Macao, nuovo Centro per le Arti, la Cultura e la Ricerca racconta il progetto del Summer Camp nelle giornate di giovedì 13, venerdì 14 e sabato 15 settembre.

Informazioni

  • Luogo: MACAO - NUOVO CENTRO PER LE ARTI LA CULTURA E LA RICERCA
  • Indirizzo: Viale Molise 68 - Milano - Lombardia
  • Quando: dal 13/09/2012 - al 15/09/2012
  • Vernissage: 13/09/2012 ore 22
  • Generi: performance – happening, incontro – conferenza, serata – evento, musica, new media, teatro

Comunicato stampa

Macao, nuovo Centro per le Arti, la Cultura e la Ricerca racconta il progetto del Summer Camp
nelle giornate di giovedì 13, venerdì 14 e sabato 15 settembre.
Macao inaugura la nuova stagione valorizzando il contributo di chi collabora ad un processo
che prende forma intorno ad un nuovo immaginario e ridisegna un edificio di valenza storica
abbandonato al degrado, per restituirlo alla cittadinanza come un luogo da poter vivere e
attraversare, dove produrre e fruire arte e cultura


Il progetto di riqualificazione e valorizzazione dello spazio dell’ex Borsa del Macello di Viale
Molise 68 ha attivato un inedito processo collaborativo che ha mobilitato persone e risorse,
grazie ad una piattaforma in rete che ha permesso ad ogni cittadino, studente, lavoratore, artista,
performer, musicista e teatrante di donare una parte del suo tempo, delle sue competenze e/o dei
propri materiali in cambio di vitto, alloggio e momenti formativi, performativi e creativi.
Il progetto è stato l’occasione per sperimentare una diversa forma di contribuzione attraverso
il modello reward-based di crowdfunding, per proporre pratiche di co-progettazione degli spazi
(il teatro-cinema, la biblioteca che conta già circa 2.000 volumi donati dalla cittadinanza, il
caffé letterario, i laboratori) e per favorire il consumo consapevole di alcune delle risorse di cui
disponiamo promuovendo operazioni di dumpster diving (Nord America) e skipping, o bin diving
(Gran Bretagna), l’utilizzo di avanzi della giornata rimasti invenduti, ma ancora commestibili, o
prodotti dalle confezioni imperfette che non possono essere esposti sugli scaffali di vendita.
I partecipanti hanno realizzato e condiviso un diario scritto a più mani e la narrazione collettiva
e quotidiana ha contribuito alla comunicazione di un progetto in divenire, aggregando ulteriori
esperienze e saperi. I materiali verranno raccolti in un e-book di prossima realizzazione.
Il Summer Camp che si avvia a concludersi dimostra e rilancia l’idea di una comunità di cittadine
e cittadini, lavoratrici e lavoratori, che, con i propri corpi, le proprie intelligenze e competenze, è
capace di ripensare uno spazio abbandonato attraverso pratiche partecipative di autogestione e
di ridefinirlo come un bene della e per la collettività.
MACAO
NUOVO CENTRO PER LE ARTI, LA CULTURA E LA RICERCA
VIALE MOLISE 68 MILANO
ufficio stampa
+39 347 8285748
+39 347 6585870
[email protected]
info
[email protected]
www.macao.mi.it
www.facebook.com/macaopagina
come raggiungerci
passante ferroviario fermata Porta Vittoria
bus 90 91 93 66
tram 12
ORA SI COMINCIA
MACAO PROGETTUALITA’ MULTIDISCIPLINARE
PANORAMICA SULLA stagione autunno 2012
Cogliamo l’occasione in questi giorni di chiusura del Summer Camp per presentare le tante attività,
idee, produzioni e pratiche politiche su cui Macao sta lavorando in uscita dall’estate e in
avvio del prossimo autunno.
Abbiamo da sempre presentato Macao come un insieme di lavoratrici e lavoratori che si riorganizzano
dal basso per dar vita a nuovi modelli di produzione artistica e culturale, condivisione delle
risorse e produzione di valore adeguata ai bisogni della città.
