Retrospettiva di Robert Capa al Museo Civico di Bassano. Scatti iconici del cofondatore di Magnum

Circa 100 immagini sui 5 grandi conflitti mondiali del XX secolo, di cui Capa è stato testimone oculare, e i ritratti di amici e artisti tra cui Picasso in questa retrospettiva in onore dei 70 anni di Magnum.

Sulla scia delle celebrazioni dei 70 anni dalla nascita di Magnum e in occasione del festival biennale Bassano Fotografia 2017. Oltre l’immagine, il Museo Civico di Bassano ospita a settembre la grande mostra Robert Capa. Retrospective, dedicata proprio al lavoro straordinario del fondatore di Magnum Photos nel 1947, insieme a Henri Cartier-Bresson, George Rodger, David “Chim” Seymour e William Vandiver. L’esposizione presenta 97 fotografie in bianco e nero che ripercorrono i maggiori conflitti del XX secolo – dalla guerra civile spagnola (1936-1939) alla resistenza della Cina all’invasione giapponese (1938), dalla Seconda guerra mondiale (1941-1945) al primo conflitto arabo-israeliano (1948), fino alla guerra francese in Indocina (1954), dove la vita di Robert Capa si conclude per una mina anti-uomo -, a cui si aggiunge una serie di ritratti di amici e artisti tra cui Picasso, Ingrid Bergman, Hemingway, Faulkner, Matisse. In queste immagini è possibile scorgere la cifra stilistica e poetica del grande fotografo, che ha raccontato la sofferenza, la miseria, il caos e la crudeltà della guerra con scatti divenuti iconici, come le “magnifiche undici”: le uniche fotografie (professionali) dello sbarco in Normandia delle truppe americane, il 6 giugno 1944.

-Claudia Giraud

Evento correlato
Nome eventoRobert Capa - Retrospective
Vernissage16/09/2017
Duratadal 16/09/2017 al 22/01/2018
AutoreRobert Capa
CuratoriDenis Curti, Chiara Casarin
Generifotografia, personale
Spazio espositivoMUSEO CIVICO
IndirizzoPiazza Giuseppe Garibaldi - Bassano del Grappa - Veneto
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è responsabile dell'area Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica musicale "Art Music". E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).

LEAVE A REPLY