatiche, suoni mistici e apparizioni spirituali.

Argenti Dominus Vulpes, introduce lo spettatore alla potenza genitrice dell’atto del corteggiamento amoroso attraverso una performance che mostrerà l’aspetto codificato del rituale in relazione alla trasmissione orale della favola. Il racconto del sapere diventa esperienza condivisa attraverso immagini, suoni, canti, costumi e coreografie. E’ il mondo naturale e animale ad essere presentato, la lotta di una specie per rimembrare il lato istintivo e la storia primordiale dell’essere umano. Immagini e registrazioni di versi ipnotici si sovrapporranno al racconto orale di una voce celestiale che narrerà gli stati di transizione di una vita. Il passaggio rituale sarà scandito da un suono dal vivo al limite dello sfinente, da gesti travolgenti, da un potente immaginario che marcherà la tensione verso l’infinito e troverà forma nel risveglio di quell’innocenza che aprirà alla coscienza.

In Argenti Dominus Vulpes, lo spettatore è condotto a esplorare con il cuore, a sentire i richiami della narrazione di ciò che è più puro in un rito messo in atto da Estasy: creatura mascherata, misteriosa, imponente ma mia ingombrante, presenza sciamanica che indirizza alla ricerca di una nuova possessione, ad una nuova scoperta delle pulsioni umane e ad un’autentica esperienza del sé.

Emiliano Maggi (Roma nel 1977). Vive e lavora a Roma. Tra le sue mostre ricordiamo: Argenti Dominus Vulpes, Brown projectspace, Milano (2011); When in Rome, Italian Culture Institute, L.A. (2011); Estasy, Red Gallery, Londra (2011); Estasy, Wayward Gallery, Londra (2011); Rituals, Area 63, Roma (2010); Life is Art, Santa Rosa, California (2010); Estasy, MAXXI, Roma (2010); La Danse Macabre, Nomas Foundation, Roma (2010); Swiss Cube, Istituto di Cultura Svizzero, Roma (2010); The Yuko Sueta Art Auction, New York (2009); Voodoo Fest: Art & Music, New Orleans (2009); Estasy, Amercian Academy in Rome (2009); Arabesque by Archivial Editions, Chinati Foundation, Marfa (2009); New Orleans Art Biennial (2008).