I lavori di riqualificazione di alcuni primi spazi dell’ex Macello sono funzionali ad ospitare produzioni
artistiche, esibizioni, iniziative culturali e servizi per il quartiere. Ad oggi Macao, grazie al
lavoro quotidiano di molti cittadini, ha una sala cinema e teatro, uno spazio biblioteca e un grande
e ospitale salone centrale come zona moltifunzione, adatta a incontri pubblici e area conviviale.
Andiamo a presentare di seguito alcune attività in atto per aree disciplinari:
Architettura
Per Macao la stagione è iniziata a fine agosto a Venezia, con un ciclo di seminari e azioni dal
titolo Occupy Biennale Common Battle Ground, costruiti con Sale Docks, cui hanno partecipato
Teatro Valle Occupato, Cinema Palazzo, Lavoratori di Cinecittà, la rivista Alfabeta2, archittetti ed
urbanisti, in contemporanea all’inaugurazione della Biennale d’Architettura.
Numerose le offerte di collaborazione da parte di urbanisti, designer ed architetti internazionali,
per la costruzione del nuovo centro per le arti la cultura e la ricerca. Sarà il gruppo olandese
STEALTH (curatori del Padiglione Olandese della scorsa Biennale d’Architettura) ad avviare un
primo workshop per disegnare gli interni della biblioteca di Macao. Mentre i primi di ottobre da
Parigi arriverà a Macao il collettivo EXYZT, esperti di design con materiali di riciclo, per collaborare
alla riqualificaizone del Caffè Letterario.
Arti per formative
Sul fronte delle arti performative, Macao collabora durante l’estate con la compagnia Motus nella
creazione dello spettacolo WHERE presentato al FIES Festival nelle centrali di Dro a fine luglio.
In questi giorni il progetto prosegue rinnovandosi nell’ambito del Festival Short Theatre 7 a Roma.
Inoltre Macao partecipa a fine agosto al Festival di Teatro ed arti sperimentali F.A.C.K. in Romagna,
creando un intervento site specific dal titolo Sedute Andanti.
Arte contemporanea
A fine settembre Macao inaugurerà all’ex Macello un primo progetto espositivo presentando una
personale del gruppo russo VOINA (artisti dissidenti ricercati del regime di Putin e co-curatori
della biennale d’Arte di Berlino di quest’anno).
I primi di Ottobre, Macao parteciperà ad una sezione internazionale della mostra A Life in Common
della Fondazione Pistoletto alla Cittadella dell’Arte di Biella.
Macao sta collaborando inoltre con l’allestimento della mostra Isola Fight Specific, personale di
Isola Art Center che inaugura il 2 ottobre ai Frigoriferi Milanesi, e che si espande anche negli spazi
dell’Ex Macello e nel quartiere Isola-Garibaldi. Nell’ambito di questo progetto numerose saranno
le azioni, le occasioni di incontro e le presentazioni di libri.
Cinema e video
Si è aperto durante l’estate un progetto cinematografico in cui Macao collabora con il direttore
della fotografia LUCA BIGAZZI alla creazione di un film in pellicola sulla riqualificazione degli spazi
della palazzina liberty dell’ex Macello. Il gruppo è ora impegnato nella scrittura collettiva del
soggetto, per avviare le riprese nel corso dell’autunno.
Scrittura
Il gruppo di scrittori KAI ZEN (i cui romanzi si possono attribuire alla corrente narrativa della New
Italian Epic) avvieranno un progetto di scrittura collettiva in forma di Workshop a Macao, per
sviluppare percorsi originali di narrazione condivisa e consapevolezza politica.
Ricerca teorica e pratiche di lotta
Nel corso dell’estate intellettuali, sociologi, filosofi e lavoratori, hanno avviato a Macao
un’autoinchesta per indagare la composizione della mobilitazione che lo compone. L’obiettivo
è tracciare la composizione lavorativa, economica e sociale di quel settore cosidetto delle
Industrie Creative che si è mobilitato a Milano con Macao: com’è contrattualizzato, di che redditi
dispone, quale il grado di indebitamento e quali speranze ripone in nuovi modelli di organizzazione.
