Louis Vuitton e la Fondazione MUVE

Venezia - 14/10/2016 : 14/11/2016

In occasione della mostra “Fondation Louis Vuitton Building in Paris by Frank Gehry. Con l’intervento di Daniel Buren“ Louis Vuitton ha restaurato una serie di modelli architettonici lignei risalenti al XVIII secolo. Gli esiti di questo importante intervento di recupero saranno oggetto di una piccola ma significativa esposizione allestita nella Sala delle Quattro Porte all’interno del percorso del Museo Correr in Piazza San Marco.

Informazioni

  • Luogo: MUSEO CORRER
  • Indirizzo: San Marco 52 - Venezia - Veneto
  • Quando: dal 14/10/2016 - al 14/11/2016
  • Vernissage: 14/10/2016 no
  • Generi: documentaria
  • Orari: fino al 31 ottobre: 10.00 – 19.00 dal 1 novembre: 10.00 – 17.00 (la biglietteria chiude un’ora prima)
  • Sito web: http://www.louisvuitton.com

Comunicato stampa

Louis Vuitton e la Fondazione MUVE
rinnovano la partnership a sostegno del patrimonio artistico veneziano

14 ottobre 2016 - L’Espace Louis Vuitton Venezia rinnova la collaborazione con la Fondazione Musei Civici di Venezia (MUVE) che, grazie ad un accurato e appassionato progetto di sponsorizzazione e di azioni culturali locali, porta Louis Vuitton a sostenere ogni anno il restauro di opere provenienti da tutte le collezioni dei musei gestiti dalla Fondazione.

In occasione della mostra “Fondation Louis Vuitton Building in Paris by Frank Gehry

Con l’intervento di Daniel Buren“ Louis Vuitton ha restaurato una serie di modelli architettonici lignei risalenti al XVIII secolo: il modellino realizzato per un progetto di un grande palazzo veneziano e quello di Palazzo Venier dei Leoni, appartenenti alla collezione del Museo Correr e una serie di modellini di Villa Pisani a Strà della collezione di Palazzo Fortuny.

Gli esiti di questo importante intervento di recupero saranno oggetto di una piccola ma significativa esposizione allestita dal 14 ottobre al 14 novembre 2016 nella Sala delle Quattro Porte all’interno del percorso del Museo Correr in Piazza San Marco.
Qui saranno esposti tutti i modellini restaurati, antesignani delle moderne maquette e plastici, eccezion fatta per il grande modello relativo al progetto della ‘dogale’ villa Pisani che, per via della sua mole, rimarrà a Palazzo Fortuny dove sarà comunque visitabile fino al 6 novembre 2016.
La presentazione dei modellini lignei restaurati fa eco alla mostra ospitata dall’Espace Louis Vuitton Venezia, aperta al pubblico dal 27 maggio 2016 e prolungata per l’occasione fino al 26 febbraio 2017, che presenta una selezione di modellini in scala che ripercorrono lo studio dei diversi aspetti dell’edificio della Fondation Louis Vuitton: una vera e propria immersione nell’universo creativo e progettuale che ha reso possibile la nascita di un edificio divenuto già un simbolo per Parigi.

I modelli architettonici restaurati

I modelli architettonici settecenteschi appartenenti alle collezioni dei Musei Civici Veneziani sono testimoni eccezionali della usuale pratica architettonica osservata tra Rinascimento e Ottocento. La presenza in cantiere di un perfetto modello in scala, rifinito in ogni dettaglio strutturale sia all’esterno che all’interno (sono sempre smontabili e osservabili in ogni parte), era un essenziale riferimento in tali opere, per la cui conclusione erano necessari anni.

Il primo modello per un grande palazzo destinato ad affacciarsi sul Canal Grande, rappresenta un’avanzata proposta progettuale, poi rimasta irrealizzata, caratterizzata da una non comune larghezza del fronte, con ben ‘nove assi’ verticali. Giunto incompleto proprio in virtù della sua condizione frammentaria il modello possiede un particolare fascino evocativo.

Il secondo modello di palazzo, straordinariamente vasto e grandioso, è per Palazzo Venier dei Leoni. L'impostazione generale verticale in ben undici campate è semplificata nel linguaggio architettonico e in alcune soluzioni planimetriche. Come noto, l’opera fu interrotta quando la fabbrica era giunta appena sopra il pian terreno ammezzato, per la sola parte frontale (fu la famosa casa-museo di Peggy Guggenheim, oggi, sede della fondazione omonima).

Il modello relativo alla ‘dogale’ villa dei Pisani a Strà, è di straordinario intertesse ed eccezionale complessità d’articolazione, nonché inusitata grandiosità scenografica. In realtà, il palazzo è stato poi eretto sul progetto più sobrio e lineare. Invece, per lo splendido giardino ‘alla francese’, sono stati fedelmente realizzati i progetti originali: il Belvedere, l’Esedra e la Torre (rispettivamente un alto arcone-belvedere all’incrocio di varie allées, un favorito ingresso laterale al giardino e il torrino centrale del famoso labirinto di verzura), di cui restano i modellini in legno dipinto.

