L’arte di oggi? Fa piangere. E allora ci pensa Luca Beatrice con la Biennale internazionale dell’umorismo. Ecco chiccera a Tolentino

“È uno dei critici che più si è occupato di arte contemporanea superando il limite del puro accademismo”. Chi? Luca Beatrice, stando alle motivazioni in base alle quali a Tolentino gli è stato conferito il Premio Accademia dell’Umorismo Luigi Mari. “L’analisi puntuale che ne scaturisce – prosegue la nota – rafforza l’attenzione verso  di cambiamenti […]

È uno dei critici che più si è occupato di arte contemporanea superando il limite del puro accademismo”. Chi? Luca Beatrice, stando alle motivazioni in base alle quali a Tolentino gli è stato conferito il Premio Accademia dell’Umorismo Luigi Mari. “L’analisi puntuale che ne scaturisce – prosegue la nota – rafforza l’attenzione verso  di cambiamenti e le novità nell’arte contemporanea, portando Beatrice ad assumere un atteggiamento particolarmente positivo nei linguaggi propri dell’Umorismo nell’Arte, dove è molto più difficile far ridere che far piangere”.
Occasione per il conferimento del riconoscimento, l’inaugurazione della Biennale internazionale dell’umorismo, che per una sera ha dirottato l’attenzione dai vari “padiglioni” sgarbiani alle Marche beatriciane. Chiccera? Scrutate le foto della gallery, potreste riconoscere Giuseppe Stampone, Vanni Cuoghi, Thorsten Kirchoff, Plinio Martelli – con la modella che ha dato vita alla performance legata alle sue foto -, Francesco De Molfetta, Angelo Bucarelli, Giuseppe Veneziano. Tutti gli altri scopriteli voi…

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.