Questo gruppo di lavoro farà confluire i risultati della ricerca in un Seminario a novembre con
relatori nazionali e internazionali sul tema del rapporto fra industrie creative e partiche di lotta,
organizzato a Macao in collaborazione con Sale Docks di Venezia.
Nel mese di settembre invece continua nel terriotrio di Milano una discussione sullo statuto
giuridico delle pratiche di cittadinanza attiva: Macao propone un ciclo di incontri dal titolo Città
Costituente, aperti a tutti i soggetti e alle reti organizzate quali comitati cittadini, movimenti,
esperienze di autogestione, e associazioni del terzo settore. L’obiettivo di Macao è dare una
legittimità giuridica alle forme di lotta e di autodeterimanzione di cittadinanza attiva e di
democrazia parteciaptiva.
Sul piano nazionale Macao, assieme a tutta la rete dei teatri e degli spazi d’arte occupati, partecipa
e aderisce alla riapertura della Commissione Rodotà del Ministero della Giustizia sui Beni Comuni.
Macao continua ad essere in sinergia e ascolto con il quartiere che si sviluppa attorno a via Molise,
sui temi dell’infanzia, della formazione professionale e del disagio psichico. A questo rigurado
da fine settembre avrà inizio un progetto dal titolo Arti della Cura, con l’obiettivo di avviare una
discussione storico-teorica sulla questione della malattia mentale e del rapporto follia-società.
ORA SI COMINCIA
MACAO PROGETTUALITA’ MULTIDISCIPLINARE
IL PROGRAMMA:
GIOVEDI 13 SETTEMBRE
H. 22.00
Il Babau & i Maledetti Cretini live
A seguire
Night Royale DJ Set
VENERDI 14 SETTEMBRE
H. 18.00
Presentazione ebook a cura di MACAO raccontiamo il SUMMERCAMP
A seguire
incontro con Kai Zen ed i partecipati al summer camp
H. 20.00
Meta esercizi di scrittura collettiva con Kai Zen
H. 22.00
The Piano Machine live
A seguire
Dj Mao
nu-funk/break beat/electro swing/mash up
SABATO 15 SETTEMBRE
Dalle 10.30 per tutto il giorno:
Workshop di progettazione dello spazio biblioteca con gli Stealth
Dalle 11.00 alle 16.00
Laboratorio di ricerca teatrale - Primo incontro condotto da Elisabetta Pogliani “La Fionda Teatro”
Dalle 14.00 alle 17.00
Workshop Arduino - Introduzione open hardware
Dalle 16.30 alle 17.30
Workshop “training fisico e vocale per l’attore” con Roberta Secchi
H. 17.00
“Cinemacello”, proiezioni a cura del tavolo video Macao
H. 22.00
Lo Stato Sociale live
A seguire
Cegna DJ Set + Treville Van De Kamp DJ Set + Deconpression Video VJ Set
TUTTI GLI EVENTI ED I WORKSHOP SONO AD OFF ERTA LIBERA
Per informazioni ed iscrizioni
[email protected]
Evento Facebook: https://www.facebook.com/events/156625531142300
MACAO SUMMERCAMP
LE GRAND FINAL 13|14|15 SETTEMBRE
Babau & i maledetti cretini
Pogetto artistico sorto al crocevia tra musica, teatro e letteratura. Nato come gruppo di rock
regressivo, prende il nome da un
quadro a fumetti di Dino Buzzati (Il Babau, 1967) cui dedica anche la sua opera prima,
il (quasi) concept album “DIO, DIO MIO CHE COSA ABBIAMO FATTO”. Dopo un cambio di
formazione e lasciata da parte la forma canzone, reinventa il “fonodramma”, suggestiva
trasposizione in chiave musicale di racconti letterari. Con questa formula dedica una
trilogia, di prossima pubblicazione, a E.A.Poe ed ora si cimenta con l’opera di Buzzati.
