Nuova tappa del viaggio a cura di Emilia Giorgi alla scoperta dei centri piccoli e grandi del Belpaese, attraverso lo sguardo dei fotografi associato alle parole di autori di varie discipline. Stavolta la meta è Palermo.

L’arrivo per mare è l’approdo più bello, con le montagne sullo sfondo, il Monte Pellegrino che guarda la città e le brutte architetture con i palazzoni alti e tutti diversi, insediamenti post-bellici degli anni poi ribattezzati del sacco di Palermo. Dal mare la città è disomogenea e stratificata: dietro le gru del porto che la separano dall’acqua tra le cupole delle chiese barocche, campeggiano quella più grande del Teatro Massimo, il profilo del Teatro Politeama, i diciotto piani del grattacielo metallico dell’INA, punto di riferimento della città nuova, anche se la grande insegna luminosa Assitalia è stata rimossa qualche anno fa. All’altezza di Porta Felice, con un colpo d’occhio, dal mare si arriva ai piedi della Cattedrale arabo-normanna di Monreale, lungo l’asse che attraversa il Cassaro. Qui si allunga il Foro Italico, con una nuova promenade creata per rinsaldare il legame della città con il mare. La domenica, sul prato verde tra le panchine a pois e i birilli di ceramica progettati da Italo Rota con un curioso profilo di Eleonora d’Aragona, si organizzano partite di calcio e di cricket, si vedono gli aquiloni volare in alto, molti bambini con le magliette delle squadre più blasonate, le navi uscire lentamente dal porto dirette a Civitavecchia, Tunisi, Genova, Barcellona.

DA PALERMO ALL’ORIENTE

Un po’ più avanti inizia la Kalsa (al khalisa, in arabo “l’eletta”) che, insieme al Capo, all’Albergheria e alla Vucciria, è uno dei quartieri più antichi di Palermo, con i mercati storici dove si mescolano differenti specie di frequentatori locali: prima della pandemia meta di turisti in cerca delle atmosfere esotiche dei suk mediterranei. Le tracce della città araba, d’altronde, si scorgono nelle decorazioni geometriche delle strombature degli archi a sesto acuto di certe chiese e certi palazzi del centro storico ‒ basta alzare lo sguardo! E infatti anche Cesare Brandi la paragona a Marrakesh, ma anche a Gerusalemme o a Beirut, con le bancarelle di semenza adornate come altarini. In prossimità dei luoghi di preghiera dei musulmani sembra una città nordafricana in Europa, e in effetti ancora in bilico tra le memorie favolose della città degli emiri, la “porta d’Oriente” e quasi asiatica, oppure futuro hub strategico del Mediterraneo, dove nel bacino del porto di Fincantieri si costruiscono le navi passeggeri più grandi al mondo. Panormous “città tutto porto”: eppure nei suoi diciassette chilometri di costa è vietata la balneazione, perché nel contesto greve di una lunga stagione politica in odore di mafia, non troppo tempo fa, detriti contaminati delle demolizioni e materiali di scavo furono qui depositati.

Delfino Sisto Legnani, Palermo, 2018. Courtesy l'artista
Delfino Sisto Legnani, Palermo, 2018. Courtesy l’artista

PALERMO CONTEMPORANEA

Andate a Palermo per mare”, dice Brandi nel libro Sicilia mia pubblicato da Sellerio, perché di fronte al mare, percorrendo la Passeggiata delle Cattive (captivae, vedove siciliane, prigioniere del proprio lutto…), si arriva all’Orto Botanico, bellissimo e gigantesco museo all’aperto con la più vasta collezione di piante e specie vegetali provenienti da quasi tutti i continenti. Addentrandosi a piedi per il quartiere si arriva a Piazza Marina, occupata in parte dal più grande Ficus Macrophylla d’Europa, e di fronte a un altro ancora troppo poco conosciuto patrimonio della città: le Carceri dell’Inquisizione, dentro lo Steri, oggi sede del Rettorato universitario, palazzo di città della potentissima famiglia Chiaromonte nel XIV secolo. Al suo interno si trovano i graffiti carcerari del Sant’Uffizio Spagnolo. Uno straordinario repertorio iconografico trascritto da intellettuali, uomini di cultura, geografi, studiosi, letterati, donne, messi a tacere dal Tribunale dell’Inquisizione.
È questa la parte di città dove si sta polarizzando un interessante fenomeno di investimenti immobiliari gravitanti attorno a Palazzo Butera, trasformato recentemente in una stupefacente casa-museo con una collezione d’arte di tutti i tempi, degna di una moderna Wunderkammer. E qui, ancora una volta, la città vecchia diventa nuova. Anzi: contemporanea.

