Metti una sera a Camogli. Scatti dal Vascellari show alla Fondazione Remotti…

In attesa dell’ampio resoconto su Artribune Television, vi regaliamo qualche momento della serata Vascellari di sabato scorso, in quel di Camogli. Siamo alla Fondazione Remotti, e il Nico (inter)nazionale sta lanciando il suo nuovo progetto di “franchising” del brand Lago Morto, tenendo a battesimo una band punk-noise locale da lui medesimo selezionata. Generazioni a confronto: […]

In attesa dell’ampio resoconto su Artribune Television, vi regaliamo qualche momento della serata Vascellari di sabato scorso, in quel di Camogli. Siamo alla Fondazione Remotti, e il Nico (inter)nazionale sta lanciando il suo nuovo progetto di “franchising” del brand Lago Morto, tenendo a battesimo una band punk-noise locale da lui medesimo selezionata.

Generazioni a confronto: da un lato lo zoccolo duro dei giovani habitué accalcato intorno ai musicisti, dall’altro, più arretrati ma curiosi, i “diversamente ragazzi” che timbrano il cartellino dell’evento cultural-mondano. Rigorosamente separati finché, pian piano, l’atmosfera si surriscalda. E, allora, succede l’imprevedibile: signore dal look impeccabile iniziano a ballare (le avete riconosciute?), qualcuna addirittura accenna timidamente a pogare. Naturalmente, senza perdere un grammo della propria allure.

Braccia che si sollevano, mani che spingono, piedi che fremono. Impossibile star fermi. O restare indifferenti. Questa è roba che ti entra nella pancia, con una forza primitiva. Energia pulita (decibel a parte). “Assaggiate” per il momento la clip e le foto. Poi restate su Artribune per il video della performance raccontata da Vascellari stesso. To be continued…

Anita Pepe

www.fondazioneremotti.it

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Anita Pepe
Insegnante e giornalista pubblicista, Anita Pepe è nata a Torre del Greco (Na). Ha pubblicato il suo primo articolo nel 1990. La laurea in Lettere presso l’Università di Napoli “Federico II” l’ha indirizzata verso una formazione prevalentemente storica; si è avvicinata al contemporaneo per motivi professionali, collaborando per oltre dieci anni con quotidiani, periodici e websites. Ha scritto testi critici per mostre e interventi in spazi privati e istituzionali. Blogger a tempo indeterminato, non riesce a sottrarsi alle tentazioni del nazionalpopolare, politica inclusa. Avrebbe tanto voluto scrivere una minibiografia più cool, e si scusa per non esserci riuscita.