http://www.myspace.com/ilbabauimaledetticretini
THE PIANO MACHINE
Canzoni e brani strumentali, nati da improvvisazioni pianistiche e produzione elettronica, sviluppati
attraverso l’idea del pianoforte come macchina per fare canzoni, influenzati da vent’anni di lavoro
musicale e di ascolti a cavallo tra anni ‘90 e ‘00: indie rock, psichedelia, britpop, cinematica,
ambient, contemporanea.
www.thepianomachine.com
LO STATO SOCIALE
(Concerto preceduto da momento di dialogo informale e performance teatrale scritta e diretta da
Lodo, il cantante della band)
“Lo Stato sociale è una band bolognese attiva da tre anni o forse quattro, nata per gioco da
Lodo, Albi e Bebo chiusi in una sala prove\monolocale\rifugio essenziale con un caldo bestiale e
un sacco di birre. [...] Lo stato sociale è soprattutto un gioco, un divertimento incredibile messo
assieme da cinque amici. Un giorno abbiamo deciso di caricare gli strumenti nell’auto di bebo
e da lì non ci siamo più fermati. Sono cambiate molte cose, molte persone si sono aggiunte in
qualche maniera, [...] è arrivata la famiglia Garrincha Dischi, molte più orecchie ascoltano le
nostre canzoncine. Molte più di quanto avremmo mai immaginato.”
http://www.lostatosociale.it
SUMMERCAMP LE GRAND FINAL
MUSICA LIVE @MACAO: I NOSTRI OSPITI
SUMMERCAMP LE GRAND FINAL
SCRITTURA COLLETTIVA CON KAI ZEN
KAI ZEN
I Kai Zen sono un collettivo di scrittori di origini ed esperienze diverse nato in internet nel 2003 di
cui fanno parte Jadel Andreetto, Bruno Fiorini, Guglielmo Pisapia e Aldo Soliani (Bologna, Bolzano,
Messina, Sesto San Giovanni). Hanno dato vita a diversi progetti di scrittura collettiva che si
possono leggere liberamente su http://www.romanzototale.it/2008/Index.html e su http://www.
lastrategiadellariete.org/ e curano il sito http://www.kaizenlab.it/ .
Hanno pubblicato nel 2005 Spauracchi e La Potenza di Eymerich in collaborazione con Valerio
Evangelisti (entrambi Bacchilega Editore), nel 2007 La strategia dell’ariete (Mondatori) e nel 2010
Delta Blues (Verdenero). Il loro romanzi sono attribuibili alla corrente narrativa del New Italian
Epic, secondo la definizione coniata da Wu Ming 1 nel 2008 (http://www.wumingfoundation.com/
italiano/WM1_saggio_sul_new_italian_epic.pdf ). Tutto il materiale prodotto dai Kai Zen viene
pubblicato e diffuso con licenza creative commons.
Aldo dei Kai Zen si confronterà con Macao sulla prima esperienza di scrittura collaborativa nata
per raccontare il Summer Camp e sui temi sociali, culturali e politici ad essa legati. L’incontro
rappresenta il primo passo di un progetto in costruzione sulla scrittura collettiva che vorrebbe
portare a Macao i Kai Zen al completo e altri progetti in linea con l’argomento per sviluppare
percorsi originali di narrazione condivisa e consapevolezza politica.
SUMMERCAMP LE GRAND FINAL
Progettiamo LA BIBLIOTECA CON gli Stealth
Stealth UNLIMITED
STEALTH.unlimited è un collettivo con base tra Rotterdam e Belgrado creato nel 2000 da Ana
Džokić e Marc Neelen.
STEALTH dà forma ad opportunità d’incontro tra diversi campi di indagine e mette in movimento
visioni per i futuri possibili della città. Consideriamo lo spazio tanto come strumento quanto
come organismo, e ci concentriamo su quegli aspetti innovativi, a volte nascosti, temporanei o
non pianificati, delle realtà urbane capaci di generare provocazioni che riguardino aspetti fisici e
culturali della città.
