L’Arte Povera non esiste? Anatema! E Artissima cancella lo show commissionato a Triple Candle

I contorni della questione non sono chiarissimi, perché le versioni sono comprensibilmente diverse. In sostanza, Artissima aveva commissionato a Triple Candle, spazio di Philadelphia, una mostra da tenersi nei giorni della fiera nell’ambito di Approssimazioni Razionali Semplici, progetto ideato da Lara Favaretto con Francesco Manacorda. Non vedendo comparire l’evento nel programma, hanno chiesto spiegazioni, giunte […]

Francesco Manacorda, uno dei membri della giuria

I contorni della questione non sono chiarissimi, perché le versioni sono comprensibilmente diverse. In sostanza, Artissima aveva commissionato a Triple Candle, spazio di Philadelphia, una mostra da tenersi nei giorni della fiera nell’ambito di Approssimazioni Razionali Semplici, progetto ideato da Lara Favaretto con Francesco Manacorda. Non vedendo comparire l’evento nel programma, hanno chiesto spiegazioni, giunte dallo stesso direttore di Artissima. Il motivo del dissidio? Triple Candle partiva dall’assunto paradossale che l’Arte Povera non è mai esistita. Ipotesi che Manacorda, come riporta il sito dello spazio americano, riterrebbe “potenzialmente molto offensivo per gli artisti e i galleristi che partecipano alla fiera”. Sin qui la versione degli statunitensi. Abbiamo contattato Manacorda, secondo il quale le cose sono andate in maniera assai diversa. “La cancellazione della mostra ideata da Triple Candie è un fatto che mi rattrista molto”, ci racconta. “Ero realmente interessato alla realizzazione di una mostra intelligente, che mettesse in discussione quegli assiomi ormai consolidati nei confronti dell’Arte Povera ed è per questo motivo che abbiamo deciso di commissionarla”. E tuttavia… “Il progetto tendeva a mettere in ridicolo in maniera superficiale le opere degli artisti, senza al contempo presentare argomenti utili a una riflessione sulla storia dell’arte”. E conclude: “La mostra, così come si era ormai delineata, cioè superficialmente caricaturale e priva di un reale contenuto scientifico, non era in alcun modo ‘difendibile’. Visionato il materiale e preso atto del loro categorico rifiuto di aprirsi al dialogo, mi sono visto quindi costretto a mettere fine alla collaborazione, senza alcun intento censorio”.

– Marco Enrico Giacomelli

Il comunicato di Triple Candle

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giornalista e dottore di ricerca in Estetica, ha studiato filosofia alle Università di Torino, Paris8 e Bologna. Ha collaborato all’"Abécédaire de Michel Foucault" (Mons-Paris 2004) e all’"Abécédaire de Jacques Derrida" (Mons-Paris 2007). Tra le sue pubblicazioni: "Ascendances et filiations foucaldiennes en Italie: l’operaïsme en perspective" (Paris 2004; trad. sp., Buenos Aires 2006; trad. it., Roma 2010), "Another Italian Anomaly? On Embedded Critics" (Trieste 2005), "La Nuovelle École Romaine" (Paris 2006), "Un filosofo tra patafisica e surrealismo. René Daumal dal Grand Jeu all'induismo" (Roma 2011), "Di tutto un pop. Un percorso fra arte e scrittura nell'opera di Mike Kelley" (Milano 2014), "Un regard sur l’art contemporain italien du XXIe siècle" (Paris 2016, con Arianna Testino). In qualità di traduttore, ha pubblicato testi di Augé, Bourriaud, Deleuze, Groys e Revel. Nel 2014 ha curato la mostra (al Museo della Scienza e della Tecnologia di Milano) e il libro (edito da Marsilio) "Achille Compagnoni. Oltre il K2". Nel 2018 ha curato la X edizione della Via del Sale in dieci paesi dell'Alta Langa e della Val Bormida. Ha tenuto seminari e lezioni in numerose istituzioni e università, fra le quali la Cattolica, lo IULM, l'Università Milano-Bicocca e l'Accademia di Brera di Milano, l’Alma Mater di Bologna, la LUISS di Roma, lo IUAV e Ca' Foscari di Venezia, l'Accademia Albertina di Torino. Redige (insieme a Massimiliano Tonelli) la sezione dedicata all'arte contemporanea del rapporto annuale "Io sono cultura" prodotto dalla Fondazione Symbola. Insegna Critical Writing alla NABA di Milano. È vicedirettore editoriale di Artribune e direttore responsabile di Artribune Magazine.