Una mostra che sarebbe stata impossibile vent’anni fa. È netto Rem Koolhaas nel definire Countryside. The Future, il progetto espositivo curato con Samir Bantal, Direttore di AMO, che fin dal suo annuncio, avvenuto tre anni fa, ha ispirato fiumi di inchiostro e decine di analisi sul cambio di prospettiva avvenuto nella carriera dell’architetto olandese.
Chiunque desideri comprendere le ragioni che hanno convinto l’autore di Delirious New York e S,M,L,XL a concentrarsi sulle trasformazioni in corso nelle aree rurali, proprio mentre tutti eravamo più o meno intenti a monitorare il contesto urbano, potrà varcare la soglia del Solomon R. Guggenheim Museum di New York, dal 20 febbraio al 14 agosto 2020, a caccia di risposte. Non si troverà di fronte oniriche visioni bucoliche: in mostra confluiranno infatti dati, indagini e studi condotti da AMO – il think thank dello studio di architettura OMA – insieme alla Harvard Graduate School of Design, alla Central Academy of Fine Arts di Beijing, all’olandese Wageningen University e all’University of Nairobi. Dalle tentacolari megalopoli mondiali ai campi coltivati fino alle distese desertiche, il passo sembra radicale e concreto per Koolhaas, che nel teaser di Countryside. The Future evidenzia come negli ultimi decenni “la campagna sia cambiata in modo quasi irriconoscibile”. E non è detto si tratti di un bene per gli esseri umani…

– Valentina Silvestrini

www.guggenheim.org

Dati correlati
AutoreRem Koolhaas
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valentina Silvestrini
Dal 2016 coordina la sezione architettura di Artribune, piattaforma per la quale scrive da giugno 2012, occupandosi anche della scena culturale fiorentina. Ha studiato architettura all’Università La Sapienza di Roma, città in cui ha conseguito l'abilitazione professionale. Ha intrapreso il percorso professionale in parallelo con gli studi, occupandosi di allestimenti museali, fieristici ed eventi presso studi di architettura e all’ICE - Istituto nazionale per il Commercio Estero fino al 2011. Successivamente ha frequentato il "Corso di alta formazione e specializzazione in museografia" della Scuola Normale Superiore di Pisa e ha curato gli eventi e la comunicazione della FUA - Fondazione Umbra per l’Architettura, a Perugia. I suoi articoli sono stati pubblicati anche su Abitare, abitare.it, domusweb.it, Living, Klat, Icon Design, Grazia Casa, Cosebelle Magazine e Sky Arte. Oltre all'architettura, ama i viaggi e ha una predilezione per l'Asia e il Medio Oriente.