Per fare questo i continui cambiamenti di prospettiva – dalla ricerca urbanistica alle arti visive,
dagli interventi nello spazio urbano all’attivismo culturale – sono un elemento chiave. Attraverso
la creazione di dispositivi che possono assumere la forma di uno specifico intervento in uno
spazio fisico, o di un’occasione di scambio di sapere, oppure ancora di un software, creiamo delle
condizioni sperimentali per testare la creazione condivisa di uno spazio e di una cultura urbana.
Slovenia (Lost Highway, Lubiana, 2007), Svezia (Open Studios, Stoccolma, 2007) e Cina (Biennale
Architettura, Pechino, 2006).
CINEMACELLO
Macao inaugura CineMacello, sabato 15 settembre alle ore 17.00 in occasione dei tre giorni di eventi
che si terranno nei nuovi locali di Viale Molise 68, per sigillo della fine del Summer Camp.
Dopo i mesi estivi trascorsi tra pennelli, sudore e carta vetrata per la ristrutturazione della nuova
sede di Macao presso l’Ex Macello, la programmazione riprende frenetica: seminari, appuntamenti,
discussioni ma anche l’apertura di un nuovo spazio polifunzionale e versatile destinato ad ospitare
concerti, performace teatrali, video arte e proiezioni cinematografiche.
CineMacello è la rassegna di proiezioni che debutta a Macao in concomitanza con la celebrazione
istituzionale e pluridecennale del Festival di Venezia a Milano (“Le vie del cinema”) e l’inaugurazione
del Milano Film Festival. L’intento di CineMacello è dare spazio e visibilità a quel Cinema di qualità
premiato dai festival ma punito dal mercato, un cinema che rimane invisibile a causa della
mancata distribuzione nelle tradizionali sale dei circuiti cinematografici italiani.
“Del Cinema, non si butta via niente!”: questa la sintesi più adeguata dell’iniziativa di Macao nata
per promuovere e diffondere quella cultura cinematografica da sempre penalizzata perché non
prodotta secondo logiche da cinepanettone, ma con la convinzione che qualunque pubblico, grazie
alle immagini, vada provocato e non addomesticato.
NOTTE SENZA FINE
Notte senza fine è il nome che abbiamo dato ad una serie di proiezioni a cadenza mensile che
occuperanno lo spazio di una notte fino all’alba. la serie di proiezioni è stata inaugurata con la
presenza di Enrico Ghezzi e la proiezione di Melancholia di Lav Diaz, un film lungo otto ore: una
richiesta forte allo spettatore che va oltre la normale pratica di fruizione di un film.
Ci piacerebbe continuare su questa linea proponendo film che sfidano i canoni del cinema come
intrattenimento e che portano con se, soprattutto nelle soluzioni formali, un esempio di pratica
sovversiva e destabilizzante.
Senza distinzioni di tempo e luogo verranno proposte notti dedicate a singoli autori o verranno
accostati film lontani fra loro ma accomunati da soluzioni simili, rimandi nascosti, forme ripetute.
Lo scopo infine di questa iniziativa è quello di ritrovare una dimensione partecipata della proiezione,
affidando alla durata della notte la messa in gioco del nostro sguardo di spettatori.
SUMMERCAMP LE GRAND FINAL
PROGETTI A CURA DEL TAVOLO VIDEO
PROGETTO BIGAZZI
Da circa due mesi Macao è in contatto con Luca Bigazzi, direttore della fotografia di fama intenazionale
per la realizzazione di un progetto filmico all’interno dell’Ex Macello.
http://it.wikipedia.org/wiki/Luca_Bigazzi
Ci sono stati finora due incontri con Luca che hanno portato grande entusiamo e voglia di esprimere
un’opera corale condivisa e partecipata da tutti.
