Daina Pupkevičiūtė – Liquid Presence

Torino - 07/09/2016 : 07/09/2016

Bristol Biennial in collaborazione con torinoPERFORMANCEART, presenta la performance Liquid Presence dell'artista lituana Daina Pupkevičiūtė.

Informazioni

Comunicato stampa

Bristol Biennial in collaborazione con tpa | torinoPERFORMANCEART presenta:

mercoledì 7 settembre ore 19.00, Lungo Po Macchiavelli (fine di via Cesare Balbo), Torino
LIQUID PRESENCE / performance di Daina Pupkevičiūtė

Il 7 settembre Bristol Biennial in collaborazione con torinoPERFORMANCEART, presenta la performance Liquid Presence dell'artista lituana Daina Pupkevičiūtė.
La performance avrà inizio alle ore 19.00 alla fine di via Cesare Balbo (verso il Po).

In sei giorni, Daina Pupkevičiūtė farà tappa in tre città Europee: una che rievoca l’infanzia, una il risveglio artistico ed un'altra il futuro ancora sconosciuto

Grazie al live streaming, gli spettatori della Bristol Biennial seguiranno Daina da Kaunas (Lituania), passando per Torino, fino a Bristol dove l'artista arriverà di persona il 9 settembre.
Come collegare Passato, Presente e Futuro? “Liquid Presence” è un'ode misurata, precisa ma potente capace di attraversare il continente europeo alla ricerca di presenza, connessioni e nuove possibilità.

Daina Pupkevičiūtė è un’artista poliedrica che utilizza materiale autobiografico per esplorare i temi dell’identità e dell’appartenenza. E’ organizzatrice del Live Art Festival Creature che si svolge ogni anno a Kaunas, in Lituania.

Questo progetto è stato realizzato grazie al supporto di due organizzazioni promotrici della performance art, torinoPERFORMANCEART e Creature Live (Kaunas).

Per la Bristol Biennial, il progetto di collaborazione con Torino e Kaunas nasce dal bisogno di esplorare territori nuovi che possano generare esperienze artistiche di carattere interculturale. L’internazionalismo è uno dei valori principali della Biennale soprattutto oggi, in questo clima europeo in cui il futuro si presenta incerto e dove il compito degli organizzatori d'arte è quello di creare ponti e percorsi là dove la politica dei singoli paesi e del progetto “Europa” non si rivelano catalizzatori sociali efficienti.
Quando l'artista ci ha chiesto di individuare un’organizzazione che avrebbe potuto supportare il suo progetto a Torino, città fondamentale per il concetto artistico-autobiografico di Daina, ci siamo trovati di fronte a numerose realtà artistiche interessanti, abbiamo scelto torinoPERFORMANCEART perché rimane tuttavia l'esempio più vicino a noi, ai nostri valori, al nostro obbiettivo di portare avanti un progetto artistico più umano e non legato a compromessi istituzionali. I curatori del tpa, Manuela Macco e Guido Salvini, sono artisti oltre che curatori e questo è un altro aspetto che abbiamo in comune, la Bristol Biennial è infatti interamente organizzata da artisti. Ringraziamo i curatori del tpa per essere presenti e attivi in Italia e speriamo che questo sarà l'inizio di un nuovo percorso collaborativo.
Eva Martino
Executive Director, Bristol Biennial

tpa – torinoPERFORMANCEART Nato nel 2012 a Torino come festival indipendente dedicato alla diffusione della performance art internazionale, tpa si presenta oggi come un progetto aperto e in continua trasformazione che, attraverso l’organizzazione di eventi quali mostre, proiezioni, artist talk, workshops, si interroga sulle pratiche della performance art e dell’arte visiva in genere.
tpa è curato e diretto da Manuela Macco e Guido Salvini.
www.troinoperformanceart.com

Bristol Biennial La Biennale di Bristol è un festival organizzato da artisti che collaborano allo scopo di sostenere e promuovere artisti emergenti provenienti da tutto il mondo. Il focus è quello di presentare lavori interdisciplinari e innovativi che possano dialogare in maniera stimolante con una città multietnica e costantemente in cambiamento come Bristol. “In other worlds” è il tema del festival per 2016. La Biennale, che avrà luogo dal 2 al 10 settembre, offre quest’anno agli spettatori quindici progetti artistici e un programma di eventi collaterali che prenderanno vita in luoghi insoliti e fuori dal mondo dell’arte convenzionale e delle grandi istituzioni.
www.bristolbiennial.org