Un kimono, un’orchidea e un gatto

Alla Scottish National Gallery di Edimburgo, fino al 2 gennaio è allestita una retrospettiva di Elizabeth Blackadder. La consacrazione dell’ottuagenaria artista scozzese.

Elizabeth Blackadder - Iris Oncocyclus - 1996 - coll. privata - © l’artista

Un’anziana signora dai capelli bianchi sorride, raccontando come tutti i suoi conoscenti, di ritorno da un viaggio, le portino un souvenir, conoscendo la sua passione collezionistica e la sua impossibilità a viaggiare. È Elizabeth Blackadder (Falkirk, 1931), alla quale la Scottish National Gallery dedica una retrospettiva che permette, in sei sezioni, di ripercorrere le tappe della sua lunga carriera artistica.
La mostra è concepita secondo un criterio cronologico, con approfondimenti tematici sui soggetti più cari alla Blackadder, ossia la cultura giapponese e la botanica; passioni che si rivelano nella scelta dei soggetti e nei rimandi agli erbari e alle stampe orientali.
Nelle grandi sale dalle pareti color pastello si susseguono prima i dipinti degli anni giovanili, caratterizzati da colori cupi e da memorie di un viaggio di formazione fra Italia, Grecia ed ex Jugoslavia, poi le grandi tele dai toni vivaci, le cui superfici perdono progressivamente di profondità per riempirsi, soprattutto a partire dagli anni ‘60, di oggetti disparati, di difficile identificazione, la cui relazione reciproca è nota solo all’artista. Le nature morte e le scene d’interni sono uno dei segni distintivi di Elizabeth Blackadder che, nel corso del tempo, ha dimostrato la capacità di padroneggiare tecniche differenti e di interpretare il reale rimanendo distante da un naturalismo pedissequo.

Marta Cereda

Edimburgo // fino al 2 gennaio 2012
Elizabeth Blackadder
www.nationalgalleries.org


Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Marta Cereda
Marta Cereda (Busto Arsizio, 1986) è critica d’arte e curatrice. Dopo aver approfondito la gestione reticolare internazionale di musei regionali tra Stati Uniti e Francia, ha collaborato con musei, case d’asta e associazioni culturali milanesi. Dal 2011 scrive per Artribune.