La prima grande retrospettiva nel Regno Unito. Fra sacchi e cretti, Alberto Burri invade la Estorick Collection, ecco chiccera (e che c’era) alla mostra londinese

Una cinquantina di importanti opere che abbracciano quattro decenni, a partire dalle prime, rarissime, opere figurative risalenti alla fine degli anni Quaranta fino ai cellotex dell’ultima stagione. La Estorick Collection di Londra conferma la sua vocazione da sempre molto aperta verso il Belpaese, ospitando nella sua sede Form and Matter, la prima grande retrospettiva dell’opera […]

L'opening della mostra, alla Estorick Collection di Londra

Una cinquantina di importanti opere che abbracciano quattro decenni, a partire dalle prime, rarissime, opere figurative risalenti alla fine degli anni Quaranta fino ai cellotex dell’ultima stagione. La Estorick Collection di Londra conferma la sua vocazione da sempre molto aperta verso il Belpaese, ospitando nella sua sede Form and Matter, la prima grande retrospettiva dell’opera di Alberto Burri nel Regno Unito.
Una panoramica complessiva del pittore di Città di Castello, con una selezione di opere provenienti da importanti collezioni pubbliche e private italiane e del Regno Unito fra cui Tate Modern di Londra, la Galleria d’Arte Moderna di Roma ed i Musei Vaticani. L’ha curata lo storico dell’arte Massimo Duranti, per vederla di persona avete tempo fino all’8 aprile: intanto Artribune non si è persa l’opening dell’altro giorno, ecco chiccera (e anche cosa c’era)…

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.