Live Works Performance Act Award. Quarta edizione del premio dedicato alle azioni, con residenza presso Centrale Fies a Dro. Prorogata la scadenza del bando

Print pagePDF pageEmail page

Centrale Fies

Centrale Fies

Al pari di un dipinto, di un’installazione, di una fotografia, anche la performance si può intendere come uno “spazio di lavoro” e come uno strumento culturale. Dal 2013 c’è un premio – il Live Works Performance Act Award ideato da Centrale Fies in collaborazione con Viafarini – che ne indaga la duplice natura live, dal vivo e il vivo – dando spazio ai momenti in cui l’atto performativo si integra alle dinamiche di vita. La particolarità di questo premio – oltre a strutturarsi attraverso un periodo di residenza creativa, offerto a nove progetti selezionati – consiste in un’attenzione particolare alla ricerca ibrida, con l’intento di sottolineare la natura di “apertura” e fluidità del performativo, la sua implicazione sociale e politica e la sua intelligibilità pubblica. Sono, pertanto, ammissibili al bando azioni performative emergenti di diversa natura, comprese media arts, lecture performances, task-performances, text-based performances e multimedia storytelling, pratiche relazionali e progetti workshop-based, flash mob, pratiche aperte all’attivismo e politically engaged, experience design, fashion design e urbanismo relazionale, realizzate da artisti e professionisti di ogni provenienza geografica, singoli o gruppi.

C’È TEMPO FINO AL 21 MARZO
I nove progetti, selezionati dai curatori di Live Works – Barbara Boninsegna (direttrice artistica di Centrale Fies, Dro), Simone Frangi (direttore artistico di Viafarini, Milano), Daniel Blanga-Gubbay (fondatore di Aleppo, Bruxelles), Denis Isaia (curatore di MART, Rovereto), saranno invitati a partecipare ad una residenza di produzione presso Centrale Fies dal 1 al 10 luglio, durante la quale avranno a disposizione un budget, quest’anno ampliato, fino a 800 euro per produrre la performance e l’opportunità di partecipare a The Free School of Performance. I nove finalisti, poi, saranno presentati all’interno della 36esima edizione del Festival Drodesera nelle giornate del 25, 26 e 27 luglio 2016, durante le quali una giuria – composta da Aaron Cezar, Direttore di Delfina Foundation (Londra); Beatrice Merz, Direttrice della Fondazione Merz (Torino); Charles Aubin, Curatore Associato a Performa (New York) e Fondation Galeries Lafayette (Parigi); Lorenzo Benedetti, Curatore indipendente (Amsterdam, Parigi); Marwa Arsanios, artista, Co-fondatrice di 98Weeks (Beirut) -, decreterà il vincitore, a cui sarà offerto un premio di 1000 euro e un ulteriore periodo di residenza presso Centrale Fies. La scadenza del bando Live Works Performance Act Award Vol.4 è stata prorogata al 21 marzo 2016.

http://www.centralefies.it/upload/files/LW4(it)%20proroga.pdf

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community