Laura Barreca

www.dslstudio.it

Articolo pubblicato su Artribune Magazine #59-60

Abbonati ad Artribune Magazine
Acquista la tua inserzione sul prossimo Artribune

Dati correlati
AutoreDelfino Sisto Legnani
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Laura Barreca
Laura Barreca è critica e storica dell’arte e insegna Storia dell’Arte Contemporanea all’Accademia di Belle Arti di Carrara. Dal 2019 è Direttrice Scientifica del mudaC |museo delle arti di Carrara dove sta lavorando ad un progetto di riallestimento della collezione permanente e ad una programmazione culturale fondata sulla collaborazione tra artisti, saperi artigianali e collettività. Dal 2014 è Direttrice del Museo Civico di Castelbuono (Palermo) dove conduce un progetto di ricerca sull’identità mediterranea attraverso i linguaggi contemporanei, e sul concetto di bene comune in rapporto al territorio. Ha recentemente collaborato con il Sistema Museale d’Ateneo dell’Università degli Studi di Palermo in qualità di “Esperta in management dei beni culturali”. Dopo la Laurea in Conservazione dei Beni Culturali e il Dottorato di Ricerca in “Memoria e Materia dell’opera d’arte attraverso i processi di produzione, storicizzazione, conservazione, musealizzazione” presso la Facoltà di Conservazione dei Beni Culturali dell’Università degli Studi della Tuscia, nel 2009 vince la borsa di ricerca Post-Dottorato, come Associate Scholar Research, progetto: “Conservation and Documentation of New Media Art. Italian Tradition and International Strategies” presso l'Italian Academy for Advanced Studies alla Columbia University di New York. Nel 2013 è stata Assegnista di Ricerca presso il Dipartimento di Studi Culturali all’Università degli Studi di Palermo. Dal 2013 insegna al Master in Management delle Risorse Artistiche e Culturali dello IULM e della Fondazione Terzo Pilastro Italia-Mediterraneo di Roma. Tra il 2016 e il 2018 ha insegnato “History and Theory of Restoration” presso la Universitèe de Sousse, Tunisia, e in seguito alla USEK|The Holy Spirit University of Kaslik, Beirut (Libano). Ha curato mostre personali e collettive, tra cui: Nedko Solakov, Hans Op De Beeck, Pino Pascali, Seb Patane, Luca Trevisani, Letizia Battaglia, Pietro Ruffo, Salvatore Arancio, Manfredi Beninati, MASBEDO, Olaf Nicolai; Wael Shawky per la Fondazione Sicilia di Palermo, con la Fondazione Merz di Torino. Ha scritto testi critici per cataloghi di mostre di musei e di fondazioni, tra cui il PAN-Palazzo delle Arti Napoli (di cui è stata Junior Curator dal 2007 al 2009), Riso-Museo Regionale d'Arte moderna e contemporanea della Sicilia, la Fondazione Quadriennale di Roma, la Fondazione MAXXI. Ha fatto parte del comitato scientifico, per conto del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, di “Sensi Contemporanei” in Basilicata. Nel 2011 ha co-curato il Premio per Giovani Artisti al Palazzo Reale di Milano per la Fondation Ariane de Rothschild di Parigi. Ha collaborato inoltre con l'Istituto Italiano di Cultura di New York e di Parigi, la Fondazione Pastificio Cerere di Roma, Civitella Ranieri Foundation, Perugia-New York, la Fondazione Puglisi Cosentino di Catania. Nel 2012 ha co-curato il City Pavilion-Palermo alla 9. Biennale di Shanghai. Ha tenuto conferenze in Italia e all'estero sulla conservazione dell’arte contemporanea e ha pubblicato articoli e saggi critici su cataloghi, riviste scientifiche, etc. E’ autrice del saggio Arte e Tecnologia. Dalle Avanguardie storiche alla New Media Art, 2013, Aracne Editore e co-autrice del volume di Terrazza. Storie, artisti, luoghi in Italia negli anni Zero, Marsilio Editore, 2013.