Destroy Be – Pop & the city

Lucca - 14/06/2011 : 10/07/2011

Quattordici le opere, tutte legate al tema del riciclaggio di materiali usati, realizzate appositamente per il Lu.C.C.A. da Destroy Be, considerato uno dei migliori talenti di Pop Art sulla scena internazionale attuale.

Informazioni

Comunicato stampa

Prima mondiale al museo lucchese di via della Fratta 36 delle nuove opere dell'artista francese Destroy Be che apre la sua personale nel Lu.C.C.A. Lounge e Underground sabato 11 giugno 2011. “Pop & the city” il titolo dell'esposizione, curata da Vito Abba, che sarà inaugurata ufficialmente alla presenza dell'artista martedì 14 giugno alle ore 18,30 per restare aperta al pubblico, a ingresso libero, fino al 10 luglio 2011.

Quattordici le opere, tutte legate al tema del riciclaggio di materiali usati, realizzate appositamente per il Lu.C.C.A

da Destroy Be, considerato uno dei migliori talenti di Pop Art sulla scena internazionale attuale.
Pneumatici, sacchi dell'immondizia, nastri adesivi, pezzi di muro e i più disparati oggetti e accessori vintage entrano a far parte delle sue creazioni visive di inchiostro e vinile. I materiali vengono compressi a caldo o fusi con materie plastiche per creare delle strutture nuove e originali: le sue tecniche sono oggi considerate tra le più innovative associate al mondo industriale.

Destroy Be crea e produce Pop Art come mezzo per aprire nuove fi¬nestre sul mondo, nuovi punti di vista. La sua espressione artistica si manifesta con approcci innovativi proprio attraverso l’utilizzo di numerose tecniche spesso associate al mondo industriale e sociale: è allo steso tempo pittore, fotografo e artista plastico. La sua ricerca include la tematica del rispetto ambientale e del riciclaggio, che per lui è di grande importanza, permettendogli di sviluppare opere rappresentative di temi legati alla società dei consumi.

Per i suoi lavori di Pop Art è stato de¬nfinito nel giugno 2008 da Basak Malone del World Art Media come "il miglior rappresentante d’arte contemporanea sulla scena francese per la sua relazione con la gioventù e la Pop Art".




Biografia Destroy Be
Al di là delle sue espressioni Pop Art, Destroy Be propone e realizza progetti artistici e di comunicazione concettualmente connessi ai principali attori nell'ambito dell'architettura, della musica, a partire dagli anni '50, della moda, del vintage, attraverso differenti correnti di pensiero. La sua creatività, inserita nel contesto sociale e industriale, gli consente di realizzare progetti innovativi, partendo da un'ottica assolutamente originale, in collaborazione con partner creativi attivi nella scena sociale.
Destroy Be è cittadino del mondo, vicino alla nostra umanità, vicino ai ghetti sociali e urbani che nutrono il destino della nostra società e che alimentano ogni giorno il suo bisogno di creatività. Il suo sguardo intimo sul futuro del nostro pianeta e sull'epopea dell'umanità svela, attraverso la Pop Art, la società.
Tra i più recenti eventi artistici a cui Destroy Be ha partecipato ricordiamo la mostra “Barack Obama Destroy Be. Diritti civili dei neri americani” alla Galleria Broadway di New York. In Italia è presente con una sua installazione permanente di land art a Volterra, “Terra di Toscana”, presso la Fattoria Lischeto.