euroartphoto

Roma - 07/01/2015 : 22/01/2015

In mostra 28 fotografi contemporanei dai 28 paesi dell’Unione Europea.

Informazioni

Comunicato stampa

8 fotografi contemporanei dai 28 paesi dell’Unione Europea
avec le parrainage de la Représentation de l’Union Européenne en Italie

Austria Amelie Zadeh Belgio Marine Dricot Bulgaria Eugenia Maximova Cipro Marianna Constanti Croazia Mario Pucic Danimarca Soren Lose Estonia Paco Ulman Finlandia KirsiMarja Metsähuone Francia Damien Darchambeau Germania Sandra Birke Grecia Myrto Papadopoulos Irlanda Shane Lynam Italia Alessandro Dandini de Sylva
Lettonia Alnis Stakle Lituania Mindaugas Ažušilis Lussemburgo Justine Blau Malta Darrin Zammit Lupi
Paesi Bassi Anoek Steketee Polonia Pawel Fabjanski Portogallo Nana Sousa Dias Regno Unito Martin Newth Repubblica Ceca Petra Mala Miller Romania, Vlad Eftenie Slovacchia Jan Kekeli Slovenia Katra Petricek
Spagna Lola Guerrera Svezia Andreas Kauppi Ungheria Gabor Kasza

Presentata in anteprima a Milano (settembre - ottobre 2014 con il patrocino della citta di Milano e della Commissione Europea), «euroartphoto» sarà presentata a Roma, all’inizio del 2015: dal 7 al 22 gennaio 2015 al MLAC - Museo Laboratorio di Arte Contemporanea Università La Sapienza.

L’esposizione, a cura di Renata Tartufoli, presenta i lavori di 28 fotografi contemporanei dai 28 paesi dell’Unione Europea, ciascuno con un’opera. Nel corso del 2014 gli artisti sono stati invitati a partecipare alla mostra dopo essere stati scelti sui consigli e pareri di specialisti in arte e eventi culturali. I fotografi sono dei professionisti confermati.

La generazione non è stata presa in considerazione e neppure la parità dei generi, anche se lo può sembrare. Ma prima di tutto sono state le fotografie ad essere scelte, quelle che attestano un impegno prospettico e corrispondente ad una attualità della ricerca. Sono state privilegiate le fotografie che «suscitano domande» e che, nella misura del possibile, si allontanano dal carattere documentario e testimoniale della tradizione fotografica.

Il proposito di «euroartphoto» è di contribuire, con tanti altri eventi e studi nel campo fotografico, alla ricerca artistica. Possiamo distinguere forti singolarità individuali nella mostra, ma attenuate da una cultura fotografica comune e dalla dinamica delle influenze per cui un’opera è più o meno impregnata di quelle degli altri. Sembra che una coerenza emerga dall’insieme della mostra, ma è solo il risultato dei criteri di selezione delle fotografie.

«euroartphoto» è anche un incontro di passioni ed emozioni. Passione per la fotografia e fratellanza nelle emozioni condivise. Questa mostra è pertanto una metafora dell’idea di solidarietà al di là delle differenze culturali. L’incontro di 28 opere è anche motivo di curiosità, se consideriamo le conseguenze sulla creatività, della storia, dell’educazione e degli eventi che attraversano l’ambiente degli artisti, che siano questi sedentari o viaggiatori.