L’inferno della bigliettazione. I fan dei Kraftwerk in subbuglio per la cattiva gestione dei concerti. No, non succede a Roma, ma a New York

Se fosse successo da noi, tutti avrebbero gridato allo scandalo, chiamando in causa l’ormai proverbiale disorganizzazione italica. Invece è successo al MoMA di New York, che per la vendita dei biglietti dell’attesissima serie di concerti dei Kraftwerk si è affidata ai software di Showclix, con risultati a quanto pare pessimi. Non solo i biglietti sono […]

Se fosse successo da noi, tutti avrebbero gridato allo scandalo, chiamando in causa l’ormai proverbiale disorganizzazione italica. Invece è successo al MoMA di New York, che per la vendita dei biglietti dell’attesissima serie di concerti dei Kraftwerk si è affidata ai software di Showclix, con risultati a quanto pare pessimi. Non solo i biglietti sono andati esauriti praticamente subito (ci sono polemiche anche sulla scelta di fare i live all’interno degli spazi ridotti dell’atrio del museo invece che in una sede idonea), ma tutti i fan che si sono catapultati sul sito il 22 di febbraio raccontano di disagi tecnologici di portata eccezionale.
Sito irraggiungibile, loading infiniti e pagine di errore. Insomma, come si direbbe in gergo nerd, una “epic fail”. Ma per fortuna c’è sempre qualcuno disposto a ironizzare, come l’utente di Youtube Lorinyc, che ha scritto una canzone intitolata “Kraftwerk Ticket Blues”, in perfetto stile electro-pop. Il tema? La coda digitale infinita per comprare i biglietti. What else?

– Valentina Tanni

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valentina Tanni è storica dell’arte, curatrice e docente; la sua ricerca è incentrata sul rapporto tra arte e tecnologia, con particolare attenzione alle culture del web. Insegna Digital Art al Politecnico di Milano e Culture Digitali alla Naba – Nuova Accademia di Belle Arti di Roma e Milano. Ha pubblicato “Random. Navigando contro mano, alla scoperta dell’arte in rete” (Link editions, 2011) e “Memestetica. Il settembre eterno dell’arte” (Nero, 2020).