Igor Eskinja – Non e’. Effimero/virtuale

Piacenza - 21/04/2012 : 26/05/2012

Da sempre interessato alla ricerca sulla percezione visiva, l'artista croato si propone di creare situazioni critiche e sovversive attraverso interventi semplici sul luogo espositivo, realizzati con materiali umili come polvere, inchiostro, nastro.

Informazioni

  • Luogo: BIFFI ARTE
  • Indirizzo: Via Chiapponi 39 - Piacenza - Emilia-Romagna
  • Quando: dal 21/04/2012 - al 26/05/2012
  • Vernissage: 21/04/2012
  • Autori: Igor Eskinja
  • Curatori: Federico Luger
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: Da martedi a sabato 10.30-12.30/16.00-19.30 domenica 16.00-19.30

Comunicato stampa

Biffi Arte apre con fierezza i propri ampi spazi alla contemporaneità e propone, dal 21 aprile al 26 maggio 2012, Non è. effimero/virtuale, prima mostra nella galleria piacentina dell’artista croato Igor Eškinja.

In che senso, contemporaneità? Sicuramente nell’accezione più sfuggente della parola: se fin dall’antichità greca i filosofi si interrogarono a lungo e caparbiamente sul non essere, l’arte di oggi, forse perché le società occidentali sperimentano un’enorme incertezza sul proprio destino, è tornata a confrontarsi senza paure con l’illusione, con l’assenza di sostanza dietro a immagini che sulle prime parrebbero comunicare all’occhio entità precise



In tempi come i nostri, nei quali ciò che è delude o lascia comunque insoddisfatta la coscienza anche quando i sensi sono stati brevemente soddisfatti, l’uomo ha fame di esperienze nelle quali non vi sia verità - o pretesa di verità - e tutto si risolva giocosamente in un effimero trapasso di immagini, che rendono virtualmente conto di un mondo che resta invece, nella sua realtà, inappropriabile, intangibile, incomprensibile.

Igor Eškinja, nato a Rijeca nel 1975, si diploma all’Accademia di Belle Arti di Venezia nel 2002. Il suo lavoro sta ottenendo da alcuni anni sempre più consensi sulla scena internazionale, come testimonia la sua installazione attualmente in mostra al Museum of Arts and Design di New York.

Da sempre interessato alla ricerca sulla percezione visiva, l’artista croato si propone di creare situazioni critiche e sovversive attraverso interventi semplici sul luogo espositivo: interventi che superano le implicazioni puramente politiche della smaterializzazione dell’oggetto d’arte, trattenendo l’osservatore sulla soglia fra realtà oggettiva e illusione, il punto limite in cui vien posto l’oggetto è ridotto al minimo e sospeso tra queste due dimensioni.

L’uso che egli fa di materiali umili - polvere, inchiostro, nastro - e della prospettiva a tre punti di fuga, crea divertenti ma puntuali critiche al potere dell’immagine e trova la sua iterazione più semplice, ma anche più efficace nella serie di opere Made In:side del 2007. Nel puntualizzare la complicità della fotocamera nel fabbricare la realtà, la serie sottolinea la fallacia insita nell’equiparare la rappresentazione e l’osservazione delle cose. Made In:side è composta da una serie di fotografie che apparentemente documentano rappresentazioni grafiche di sculture composte da imballaggi di cartone, di varia configurazione e misura, montati su uno spazio interno.

Siano essi capovolti, parzialmente smantellati o sovrapposti, questi assemblaggi di scatole manifestano le caratteristiche di ripetizione e minima differenza proprie del Minimalismo classico, spostandole tuttavia quasi impercettibilmente in una diversa estetica.

Eškinja manipola lo spazio realizzando ambienti capaci di indirizzare lo sguardo verso qualcosa di indicibile. Questo è piu’ che evidente in opere come Reanimated Original (2010), 34% Green on White (2010), e 31% Red on White (2010). L’effetto che ottiene sul visitatore è di spaesamento, non potendo egli avere una visione diretta dell’installazione, ma nemmeno della sua performance. Tutto è già accaduto in uno scarto di spazio e tempo nel quale ci troviamo immersi, tra il prima e il dopo, quello di una visione non più disponibile, restituitaci solo attraverso la fotografia.

Eškinja ricerca una relazione fisica e mentale fra cose che risultano vicine pur trovandosi a distanze differenti, e che nel contempo vanno a costituire un paesaggio. Questo si può fare soltanto attraverso lo sguardo cristallino della macchina fotografica.

Nella serie di opere Surface (2011), per esempio, ha realizzato dei set fotografici in situ, sovrapponendo alle consuete geometrie del luogo delle vere e proprie finestre, dei ritagli visivi in cui l’occhio della fotocamera fosse ingannato, permettendo a chi guarda di vedere gli spazi possibili oltre la siepe. L’artista ha avvertito infatti l’esigenza di costruire dei nuovi contesti per ambientare le proprie rappresentazioni, in maniera tale che l’opera - la fotografia - possa essere il prodotto finale di un’operazione scultorea e tridimensionale: in questo modo realtà e spazio di visione coesiston ambiguamente, l’uno all’altra indissolubilmente legati.

Nel lavoro di Eškinja la manipolazione dell’architettura e delle sue geometrie (in forma non invasiva né irreversibile: successivamente alla realizzazione dello scatto, gli ambienti vengono difatti riportati alla situazione iniziale) è l’artificio su cui si regge il suo metateatro. La finzione artistica diventa così rappresentazione del corto circuito tra tutte le possibili prospettive. Ecco allora l’autore entrare in completa simbiosi con il visitatore, protagonista fondamentale dei suoi lavori, e portarlo a interagire sulla base del gioco che s’instaura tra realtà e finzione, messo in moto dai naturali processi di percezione.

Come ha dichiarato l’artista stesso: Sono interessato a realizzare una situazione nella quale lo spettatore trova il suo equilibrio al limite dello spazio, creando una relazione mentale fra se stesso e il luogo in cui si trova.

In mostra sarà inoltre esposta una nuova installazione di Eškinja, in tre elementi, realizzati in multistrato di betulla, plexiglass e resina. L’opera è prodotta specificamente per l’occasione da Biffi Arte.