Piccolo mondo antico

Lugano - 23/03/2018 : 23/04/2018

Nuova esposizione temporanea dedicata al “Piccolo mondo antico” di Antonio Fogazzaro allestita al Museo delle dogane svizzero.

Informazioni

  • Luogo: MUSEO DELLE DOGANE SVIZZERO
  • Indirizzo: Cantine di Gandria, 6978 - Lugano
  • Quando: dal 23/03/2018 - al 23/04/2018
  • Vernissage: 23/03/2018
  • Curatori: Lorenzo Sgarzini
  • Generi: inaugurazione
  • Orari: 25 marzo - 21 ottobre 2018, 13h – 17h, tutti i giorni

Comunicato stampa

Domenica 25 marzo, con due settimane di anticipo rispetto al 2017, riaprirà al pubblico il Museo delle dogane svizzero (Cantine di Gandria), uno dei gioielli espositivi del Lago di Lugano, meta ogni anno di migliaia di visitatori.
Nell’esposizione permanente e nella mostra promossa dall'Associazione "Stop Piracy" sono riassunti la storia centenaria e il lavoro quotidiano di migliaia di guardie di confine

Uomini e donne che presidiano le frontiere della Confederazione e, nello stesso tempo, contrastano ogni forma di moderno contrabbando: dall’importazione illecita di prodotti contraffatti al traffico di stupefacenti, al transito illegale di stranieri, sino ai controlli sulle attività economiche transfrontaliere.
Per il secondo anno, la gestione del Museo delle dogane è affidata al MUSEC - Museo delle Culture di Lugano che per la stagione 2018 ha allestito, al secondo piano della storica caserma del doganiere, la mostra “Un piccolo mondo antico. Parole e immagini di Antonio Fogazzaro, Pietro Chiesa e Mario Soldati”, accompagnata da un volume curato da Lorenzo Sganzini.
Oltre a raccontare un momento chiave della storia letteraria del lago di Lugano, la mostra rinnova e arricchisce l’offerta espositiva del Museo delle dogane, il cui edificio è anche un punto privilegiato di osservazione dal quale è possibile volgere lo sguardo proprio verso i luoghi descritti da Fogazzaro nel suo celebre romanzo.
L’obiettivo principale del Museo delle dogane resta sempre lo stesso: continuare a favorire una riflessione sulle attività di doganieri e guardie di confine della Confederazione, gettando uno sguardo anche sulla storia locale e sulla cultura del confine che tanto peso ha avuto soprattutto lungo le sponde dei grandi laghi prealpini.
Confermate anche per quest’anno le principali novità della rinnovata gestione del Museo delle dogane, ovvero l’apertura al pubblico di un bookshop/boutique e le visite guidate gratuite domenicali (da luglio ad agosto).
Nel 2017 il Museo delle dogane ha superato gli ottomila visitatori in poco meno di 200 giorni, confermandosi tra i siti museali più frequentati nel panorama ticinese.