Lo Strillone: Biennale laziale su Repubblica. E poi Leonardo, Papa Benedetto, Alex Webb…

La Gioconda? Se la tengano! Così a Libero e a Il Giornale il direttore degli Uffizi, Antonio Natali, sulla raccolta firme – obiettivo quota 100mila – che chiede di portare Monna Lisa in mostra a Firenze: “sono le persone che devono muoversi, non le opere d’arte”. E a proposito di opere da esportazione Il Fatto […]

Quotidiani
Quotidiani

La Gioconda? Se la tengano! Così a Libero e a Il Giornale il direttore degli Uffizi, Antonio Natali, sulla raccolta firme – obiettivo quota 100mila – che chiede di portare Monna Lisa in mostra a Firenze: “sono le persone che devono muoversi, non le opere d’arte”. E a proposito di opere da esportazione Il Fatto Quotidiano se la prende con Papa Benedetto 16 per la tournée a cui sottopone la Madonna di Foligno di Raffaello.

Arte e pubblicità su La Repubblica, con le dotte riflessioni iconologiche di Richard Prince sull’uso dell’immagine artistica nei commercials … e viceversa! Ma attenzione: c’è pure la recensione del biennalistico Padiglione laziale in Palazzo Venezia. Un appuntamento senza infamia e senza lode, ma che perde i propri ”patroni”: senza gli intellettuali che si fanno garanti degli artisti, che fine fa il concept di Sgarbi?

Primo piano dedicato a 30 anni in foto di Alex Webb: L’Unità sfoglia il catalogone che Contrasto edita per celebrare la carriera del reporter californiano.

Lo Strillone di Artribune è Francesco Sala

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.