Insieme a Luca è maturata la scelta registica di costruire un Piano Sequenza perché dal punto di vista
formale è la scelta che meglio rappresenta la natura fluida, dinamica e in divenire di Macao. Il senso
e la qualità della nostra presenza dal punto di vista artistico, sociale e politico. Il vuoto e il pieno, il
buio e la luce sono gli estremi che attraverso le azioni e il movimento dei corpi possono esprimere la
nostra pratica e la natura vitale e trasformatrice di Macao. Uno spazio e un territorio abbandonati sono
ora riempiti di senso, di partecipazione e di progettualità.
Il film con Bigazzi è una grande occasione per Macao e per la città di Milano, per poter esprime con
grande forza artistica parte della sua storia e dei suoi valori.
Il progetto filmico segna infatti una tappa importante anche nel processo di “conoscenza/presa di
consapevolezza” dello spazio fisico dell’ex-macello, uno spazio che può essere indagato atttraverso
diverse pratiche e forme.
Ci pare utile proporre da subito un percorso di indagine/ricerca dello spazio attraverso una pratica
dei corpi che indaghino le stratificazioni di cui l’ex macello si compone, continuando nei percorsi già
proposti nei laboratori del Summer Camp e creandone di nuovi.
CSCI - CONSORZIO SALE CINEMATOGRAFICHE INDIPENDENTI
La distribuzione cinematografica Italiana si è dimostrata sempre più inefficace di fronte al continuo
aumento dell’offerta di prodotti indipendenti.
Film e documentari indipendenti spesso non raggiungono alcun tipo di visibilità a danno di chi li produce
e di un pubblico sempre più esigente.
Macao insieme agli altri centri della rete nazionale di cui fa parte (TEATRI GARIBALDI, COPPOLA E
VALLE, CINEMA PALAZZO, SALE DOCK DI VENEZIA, ETC...) si propone di costituire una rete di distribuzione
indipendente per film, documentari e serie a basso costo.
Sfruttando le sale distribuite sul territorio nazionale vorrebbe offrire una vetrina per tutti quegli autori
che autofinanziando e autoproducendo le proprie opere si scontrano con la frustrazione di un mercato
che non accoglie prodotti “diversi” per soggetto, poetica e formato. Non chiusi alla possibilità di unirsi
a reti già esistenti sia a livello nazionale che europeo, per aumentare la forza espositiva e contrattuale
del progetto.
Una rete distributiva alternativa e legata a doppo filo alla produzione cinematografica indipendente. Un
progetto ambizioso e articolato che ci vedrà impegnati come macao e tavolo video nei prossimi mesi.
SUMMERCAMP LE GRAND FINAL
PROGETTI A CURA DEL TAVOLO VIDEO
ORA SI COMINCIA
PROGRAMMAZIONE AUTUNNALE
I VOINA A MACAO
Per la programmazione autunnale, Macao ospiterà una mostra già organizzata dal S.a.L.E. Docks
di Venezia sui Voina, collettivo attivo in Russia dal 2005, conosciuto in tutto il mondo (http://
en.wikipedia.org/wiki/Voina) per le sue azioni provocatorie di arte performativa.
In questa occasione, Macao proporrà un dibattito sul rapporto arte-politica evidenziato dalle
azioni dei Voina, per poter analizzare in modo approfondito un altro modo di fare arte.
EXYZT A MACAO
L’associazione parigina nasce nel 2003 dall’iniziativa di cinque architetti per un progetto di
autocostruzione in un lotto abbandonato della città. Oggi il gruppo, una piattaforma creativa
pluridisciplinare, conta una ventina di persone tra architetti, grafici, videomakers, fotografi, dj,
botanici, costruttori e collaboratori da diverse zone del mondo.
Dalla Biennale di Venezia del 2006, in cui hanno allestito, con un progetto in collaborazione
con Patrick Bouchain, il padiglione francese, ad oggi, questo gruppo variegato è
intervenuto in Europa ed in Africa ed ovunque ci sia stata l’esigenza di inventare mondi.
