Labics e Topotek 1 vincono il concorso per il Campus Bio-Medico di Roma

Dopo la vicenda di Palazzo dei Diamanti, lo studio romano si è aggiudicato un importante concorso. I risultati sono stati resi noti a qualche settimana di distanza dall’assegnazione dei concorsi per la riqualificazione della prima Zecca d’Italia e per la realizzazione della nuova sede dell’Istat, sempre nella Capitale

Corte per la campus life, Labics + Topotek 1 – via futureunicampus.it
Corte per la campus life, Labics + Topotek 1 – via futureunicampus.it

La dimostrazione che gli iter concorsuali sono possibili e gestibili in tempi certi ci arriva dall’Università Campus Bio-Medico di Roma (l’ateneo dell’Opus Dei) e UCBM Masterplan International Design Competition, che dopo aver bandito, nel 2017, un concorso ad inviti per il progetto di ampliamento della sua sede di Trigoria, ha annunciato da pochi giorni – dopo otto mesi di analisi e approfondimenti – il nome del vincitore. Si tratta dei romani Labics, in cordata con i tedeschi Topotek 1, che con la loro proposta Horti Academici hanno sbaragliato la concorrenza di architetti internazionali del calibro di Atelier(s) Alfonso Femia – che il mese scorso si è aggiudicato il concorso internazionale di riqualificazione e recupero della prima Zecca d’Italia – , Diller Scofidio + Renfro con Alvisi Kirimoto Partners, El Equipo Mazzanti, Mario Cucinella Architects, Sauerbruch Hutton, Xaveer De Geyter Architects.

COME STA CAMBIANDO IL CAMPUS CAPITOLINO

Parte del più vasto piùCampus 2015-2045 – piano trentennale dedicato all’implementazione delle tre dimensioni fondamentali dell’Ateneo, insegnamento, ricerca e assistenza – la proposta prevede un investimento di circa 200 milioni di euro totali, con un aumento significativo di tutte le capacità offerte dal polo ospedaliero: spazi e servizi passeranno da 77.500 mq odierni a 186mila mq, i ricoveri annui arriveranno a 20mila, gli studenti da 2mila a 5mila, i posti letto aumenteranno di 100 unità (da 300 a 400), e il numero di visite ambulatoriali dovrebbe arrivare ad 1 milione. “Oggi facciamo un passo verso il futuro del campus per dare ulteriore sviluppo ai nostri valori fondativi – ha sottolineato Davide Lottieri, Vice Presidente dell’Università – Tutto ciò con un disegno ragionato e frutto di un intenso lavoro e confronto che abbiamo approfondito per rispondere ad esigenze e necessità dell’avvenire scientifico, ma non solo. Ad accompagnare questo processo anche la scelta di promuovere costantemente la qualità infrastrutturale dei servizi e della vita per chi abita, utilizza o visita il campus tutti i giorni”.

IL PROGETTO DI LABICS

Il Masterplan presentato da Maria Claudia Clemente e Francesco Isidori, insieme ai paesaggisti Topotek 1, prende spunto dal contesto urbano e paesistico e dagli archetipi della Centuriatio e dei giardini rinascimentali. La natura della campagna romana entra e si sovrappone alla griglia compositiva stabilendo continuità e connessione con la Riserva Naturale di Decima Malafede, attraverso una sottile rete di percorsi pedonali, che valorizza e rispetta la topografia naturale del sito in un alternarsi di piani e cambi di quota. Una griglia flessibile di matrice quadrata organizza poi l’area di sviluppo del Campus, secondo un ordine che pone al centro la persona e le sue relazioni. I nuovi edifici pensati da Labics sono caratterizzati da un linguaggio formale omogeneo e sono sviluppati entro un sistema di spazi pubblici: logge, piazze e corti. Le infrastrutture a servizio della comunità, invece, tra cui le residenze, gli impianti sportivi, il Centro Civico per le Arti, l’Osservatorio per la Terza Missione e l’Internazionalizzazione sono posizionate sul confine nord-ovest dell’area edificabile a contatto con la città. Ora non resta che aspettare l’inizio del cantiere.

– Giulia Mura

www.labics.it
www.futureunicampus.it
www.topotek1.de

Dati correlati
Autore Labics
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giulia Mura
Architetto specializzato in museografia ed allestimenti, classe 1983, da anni collabora con il critico Luigi Prestinenza Puglisi presso il laboratorio creativo PresS/Tfactory_AIAC (Associazione Italiana di Architettura e Critica) e la galleria romana Interno14. Assistente universitaria, curatrice e consulente museografica, con una forte propensione all'editoria e allo sviluppo di eventi e progetti culturali, per il magazine PresS/T letter e per il format Archilive ha curato una rubrica sui libri d'architettura. È stata caporedattrice per la rivista araba Compasses e da anni collabora come freelance per testate italiane e straniere; con continuità è presente nella versione online e onpaper di Artribune. È co-founder di Superficial, studio creativo di base a Roma che si occupa di ricerca e sviluppo di progetti incentrati su: comunicazione, immagine, architettura, design, cultura, eventi, branding.

LEAVE A REPLY