Nati con la cultura. Parte da Torino il progetto pilota del “passaporto culturale”: neonati gratis a Palazzo Madama con le famiglie

Prima si diceva nati con la camicia. Oggi Nati con la cultura, tornando a parlare del rapporto tra donne, infanzia e arte come primo momento di crescita verso una società responsabile. È questo il punto di partenza del progetto che verrà presentato a Torino domani 23 settembre – alle 15 – dalla Fondazione Medicina a […]

L'atrio dell'Ospedale Sant'Anna

Prima si diceva nati con la camicia. Oggi Nati con la cultura, tornando a parlare del rapporto tra donne, infanzia e arte come primo momento di crescita verso una società responsabile. È questo il punto di partenza del progetto che verrà presentato a Torino domani 23 settembre – alle 15 – dalla Fondazione Medicina a Misura di Donna, da sempre impegnata in questi temi, e da Palazzo Madama. I due enti hanno cercato una risposta a una serie di interrogativi: in che modo è possibile far incontrare il mondo delle famiglie con il museo? In che modo il momento della maternità e della paternità può essere associato a un’opportunità educativa che può trasformarsi in un talento per la vita futura dei bambini? Come il museo e il mondo sanitario possono accompagnare le responsabilità genitoriali?
La risposta che si sono dati, insieme all’Ospedale Sant’Anna, che peraltro domani ospiterà l’evento, è quella del “passaporto culturale”, che porterà i bambini fin dalla nascita ad entrare nei musei. Quello che volgarmente spesso si traduce in “prenderli quando sono ancora in fasce”. Ma scherzi a parte, il passaporto, destinato alla fascia 0-3 anni e alle famiglie dei piccoli, dando grande importanza all’accompagnamento genitoriale, verrà assegnato, in un modello virtuoso per Torino, ma scalabile ovunque, al momento dalle dimissioni dal Sant’Anna. I bimbi potranno visitare Palazzo Madama, scegliere un’opera e scattare una foto ricordo con i nuovi “cittadini della cultura”, un benvenuto destinato a circa 8mila neonati per un mondo più nuovo e consapevole.

– Santa Nastro

www.medicinamisuradidonna.it

CONDIVIDI
Santa Nastro
Santa Nastro è nata a Napoli nel 1981. Laureata in Storia dell'Arte presso l'Università di Bologna con una tesi su Francesco Arcangeli, è critico d'arte, giornalista e comunicatore. Attualmente è membro dello staff di direzione di Artribune. È inoltre autore per il progetto arTVision – a live art channel, ufficio stampa per l’American Academy in Rome e Responsabile della Comunicazione della Fondazione Pino Pascali. Dal 2011 collabora con Demanio Marittimo.KM-278 diretto da Pippo Ciorra e Cristiana Colli, con Re_Place, Mu6, L’Aquila e con Arte in Centro. Dal 2006 al 2011 ha collaborato alla realizzazione del Festival dell'Arte Contemporanea di Faenza, diretto da Angela Vettese, Carlos Basualdo e Pier Luigi Sacco. Dal 2005 al 2011 ha collaborato con Exibart nelle sue versioni online e onpaper. Ha pubblicato per Maxim e Fashion Trend, mentre dal 2005 ad oggi ha pubblicato su Il Corriere della Sera, Arte, Alfabeta2, Il Giornale dell'Arte, minima et moralia e saggi testi critici su numerosi cataloghi e pubblicazioni.
  • Antonio Martino

    Partorire con l’Arte e Nati con la Cultura, si incontreranno oggi a Torino, come e’ fisiologico che succeda, per un gemellaggio che guarda al futuro, con un sincronismo perfetto quanto predestinato.