Nathalie Djurberg & Hans Berg, Turn into Me, 2008, still from stop motion animation © Nathalie Djurberg & Hans Berg Bildupphovsrätt 2018

Inquietanti favole per adulti. Nathalie Djurberg e Hans Berg a Rovereto

Mart, Rovereto ‒ fino al 27 gennaio 2019. Dopo la prima tappa a Stoccolma, il Mart di Rovereto ospita una spettacolare mostra sul duo svedese vincitore del Leone d'Argento alla Biennale di Venezia del 2009. Se ne ripercorre la carriera, dai primi video alle sculture vere e proprie fino alle più recenti installazioni in realtà virtuale.
Marialuisa Sponga, Viaggio in Gallura, 1985

Nasce Fondazione Bortolaso-Totaro-Sponga a Como dedicata al tessuto industriale e alla fiber art

Nasce la Fondazione Bortolaso-Totaro-Sponga dedicata al tessuto industriale e alla fiber art. L’evento di apertura è previsto per il 7 settembre. Nel frattempo, la nuova fondazione si racconta
Crédit photographique © Arquitectura expandida, Bogota, 2016

Il Pompidou inaugura Cosmopolis piattaforma dedicata all’arte dei paesi in via di sviluppo

Con un focus speciale sui paesi in via di sviluppo dell’Asia, dell’Africa e dell’America Latina, il Centre Pompidou presenta una piattaforma biennale dedicata alle pratiche artistiche che si occupano di indagare questioni sociali politiche ed economiche. Il progetto parte con la prima mostra che si intitola “Cosmopolis 1” e presenta le opere di collettivi provenienti dai tre continenti…
Nick Mauss, Untitled, 2017

Identità in viaggio. Una mostra a Venezia

A plus A, Venezia ‒ fino al 15 dicembre 2018. Gli esiti del corso internazionale per curatori promosso dalla galleria veneziana la scorsa estate sono il cuore pulsante della mostra. Un percorso fatto di riflessi, vertigini, mete raggiunte o solo immaginate. A partire da un libro.
Giorgia De Santi, (How) Can a Woman be a Drag Queen_, Viafarini, Milano 2017. Photo Caterina Ragg

Ultime da Viafarini. Intervista a Giorgia De Santi

Abbiamo incontrato Giorgia De Santi, artista emergente che vive e lavora a Venezia, per parlare con lei della performance che ha realizzato a marzo negli spazi di Viafarini a Milano. Quali corpi e quali sessualità possono essere considerati reali e autentici e quali no? L’attenzione che l’artista rivolge alla performance drag rappresenta, in parte, un modo per riflettere non solo sulla performatività del genere, ma sulla sua risignificazione collettiva.
Il Leone D'Oro Franz Erhard Walther

La moda alla Biennale di Venezia: vince la sperimentazione artigianale dell’artista couturier

Mentre ancora ci interroghiamo sulla presenza così determinante dei grandi nomi della moda a Venezia, la Biennale Arte ci “spiega” nel miglior modo immaginabile qual è il rapporto tra queste due forme creative.
Elmgreen & Dragset – Stigma – veduta della mostra presso la Galleria Massimo De Carlo, Milano 2015 - photo Roberto Marossi - courtesy Massimo De Carlo, Milano-Londra

Aids e stelle filanti. Elmgreen & Dragset da Massimo De Carlo

Galleria Massimo De Carlo, Milano – fino al 27 giugno 2015. Il pungente duo nordico composto da Michael Elmgreen & Ingar Dragset riaccende la tematica dell’Aids. Travestendo i pregiudizi con innocenti sfumature pastello.
Israel Lund, Untitled, 2016 - courtesy l'artista & David Lewis, New York - photo Maria Zanchi

Israel Lund. Astrattismo in Città Alta

BACO–Base Arte Contemporanea, Bergamo – fino al 15 maggio 2016. Prima personale italiana dell’astrattista Israel Lund. Dopo l’intervento di Erik Saglia e le operazioni di intreccio della materia di May Hands, l’artista americano ripropone una sorta di serigrafia su tela grezza. Rappresentando iconografie astratte e screziate.
AES+F, 001. Inverso Mundus (The World Upside Down), Charity, episode #2, 2015

Inverso Mundus: i mostri perfetti di AES+F a Venezia

Magazzino del Sale n. 5 / Vitraria Museum, Venezia – fino al 22 novembre 2015. Un maiale squarta un macellaio, una squadra di poliziotti seduce un gruppo di black bloc, una hippie severissima stuzzica uomini nudi in gabbie sadomaso… Il mondo all’inverso secondo i moscoviti di AES-F.
Franco Mazzucchelli, Camargue, spiaggia S.Marie de la mer, 1969. Fotografia di Franco Mazzucchelli

L’arte dell’abbandono. Franco Mazzucchelli a Milano

Museo del Novecento, Milano ‒ fino al 10 giugno 2018. Nella sala degli Archivi, al quarto piano del Museo del Novecento, Sabino Maria Frassà e Iolanda Ratti presentano un’analisi prevalentemente documentale sui tre lustri che hanno definito la pratica performativa dell’artista milanese. Una mostra che, tra foto, collage, edizioni, film, disegni e due grandi gonfiabili, evince misure d’interazione, portata scultorea e sensibilità paesaggistiche di Mazzucchelli.
Agnieszka Polska, Leisure Time of Firearm, 2016

Senza tempo, senza memoria. Agnieszka Polska a Varsavia

Kasia Michalski Gallery, Varsavia – fino al 23 marzo 2017. Una selezione di stampe e video presenta il recente percorso di Agnieszka Polska. Una mostra di poche opere, quanto basta a confermare l'attività dell’artista polacca, da poco nominata per il Preis der Nationalgalerie 2017.

Joan Jonas. Antologica all’Hangar Bicocca, in attesa della Biennale

L’artista americana, recentemente convocata alla 56. Biennale di Venezia per rappresentare gli Stati Uniti, concede un esteso itinerario ricognitivo del proprio lavoro all’Hangar Bicocca di Milano. Un progetto che raccoglie una ventina di lavori, selezionati nell’arco di oltre un anno di ricerca da Andrea Lissoni. Che abbiamo intervistato.

I PIÙ LETTI

require(["mojo/signup-forms/Loader"], function(L) { L.start({"baseUrl":"mc.us10.list-manage.com","uuid":"dac4a3f480ace15f828415bfc","lid":"dc515150dd"}) })