La condivisione degli ideali e degli intenti, nonché delle forme di produzione, ha avvicinato M^C^O
e gli EXYZT, che saranno presenti dall’1 all’8 ottobre nell’Ex-Borsa del Macello di Via Molise 68,
per costruire in maniera collettiva, partecipata ed ovviamente aperta a tutta la cittadinanza,
il futuro Caffè Letterario. Il progetto si baserà sul riciclo dei materiali ritrovati all’interno
dell’edificio abbandonato da anni e darà vita ad un nuovo spazio per la cittadinanza pensato per la
presentazione di libri e riviste, per seminari e conferenze, in un ambiente rilassante e stimolante.
LE ARTI DELLA CURA
A partire da fine settembre, nell’ambito del progetto “Le arti della cura”, che si interessa delle
tematiche legate al disagio psichiatrico, sarà avviato un workshop suddiviso nei seguenti punti:
1. La questione della malattia mentale e il rapporto follia-società – con Antonio Caronia
2. L’arte della follia, la follia dell’arte – con Francesca Marianna Consonni
3. Arte e terapia, pratiche della cura attraverso l’arte – con Laura Gamucci
Questi incontri si pongono l’obiettivo di avviare una discussione storico-teorica sulla questione
della malattia mentale e del rapporto follia-società. Si esamineranno quindi in maniera critica i
rapporti tra la follia e le pratiche artistiche e si osserveranno inoltre le attuali forme di terapia
collegate all’arte come strumento di facilitazione per un percorso di cura. Infine, si cercherà,
entro la fine dell’anno corrente, di costruire un’iniziativa, come ad esempio una mostra o affini,
sul tema follia-società.
COMMUNITY GARDEN
Il tavolo garnening oltre ad avere creato un orto in contenitori, tra cui molti su ruote che potrsnno
essere usati per azioni contro il traffico, la mancanza di verde e l’insostenibilità della città di
Milano, apre il giardino come community garden alla cittadinanza per incentivare pratiche di
autodeterminazione, di scambio di saperi, di socializzazione al di fuori dagli schemi imposti dalla
città commerciale.
Il giardino ospiterà a partire dalla fine di settembre performance, spettacoli e workshop per
sottiineare il rapporto tra arte e natura, che permettedi recuperare elementi fondamentali del
processo creativi, quali declinazioni caotiche, improvvisazione, evoluzione
JAZZ E DINTORNI
Attraverso le diverse esperienze del jazz della scena attuale, passando per deviazioni elettroniche,
tuffi nella grande storia della musica afroamericana, Macao proporrà una stagione dedicata al jazz
all’improvvisazione e alla sperimentazione. L’evento coordinato in collaborazione con Corrado
Beldì e Cristiano Calcagnile, sarà accompagnato da contributi video e reading. La rassegna, con
cadenza quindicinale, aprirà il 21 e 22 settembre per poi concludersi il 21 e 22 dicembre.
ORA SI COMINCIA
PROGRAMMAZIONE AUTUNNALE
Macao esprime la volontà di avviare una discussione, a livello locale e nazionale, che miri a qualificare il
concetto di beni comuni radicandolo in processi di democrazia partecipativa. Macao vuole contribuire ad una
riformulazione delle modalità di utilizzo dei beni collettivi, senza rientrare in meccanismi di affidamento e delega
a soggetti pubblici o privati che promuovono un diritto esclusivo ed escludente. Considerando la valenza
politica d’una lettura incrociata dell’articolo 43 della Costituzione Italiana e delle norme che regolamentano
gli Usi Civici, Macao richiede alle istituzioni il riconoscimento di quel processo per cui un Bene Comune possa
essere restituito ad una determinata Comunità di Riferimento, intesa come una moltitudine di soggetti che di
quel bene voglia fare un uso inclusivo ed includente.
