Coincidenze

Firenze - 03/07/2013 : 24/07/2013

Un'arte antica e affascinante, l'incisione, che guarda al futuro grazie alla capacità di una nuova generazione di maestri che espongono in uno dei 'santuari' mondiali del settore: la Galleria Il Bisonte di Firenze.

Informazioni

  • Luogo: FONDAZIONE IL BISONTE
  • Indirizzo: via San Niccolò, 24r 50125 - Firenze - Toscana
  • Quando: dal 03/07/2013 - al 24/07/2013
  • Vernissage: 03/07/2013 ore 18
  • Generi: disegno e grafica
  • Orari: dal lunedi al giovedi 9-13; 15-19; il venerdì 9-13; il sabato su appuntamento, la domenica chiuso.
  • Biglietti: ingresso libero
  • Patrocini: realizzata col contributo dell'Ente Cassa di Risparmio di Firenze

Comunicato stampa

Un'arte antica e affascinante, l'incisione, che guarda al futuro grazie alla capacità di una nuova generazione di maestri che espongono in uno dei 'santuari' mondiali del settore: la Galleria Il Bisonte di Firenze (via San Niccolò 24 rosso - Tel. 055 2342585 - Ingresso libero). Qui, dal 4 al 24 luglio, è allestita 'Coincidenze. Incisione contemporanea itinerante' una mostra che ha l'ambizione di sviluppare nuove idee, nate dal confronto e dalla consapevolezza che l'antica arte incisoria ha bisogno di essere sdoganata dagli antichi dogmi che la circondano

L'iniziativa è realizzata col contributo dell'Ente Cassa di Risparmio di Firenze che sostiene l'attività della Scuola internazionale di specializzazione per la grafica d'arte Il Bisonte (che compie 30 anni di attività) per la sua alta valenza formativa e per la sua tradizione di grande rigore culturale che coniuga workshop ed esperienze laboratoriali ad una formazione tecnico scientifica sulla materia.
Per valorizzare l'esperienza hands on saranno promossi workshop e laboratori in collaborazione con l'Osservatorio dei Mestieri d'Arte (OmA), da tanti anni impegnato nella promozione della didattica per valorizzare le tecniche artigianali e per coniugare l'esperienza laboratoriale all'offerta didattica di sperimentazione per i giovani, e col Portale Ragazzi, entrambi emanazioni dell'Ente Cassa di Risparmio di Firenze.
L'esposizione proseguirà in diverse località del Paese, in spazi istituzionali e centri d'arte, ed è stata fortemente voluta e curata da alcune delle più prestigiose stamperie italiane: l'Associazione Culturale Quartiere3 di Cremona, la Stamperia d'Arte Busato di Vicenza, l'Associazione Culturale Stamperia del Tevere di Roma, l'Associazione Incisori Grafica di Via Sette dolori di Matera, la Fondazione Il Bisonte con la sua Scuola internazionale. Oltre a valorizzare e diffondere il linguaggio calcografico e litografico contemporaneo, lo scopo è far emergere le particolarità e i più svariati approcci al mondo grafico nelle sue tecniche tradizionali: bulino, puntasecca, acquaforte, acquatinta, xilografia, vernice molle, maniera nera ed altri procedimenti tradizionali impiegati isolatamente o tra loro associati a tecniche più sperimentali purché nel rispetto delle regole dell'originalità.
Per l'occasione sono stati selezionati 25 tra i migliori giovani talenti dell'incisione italiana, ciascuno dei quali presenta due opere. Gli autori sono: Niccolò Barbagli, Yasmine Dainelli, Elisa Tonini, Antonio Triolo, Sisetta Zappone selezionati dalla Fondazione il Bisonte di Firenze; Laura Bisotti, Roberta Lozzi, Barbara Martini, Elena Molena, Giangi Pezzotti (Cremona); Simone Del Pizzol, Daniela Fiore, Pier Giacomo Galuppo, Stefano Luciano, Giuseppe Vigolo (Vicenza); Alessia Consiglio, Virginia Carbonelli, Alessandro Fornaci, Frank Martinangeli, Laura Peres (Roma); Maria Pina Bentivenga, Marina Bindella, Vittorio Manno, Giovanna Martinelli, Angelo Rizzelli (Matera).
''Abbiamo voluto provare ad aprire un portone - spiega il direttore dei corsi della scuola fiorentina Rodolfo Ceccotti - che dia futuro all'incisione da molti considerata troppo vecchia per essere contemporanea, troppo meticolosa ed alchemica per essere vera. La verità si trova nella punta che scalfisce, solca, lacera e nell'acido che morde la lastra donando così quella parte, la più vera che, attraverso la stampa, consente un dialogo ravvicinato tra l'autore e il fruitore. Non è dunque una mostra ma, come bene spiega il titolo, si tratta di una coincidenza stilistica sulla base delle singole esperienze elaborate nel corso degli anni, in un individuale mondo artistico reso vivo da una tecnica antica, moderna e, a volte, sperimentale''.
L'inaugurazione è domani, mercoledì 3 luglio alle ore 18.