Il 2019 è un anno ricco di anniversari. La ricorrenza più importante, tuttavia, è quella che sarà festeggiata il prossimo 20 luglio, quando saranno trascorsi cinquant’anni precisi dal primo allunaggio, effettuato dalla navicella Apollo 11 e dai i suoi astronauti, Neil Armstrong e Buzz Aldrin, nel 1969.
Per l’occasione, il regista americano Todd Douglas Miller ha diretto un nuovo film documentario che racconta nel dettaglio, con l’aiuto delle testimonianze dei protagonisti e di inediti materiali d’archivio, la più straordinaria impresa che l’uomo abbia mai compiuto: raggiungere un altro mondo.
Realizzato passando al setaccio oltre 11mila ore di filmati originali, il docufilm Apollo 11, uscito nelle sale statunitensi in questi giorni, vuole trasportare lo spettatore nel cuore dell’evento, facendogli rivivere la tensione e l’adrenalina di quegli attimi. Il momento in cui, come disse Armstrong appoggiando il piede sul suolo lunare, un piccolo passo per un uomo segnò “un grande passo per l’umanità”.

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.

LEAVE A REPLY