Luca Valerio
 – Innominedomini

Roma - 09/06/2016 : 16/06/2016

L’installazione site- specific realizzata dall’artista è un’intrusione nello spazio architettonico della Sala Santa Rita e, contemporaneamente, una riflessione sulle dinamiche relative alla funzione e all’identità di un luogo.

Informazioni

  • Luogo: SALA SANTA RITA
  • Indirizzo: Via Montanara 8 - Roma - Lazio
  • Quando: dal 09/06/2016 - al 16/06/2016
  • Vernissage: 09/06/2016 ore 18
  • Autori: Luca Valerio

  • Generi: arte contemporanea
  • Orari: Periodo di apertura: 9 – 16 giugno 2016 (domenica chiuso) dalle ore 15.00 alle 19.00

  • Biglietti: ingresso libero
  • Sito web: www.lucavalerio.it


Comunicato stampa

INNOMINEDOMINI

Installazione site-specific

di Luca Valerio


Inaugurazione: giovedì 9 giugno 2016 ore 18.00

Sala Santa Rita – Via Montanara, Roma

COMUNICATO STAMPA

Giovedì 9 giugno alle ore 18.00, Luca Valerio inaugura alla Sala Santa Rita una installazione dal titolo INNOMINEDOMINI. L’installazione site- specific realizzata dall’artista è un’intrusione nello spazio architettonico della Sala Santa Rita e, contemporaneamente, una riflessione sulle dinamiche relative alla funzione e all’identità di un luogo



In tal senso, Santa Rita da Cascia in Campitelli è un luogo esemplare.
Nei secoli la chiesa ha cambiato nome, funzione, e addirittura collocazione, fu infatti smontata nel 1928 dall’area ai piedi dell’Ara Coeli e riassemblata alcuni anni più tardi nella posizione attuale adiacente a Piazza Campitelli, conservando sostanzialmente la propria struttura ma mutando, poco tempo dopo, la sua funzione da edificio sacro a sede espositiva.
Ora si ritrova nuovamente e bruscamente trasformata: sarà un’abitazione privata (domus), con una diversa organizzazione degli spazi e un utilizzo differente. Così viene messa in pausa la sua immagine pubblica e la Sala Santa Rita diventa “Casa Valerio”.

L’artista ha commissionato a uno studio di architettura un progetto per il cambio di destinazione d’uso della Sala Santa Rita e la riorganizzazione dello spazio in civile abitazione sulla falsa riga dell’effettiva ripartizione del suo appartamento, e per il periodo della mostra vi si trasferisce con le proprie cose.

Spostando l’attenzione dall’oggetto al contesto, INNOMINEDOMINI è un’opera che, partendo da una riflessione sullo spazio architettonico e sulla sua funzione, indaga la relazione tra sacro e profano, pubblico e privato. Quella che potrebbe sembrare una profanazione dello spazio attraverso un’alterazione della sua funzione e l’utilizzo di oggetti di uso comune risulta, all’inverso, un’attribuzione di sacralità agli oggetti stessi e una riflessione sullo statuto dell’opera d’arte.

È un’operazione sostanzialmente linguistica. L’artista prende possesso dello spazio e con l’imposizione del proprio nomen ne forza la natura e, in tal modo, evidenzia l’insensata fragilità di un ordine stabilito.

L’ambivalenza dell’operazione è contenuta nello stesso titolo INNOMINEDOMINI, che ha un chiaro riferimento religioso e contiene, allo stesso tempo, la parola domus.

Dŏmŭs, ūs: sost. f. IV dec. 1. casa, abitazione; 2. Dimora, sede; 3. famiglia. Dŏmĭnus, i: sost. m. II dec. 1. padrone di casa, proprietario; 2. capo, arbitro, tiranno; 3. sovrano, signore; 4. il Signore, Dio (Ecclesiastico).


In occasione della mostra verrà stampato un pieghevole con un testo di Cecilia Casorati.

La mostra è promossa da Roma Capitale – Dipartimento Cultura - Servizio Programmazione e Gestione Spazi Culturali e realizzata con il supporto organizzativo di Zètema Progetto Cultura.


Luca Valerio è laureato e poi diplomato all’Accademia di Belle Arti di Roma, si specializza nella didattica (corso di perfezionamento in Metodologia e Didattica degli Audiovisivi).
Invitato nel 1996 alla XII Quadriennale Nazionale di Roma al Palazzo delle Esposizioni, ha esposto in mostre personale collettive in Italia e all’Estero. La sua produzione artistica spazia dalla scultura al video, dall’installazione alla fotografia.

Dal 1999 si occupa di elaborazione digitale dell’immagine e sperimentazione del linguaggio video.
È docente di Linguaggi Multimediali e Video Editing presso l’Accademia di Belle Arti di Roma.