L’ospedale fantasma

Bologna - 14/02/2013 : 14/02/2013

Xing presenta a Raum L’ospedale fantasma/Walsgrave Hospital Coventry, performance audio-visiva nata dalla collaborazione tra Richard Crow, sound-artist inglese, e Margherita Morgantin, artista visiva.

Informazioni

  • Luogo: RAUM
  • Indirizzo: Via Ca' Selvatica 4/D - Bologna - Emilia-Romagna
  • Quando: dal 14/02/2013 - al 14/02/2013
  • Vernissage: 14/02/2013 ore 22
  • Autori: Margherita Morgantin, Richard Crow
  • Generi: performance – happening, serata – evento
  • Email: info@xing.it

Comunicato stampa

Giovedi 14 febbraio alle 22.00 Xing presenta a Raum L’ospedale fantasma/Walsgrave Hospital Coventry, performance audio-visiva nata dalla collaborazione tra Richard Crow, sound-artist inglese, e Margherita Morgantin, artista visiva.

Haunted hospital: ospedale infestato di spettri
Un covo di fantasmi
A ghost town, città fantasma
A Ghost hospital, L’ospedale fantasma
Haunt: ricovero, ritiro, ritrovo, covo
Spaces are heard as much as they are seen

Nell'estate 2008 Richard Crow e Margherita Morgantin hanno avuto il permesso per accedere - solo per alcune ore - al Walsgrave Hospital, un ospedale abbandonato nel centro della cittadina inglese di Coventry

La performance audio-visiva L’ospedale fantasma/Walsgrave Hospital Coventry rivisita e rievoca i fantasmi di quell'ospedale ormai demolito. Il live si focalizza sull'uso dello spazio pubblico e privato, l'archiviazione attiva della memoria, l'abiezione del corpo performante e i suoi elementi rimossi dalla cultura occidentale (fludi e secrezioni): la sua storia come oggetto medicalizzato. L'uso performativo di field recordings e di rumori legati all'architettura dei luoghi ospedalieri, creano frammenti emotivi e paesaggi sonori ansiotici (esplorati attraverso testi, immagini, audio). Sovversione e riattivazione di spazi e tecnologie obsolete.

Richard Crow è un artista inter-disciplinare con un solido background nella musica sperimentale, fotografia, performance e installazioni. Utilizza suono e rumore per le loro qualità spaziali e le implicazioni psico-fisiche nel rapporto con l'ascoltatore. Nell'arco di un decennio le sue performance e installazioni - in solo e in collaborazione - partendo da premesse concettuali si sono incarnate in interventi di natura concreta e materiale, dando sostanza a indagini su sistemi alternativi di organizzazione e ricerca focalizzati sulla decadenza materiale. Esemplifica questa combinazione di elementi il progetto The Institution of Rot, spazio londinese gestito da artisti, dedicato a audio works e installazioni co-fondato con lo scrittore Nick Couldry nel 1992. Tra le partecipazioni a progetti recenti: Sound Threshold - The Listening Project con Radio Schreber, Soliloques for Schziophonic voices al Freud Museum London, e Imaginary Hospital Radio (Touch Radio 52).
www.soundcloud.com/richard-crow

Margherita Morgantin, artista visiva, è nata a Venezia, e si è laureata in Architettura all’ I.U.A.V., con una tesi in fisica tecnica, studiando metodi di previsione della luce naturale. Ha partecipato a mostre d’arte contemporanea in Italia e all’estero. Il suo lavoro si articola in linguaggi diversi che spaziano dal disegno alla performance. Collabora con la rivista ViaDogana, della Libreria delle donne di Milano. Ha pubblicato un libro di testi brevi e disegni: Titolo variabile (Quodlibet, 2009) e Agenti autonomi e sistemi multiagente assieme a Michele Di Stefano (Quodlibet 2012) .
www.margheritamorgantin.eu

Col supporto di Regione Emilia-Romagna, Comune di Bologna, Edizioni Zero, Città del Capo-Radio Metropolitana.