La Vip Art Fair? È una bufala. Ditelo in giro. Conclusa la fiera d’arte online, arriva la bocciatura furente di Massimo Minini

“Se l’anno prossimo penso di partecipare di nuovo? Per carità è una bufala. Ditelo in giro”. Non usa certo mezzi termini, Massimo Minini, per chiarire senza possibilità di equivoco tutta la sua delusione per l’esperienza della Vip Art Fair. Artribune ha contattato il grande gallerista bresciano raccogliendo un giro di pareri sulla fiera d’arte online […]

Massimo Minini e Alighiero Boetti

Se l’anno prossimo penso di partecipare di nuovo? Per carità è una bufala. Ditelo in giro”. Non usa certo mezzi termini, Massimo Minini, per chiarire senza possibilità di equivoco tutta la sua delusione per l’esperienza della Vip Art Fair. Artribune ha contattato il grande gallerista bresciano raccogliendo un giro di pareri sulla fiera d’arte online che ha appena chiuso i battenti virtuali, per un articolo di considerazioni generali che presto leggerete sul sito.
E Minini, di cui peraltro abbiamo già parlato presentando il suo cyber-boot fieristico, non ha mostrato esitazioni nel liquidare senza appello l’iniziativa, almeno dal suo punto di vista. Ecco l’icastica sequenza di domande risposte, che la dice lunga più di qualsiasi commento. Che collezionisti avete incontrato? Qual era la loro nazionalità? “Nessun collezionista”. Come sono andate le vendite? Hanno rispecchiato le aspettative? “Nessuna vendita”. Qual è l’opera piu costosa da voi venduta? “Zero lire”. È soddisfacente questo tipo di relazione con i collezionisti? “No”. Appuntamento alla prossima fiera terrestre…

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.