Lo Strillone: Vittorio Emiliani paleozoico su L’Unità. E poi Grande Brera, Michelangelo, tagli in Piemonte…

Tempi moderni? Giusto di nome: perché l’intervento di Vittorio Emiliani nella pagina dei commenti su L’Unità profuma di cantina. Ex direttore generale RAI e raffinatissimo melomane, Emiliani torna sulla sponsorizzazione di Tod’s ai lavori al Colosseo ed agita il babàu di un’aggressione del privato al mondo della cultura. Che vi devo dire? Dieci, cento, mille […]

Quotidiani
Quotidiani

Tempi moderni? Giusto di nome: perché l’intervento di Vittorio Emiliani nella pagina dei commenti su L’Unità profuma di cantina. Ex direttore generale RAI e raffinatissimo melomane, Emiliani torna sulla sponsorizzazione di Tod’s ai lavori al Colosseo ed agita il babàu di un’aggressione del privato al mondo della cultura.

Che vi devo dire? Dieci, cento, mille Della Valle! Il modello trova i primi estimatori e La Repubblica nel lanciare Letizia Moratti alla guida del progetto “Grande Brera” ipotizza una soluzione di sponsorship alla romana per coprire i costi del restyling della Pinacoteca e dell’ampliamento dell’Accademia.

Altro che Michelangelo! È Marcello Venusti a firmare la crocifissione conservata all’Università di Oxford; ed è così per tutti da secoli. Quindi l’arrischiata nuova attribuzione michelangiolesca che Antonio Forcellino fa per l’Indipendent trova gli strali de Il Giornale. Con un caustico Vittorio Sgarbi sugli scudi.

Un vibrante Rocco Moliterni stronca su La Stampa Giovanna Quaglia, assessore regionale al bilancio che annuncia prossime vacche magre per la cultura alla piemontese. Tra la consueta carrellata di recensioni del lunedì Severini a Parigi, Fabre a Venezia e Simondo a Finale Ligure.

Lo Strillone di Artribune è Francesco Sala

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.