Lo Strillone: no di Sgarbi agli artisti atei sul Giornale. E poi Pompei, Art Basel, Savinio…

Diego docet. Il Sole 24 Ore annuncia la disponibilità dello Stato a predisporre le condizioni necessarie e sufficienti al sostegno del privato nelle campagne di restauro di Pompei. I 105 milioni messi sul piatto da Roma non bastano: trovare un nuovo Della Valle – che solo per il Colosseo ne ha sborsati 25 – sarebbe […]

Quotidiani
Quotidiani

Diego docet. Il Sole 24 Ore annuncia la disponibilità dello Stato a predisporre le condizioni necessarie e sufficienti al sostegno del privato nelle campagne di restauro di Pompei. I 105 milioni messi sul piatto da Roma non bastano: trovare un nuovo Della Valle – che solo per il Colosseo ne ha sborsati 25 – sarebbe la soluzione ottimale.

Cose svizzere su La Stampa con ricco primo piano dedicato ad ArtBasel; e ricco box sulle meraviglie della grafica esposte, proprio nei giorni della maxi-fiera, nel mezzanino del Kunstmuseum di Basilea: Daumier, Redon, Tolouse Lautrec, Degas… e via dicendo.

Tutta la vita di Alberto Savinio, riedita per Adelphi, recensita oggi sul Corriere della Sera. Vittorio Sgarbi lancia il proprio anatema dalle colonne de Il Giornale: l’arte sacra ai sacristi! O almeno non agli atei: in vista della maxi mostra vaticana che celebra i sessant’anni di sacerdozio di Benny 16° chiede di far esporre solo artisti credenti.

Lo Strillone di Artribune è Francesco Sala

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.