Neon in Contextual Play: Joseph Kosuth and Arte Povera, in corso fino al 20 gennaio presso la sede torinese della galleria Mazzoleni, presenta lavori al neon realizzati da Joseph Kosuth (1945) negli Anni Sessanta accostati a opere neon di artisti italiani dell’Arte Povera come Pier Paolo Calzolari, Mario Merz ed Emilio Prini.
La mostra indaga in modo estensivo le connessioni scaturite dalla miscellanea di parole, oggetti, colori e luce che hanno aperto prospettive nuove, in termini di percezione e di interazione, tra linguaggio e realtà.
La mostra, che fa coppia con Colour In Contextual Play. An installation by Joseph Kosuth, allestita in contemporanea nella stessa sede, viene commentata in questo video dallo stesso Kosuth, che sottolinea con forza il ruolo di opposizione degli artisti rispetto al mercato e spiega così la sua scelta di utilizzare il neon come materiale per le sue opere: “ho iniziato a lavorarci nel 1965, avevo vent’anni. Avevo bisogno di qualcosa che avesse la capacità di poter scomporre, scorporare. Inoltre il neon ha una lunga storia di uso nelle insegne pubbliche e le persone sono abituate a vederlo, così ho avuto modo di utilizzarlo per creare delle opere senza che fosse considerato Arte a priori.”

Evento correlato
Nome eventoJoseph Kosuth - Colour In Contextual Play / Neon in Contextual Play
Vernissage30/10/2017 ore 18
Duratadal 30/10/2017 al 20/01/2018
AutoriPiero Manzoni, Enrico Castellani, Mario Merz, Pier Paolo Calzolari, Joseph Kosuth , Lucio Fontana, Yves Klein, Emilio Prini
CuratoreCornelia Lauf
Generearte contemporanea
Spazio espositivoGALLERIA MAZZOLENI
IndirizzoPiazza Solferino 2 - Torino - Piemonte
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.