Libero ponte in libero parco. A Madrid pronto l’Arganzuela footbridge di Dominique Perrault

Un ponte si sa, assolve la funzione primaria di collegare qualcosa, spesso due sponde di un’area solcata da un fiume. Ma capita – come in questo caso – che esso sia anche considerato più di un semplice link, passaggio, ma luogo privilegiato da cui godere una vista inaspettata su porzioni di città. Cosi probabilmente Dominique […]

Dominique Perrault - Arganzuela Footbridge (foto Ayuntamiento de Madrid _ DPA _ Adagp)3

Un ponte si sa, assolve la funzione primaria di collegare qualcosa, spesso due sponde di un’area solcata da un fiume. Ma capita – come in questo caso – che esso sia anche considerato più di un semplice link, passaggio, ma luogo privilegiato da cui godere una vista inaspettata su porzioni di città. Cosi probabilmente Dominique Perrault ha immaginato il ponte ciclopedonale Arganzuela, appena inaugurato a Madrid sul fiume Manzanarre. Lungo 278 metri lineari e con una larghezza che varia dai 5 ai 12 metri, è costituito da due tronchi di cono rastremati, che si guardano l’un l’altro come binocoli sovradimensionati.
Avvolti da nastri incrociati simili a costole di balena e da una rete metallica, i due segmenti di ponte assecondano un andamento elicoidale che disegna insieme la sua qualità strutturale e una trama filigranata di luci ed ombre, che genera un’alternanza di sezioni opache e sezioni trasparenti. Grazie al rivestimento in legno e alla creazione di sedute a gradoni (intelligente modo per creare dislivello e separare la zona pedonale da quella ciclabile) il ponte ben si presta come sito panoramico. Voluto dalla città di Madrid nel 2005, attraversa e scavalca (ma con accesso diretto) un grande parco pubblico di dieci ettari risistemato dai progettisti olandesi West 8, in collaborazione con i paesaggisti spagnoli Mrio Arquitectos. Una grande operazione complessiva quindi, che consente alla cittadinanza libero sfogo in libero parco, regalandole non solo una vasta area verde ma anche un interessante connettivo dal sapore contemporaneo.
A conferma che le due cose devono non solo coesistere, ma anche essere ugualmente fruibili nelle nostre città, pena il decadimento intellettuale che sposa esigenze green con bell’architettura…

Giulia Mura

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giulia Mura
Architetto specializzato in museografia ed allestimenti, classe 1983, da anni collabora con il critico Luigi Prestinenza Puglisi presso il laboratorio creativo PresS/Tfactory_AIAC (Associazione Italiana di Architettura e Critica) e la galleria romana Interno14. Assistente universitaria, curatrice e consulente museografica, con una forte propensione all'editoria e allo sviluppo di eventi e progetti culturali, per il magazine PresS/T letter e per il format Archilive ha curato una rubrica sui libri d'architettura. È stata caporedattrice per la rivista araba Compasses e da anni collabora come freelance per testate italiane e straniere; con continuità è presente nella versione online e onpaper di Artribune. È co-founder di Superficial, studio creativo di base a Roma che si occupa di ricerca e sviluppo di progetti incentrati su: comunicazione, immagine, architettura, design, cultura, eventi, branding.