“Prima di fare l’artista, rubavo nei negozi”. Miranda July, dalle pagine del New Yorker, racconta il suo passato da taccheggiatrice…

Dalla prima volta che l’hanno beccata, a soli diciannove anni, per il furto di una confezione di Neosporin in un supermercato, a quando, più grandicella, si divertiva a organizzare truffe ai danni delle compagnie aeree, simulando furti di bagagli e riscuotendo l’assicurazione. Miranda July, acclamata artista e regista statunitense – il suo nuovo film, The […]

Miranda July

Dalla prima volta che l’hanno beccata, a soli diciannove anni, per il furto di una confezione di Neosporin in un supermercato, a quando, più grandicella, si divertiva a organizzare truffe ai danni delle compagnie aeree, simulando furti di bagagli e riscuotendo l’assicurazione. Miranda July, acclamata artista e regista statunitense – il suo nuovo film, The Future, presentato al Sundance Festival, è già sugli schermi americani ed esce il 4 novembre in Gran Bretagna – ha usato le pagine del New Yorker per raccontare il suo passato di “shoplifter”.
La July descrive il suo antico vizietto come un atto liberatorio: “sentivo di avere la libertà di auto-distruggermi, di rovinare tutto”. Fino a quando, seduta sulle gambe del suo primo vero fidanzato, ha deciso che era ora di mettere la testa a posto: “ho realizzato che non dovevo essere una criminale per essere un’artista. L’arte stessa poteva essere il mio crimine. Può essere abbastanza pericolosa da soddisfare il mio bisogno di ribellione”.  

– Valentina Tanni

www.mirandajuly.com
L’articolo sul New Yorker

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valentina Tanni è storica dell’arte, curatrice e docente; la sua ricerca è incentrata sul rapporto tra arte e tecnologia, con particolare attenzione alle culture del web. Insegna Digital Art al Politecnico di Milano e Culture Digitali alla Naba – Nuova Accademia di Belle Arti di Roma. Ha pubblicato “Random. Navigando contro mano, alla scoperta dell’arte in rete” (Link editions, 2011) e “Memestetica. Il settembre eterno dell’arte” (Nero, 2020). Collabora con la redazione di Artribune dalla sua fondazione.