Building in Paris by Frank Gehry. Con l’intervento di Daniel Buren
La mostra offre ai visitatori un’immersione nell’universo creativo dell’architetto americano-canadese Frank Gehry.
Una selezione di modelli in scala realizzati per il progetto dal Gehry Partners Studio, ripercorre lo studio dei diversi aspetti dell’edificio: integrazione al sito, programma architettonico, concezione del progetto, spazi interni, «iceberg» e vele di vetro.
Presentata per la prima volta a Parigi in occasione dell’inaugurazione della Fondation Louis Vuitton, la mostra è stata appositamente riprogettata da Gehry Partners per l’Espace Louis Vuitton Venezia.
La mostra fa parte del programma di eventi organizzati dalla Fondation chiamati «Beyond the Walls», e racconta anche le altre attività della Fondation: le mostre temporanee, le presentazioni della collezione della Fondation e i concerti che hanno animato l’Auditorium.
Come parte della mostra, Daniel Buren ha creato un’installazione speciale per le vetrate dell’Espace Louis Vuitton Venezia, facendo eco al suo ultimo lavoro “Observatory of Light”, realizzato per la Fondation di Parigi, e svelato l’11 maggio 2016.
La Fondazione Musei Civici di Venezia (MUVE)
La Fondazione Musei Civici di Venezia (MUVE) - fondazione di partecipazione con unico socio fondatore il Comune di Venezia – gestisce, promuove e valorizza da settembre 2008, per sua specifica mission, il complesso sistema dei Musei Civici di Venezia, uno tra i più importanti d’Europa: 11 musei con le loro ricchissime collezioni (Palazzo Ducale, Museo Correr, Torre dell’Orologio, Ca’ Rezzonico - Museo del Settecento Veneziano, Museo di Palazzo Mocenigo - Centro Studi di Storia del Tessuto e del Costume, Casa di Carlo Goldoni, Ca’ Pesaro – Galleria Internazionale d’Arte Moderna, Palazzo Fortuny, Museo del Vetro di Murano, Museo del Merletto di Burano e Museo di Storia Naturale), 5 biblioteche specialistiche, l’archivio fotografico e un attrezzato deposito esterno (Vega Stock).
Una realtà innovativa nel panorama dei Beni Culturali in Italia.

Espace Louis Vuitton Venezia
Inaugurato nel giugno 2013 con l’intento di promuovere il dialogo tra l’arte contemporanea e il patrimonio storico artistico della Serenissima, l’Espace Louis Vuitton Venezia ha all’attivo sei mostre realizzate in partenership con la Fondazione Musei Civici Veneziani (MUVE).
In occasione di ogni mostra un artista contemporaneo ha avuto carta bianca per confrontarsi, attraverso creazioni originali, con opere appartenenti al patrimonio storico-artistico veneziano restaurato da MUVE con il sostegno di Louis Vuitton. L’obbiettivo è stato quello di instaurare un dialogo innovativo tra la scena artistica contemporanea e l’arte classica, grazie al restauro di opere spesso dimenticate alla città di Venezia rendendole nuovamente fruibili al grande pubblico.
Il confronto tra l’arte di ieri e quella di oggi iniziato con la mostra “Where Should Othello Go?”, che proponeva il faccia a faccia tra “La morte di Otello” (1866) di Pompeo Molmenti e l’installazione “Strawberry, Ecstasy, Green” di Tony Oursler (2013), rivelando un’esplosione di corrispondenze complici e impreviste, è proseguito con “Reinassance”, in cui Vittore Carpaccio e Bill Viola a confronto esploravano il tema della natività e della passione di Cristo, e in seguito con il romanicismo dei cayer de voyage di Mariano Fortuny e Jiro Taniguchi, in “Sguardi incrociati a Venezia”. Nel 2015 nuovi dialoghi e confronti hanno visto l’Espace Venezia ospitare i rimandi tra “Le vedute d’ottica cinquecentesce e Olafur Eliasson”, le lunette di Francesco Hayez e le creazioni dell’artista Tilo Schulz, fino all’ultima mostra che ha unito tre mondi, il Settecento dell’abito Andrienne appartenuto ad una dama veneziana e fatto rivivere in versione contemporanea dagli studenti del Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma sotta la supervisione del premio Oscar Piero Tosi e del maestro Maurizio Millenotti e dalla creazione dell’artista contemporanea Movana Chen.
L’Espace Louis Vuitton Venezia a partire dal 2016 ha iniziato un nuovo corso che vede i suoi spazi ospitare la grande arte contemporanea nella programmazione ideata dalla Fondation Louis Vuitton per lo spazio parigino e per le sedi degli Espace Louis Vuitton di Tokyo, Monaco, Pechino e Venezia.

Museo Correr
Museo Correr Piazza San Marco - 30124 Venezia
Aperto tutti i giorni
fino al 31 ottobre: 10.00 – 19.00
dal 1 novembre: 10.00 – 17.00
(la biglietteria chiude un’ora prima)
Museo Fortuny
Campo S. Beneto, San Marco, 3958, 30124 Venezia
Apertura dalle 10.00 alle 18.00
(la biglietteria chiude un’ora prima)
Chiuso il martedì
Mostra Fondation Louis Vuitton Building in Paris by Frank Gehry
Espace Louis Vuitton Venezia, Calle del Ridotto 1353, 30124 Venezia
Dal 27 maggio 2016 al 26 febbraio 2017: mostra aperta al pubblico
Apertura dalle 10.00 alle 19.30 da Lunedì a Sabato e Domenica dalle 10.30 alle 19.30