Considerato che :
Macao, in qualità di movimento politico, artistico e di ricerca, ha valorizzato e restituito alla pubblica utilità
edifici abbandonati e in condizioni di degrado localizzati all’interno della città di Milano, rivitalizzando questi
luoghi tramite proposte artistiche e culturali, e avviando fuori e dentro di essi una sperimentazione di forme
di democrazia partecipativa e di condivisione della produzione e del lavoro.
L’esperienza di Macao dimostra come, in tali occasioni, una comunità di cittadini, lavoratori ed utenti, possa
definire come Bene Comune uno spazio e le pratiche che lo attraversano,
grazie alla piena legittimità di processi costituenti fondati sulla partecipazione
e la cittadinanza attiva.
Il contesto in cui ci si muove è connotato dall’enorme quantità di spazi lasciati all’abbandono e al degrado,
all’interno di un quadro nel quale il Comune non ha le risorse economiche e materiali necessarie a riqualificarli
e restituirli alla città. Al contempo, forme di cittadinanza attiva quali Macao, dimostrano di poter svolgere in
autonomia questa funzione pubblica, senza però che questo merito venga loro riconosciuto.
Tali realtà, rimanendo estremamente fluide nella propria composizione, si articolano secondo modalità tali da
non poter essere formalizzate nei canoni attualmente necessari per costituirsi in personalità giuridiche (per
esempio assenza di organizzazione gerarchica,
adozione del metodo del consenso, estraneità a concetti quali la delega o il voto).
Macao propone di :
Avviare una discussione pubblica, aperta ai cittadini e alle istituzioni locali e nazionali, per qualificare in modo
condiviso il concetto di beni comuni e per definire un riconoscimento giuridico alle Forme e alle Pratiche di
Legittimazione della Cittadinanza Attiva. Nello specifico, e in coerenza con l’articolo 43 della Costituzione
Italiana e con i regolamenti sugli Usi Civici, Macao intende favorire una forma democratica di gestione del bene
comune monumentale denominato Ex Borsa del Macello, situato all’indirizzo di Viale Molise 68 - 20137 - Milano.
La destinazione d’uso che si intende promuovere per il suddetto spazio, sarà determinata con modalità partecipative
e avrà esito in attività condivise dalla comunità di riferimento. Tali attività dovranno consentire di
restituire il bene comune a servizio della collettività, in qualità di servizio capace di generare e ridistribuire
risorse materiali ed immateriali, in accordo con principi ispirati ad un atteggiamento responsabile e rispettoso
dei diritti e degli interessi delle generazioni presenti e di quelle future.
Tavolo di lavoro sulle Forme e Pratiche di Legittimazione della Cittadinanza Attiva
Linee programmatiche di intervento e discussione sul tema del rapporto tra Beni Comuni e Cittadinanza Attiva:
WORKSHOP
TEATRO SULLE AZIONI FISICHE
FORMAZIONE TAVOLO HACKER
ORTO IN CITTÀ | CREARE GIARDINI E ORTI SUI BALCONI
DANZA E RICOSTRUZIONE
OPEN MEDIA VERSUS MAINSTREAM MEDIA
COSTRUZIONE WEB
SPAGNOLO INTENSIVO LIVELLO BASE 1 | LINGUA E CULTURA
SPAGNOLO INTENSIVO LIVELLO BASE 2 | LINGUA E LETTERATURA
COSTRUZIONE E SICUREZZA BASE NEGLI IMPIANTI ELETTRICI
AUDIO BASE
AUDIO AVANZATO
VIDEO BASE
PRATICA AUDIO AVANZATO
MEMORIA O TALENTO? CORSO DI DISEGNO OLTRE I MANUALI
DETERSIVI E SAPONI NATURALI
ARTE CONTEMPORANEA | LE CONSEGUENZE DELL’ARTE
LABORATORI PRATICI
AUTOCOSTRUZIONE- STRUTTURA E SERVIZI
AUTOCOSTRUZIONE-ARCHITETTURA
AUTOCOSTRUZIONE- SALA PROVE
AUTOCOSTRUZIONE- BIBLIOTECA
CREAZIONE DEL GIARDINO E MATERIALI