Chiara Camoni – Certe cose

Pistoia - 21/01/2012 : 10/03/2012

La mostra si sviluppa intorno al tema dell'indeterminatezza e della sparizione delle forme. Le opere si dichiarano in uno stadio intermedio, in bilico tra il farsi e il disfarsi, lontane dalla certezza dello stato compiuto.

Informazioni

  • Luogo: SPAZIOA GALLERY
  • Indirizzo: Via Amati 13 - Pistoia - Toscana
  • Quando: dal 21/01/2012 - al 10/03/2012
  • Vernissage: 21/01/2012 ore 18
  • Autori: Chiara Camoni
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: dal martedi al sabato, dalle 15.30 alle 19.30 e su appuntamento

Comunicato stampa

SpazioA gallery ha il piacere di presentare Sabato 21 Gennaio 2012 alle ore 18, "certe cose", seconda mostra personale di Chiara Camoni negli spazi di via Amati 13 a Pistoia. La mostra si sviluppa intorno al tema dell’indeterminatezza e della sparizione delle forme. Le opere presenti in mostra si dichiarano in uno stadio intermedio, in bilico tra il farsi e il disfarsi, lontane dalla certezza dello stato compiuto. "Di solito siamo interessati alla nascita delle forme: arrivano e si muovono nel mondo; troppo poco ci occupiamo della loro scomparsa

Ci sono casi in cui un’apparizione consiste proprio di assenza, altri in cui le forme spariscono per sopravvivere in un altro stato. Potrebbero essere opere non finite, sempre in potenza: non raffigurano nulla di preciso, sfuggono i dettagli e continuamente accennano a cose diverse. Oppure opere in sfacelo. Conosciamo il fascino di chi ha la forza di andarsene. Poi c’è il lavoro del tempo, dei giorni e delle notti..."

Chiara Camoni (Piacenza 1974) frequenta l’Accademia di Belle Arti di Brera, dove si laurea nel 1999. L’anno successivo é direttore artistico dell’Istituto per la Diffusione delle Scienze Naturali di Napoli e tra il 2002 e il 2006 è stata invitata a tenere cicli di conferenze presso la sezione didattica del Museo Archeologico Nazionale. Tra le mostre del 2011 segnaliamo: "Nell’ordine del discorso", Museo Marino Marini, Firenze; "Young Sculpture International Prize", Fondazione Francesco Messina, Casalbeltrame, Novara; "Vedere un Oggetto, Vedere la Luce", Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Guarene D’Alba, Cuneo. Vive e lavora in Toscana nei monti della Versilia.