L’Ottocento di Angelo Morbelli. A Milano

Enrico Gallerie d’Arte, Milano ‒ fino al 13 aprile 2019. Lo sguardo di Angelo Morbelli si posa delicatamente sui poveri, sugli emarginati, sugli sventurati: li mette al centro di una comprensione profondamente poetica, come testimonia il titolo di una delle sue serie più celebri. Ma l’artista si interessa anche al paesaggio naturale e urbano, indagati attraverso una continua sperimentazione sul colore e sulla luce.

Angelo Morbelli, Ave Maria della sera, 1910, courtesy Enrico Gallerie d’Arte
Angelo Morbelli, Ave Maria della sera, 1910, courtesy Enrico Gallerie d’Arte

Un discorso critico sull’Ottocento italiano non può essere tale senza includere il lavoro di Angelo Morbelli (Alessandria, 1853 ‒ Milano, 1919). E, infatti, qualsiasi mostra che si rispetti tesa a indagare quel periodo storico (Ottocento a Forlì, per fare solo un esempio tra i più recenti) comprende una selezione di sue opere, e in particolare di quelle a tema “sociale” di cui è massima espressione la serie sulla vita quotidiana degli anziani soli e senza sussistenza economica, ospiti del Pio Albergo Trivulzio di Milano, e culminata nel cosiddetto Poema della vecchiaia esposto alla Biennale di Venezia del 1903. Questi ultimi, insieme ai poveri, sono tra i soggetti prediletti da Morbelli, che tuttavia va ricordato anche tra i maggiori interpreti lombardi del Divisionismo, stile che a partire dal 1900 riuscì a fondere in un singolare connubio con i temi tipici del Realismo.

LE OPERE DI MORBELLI

Ciononostante, sul pittore del quale quest’anno ricorre il centenario dalla morte, non è ancora stato redatto un catalogo generale dell’opera: solo ora, infatti, grazie all’impegno di Giovanni Anzani ed Elisabetta Chiodini, si è ufficialmente costituito l’Archivio Angelo Morbelli che, tra le finalità, ha proprio la pubblicazione del catalogo ragionato. Al comitato scientifico si affiancano due gallerie milanesi e proprio una di queste, Enrico Gallerie d’Arte, ha inaugurato le celebrazioni del centenario con una esposizione che raduna venticinque opere di Morbelli.
Le tele, anche di grandi dimensioni, coprono le varie tematiche del lavoro del pittore, dai contesti rurali (con Visita alla stalla del 1886, presentata nel 1888 alla mostra londinese curata da Alberto Grubicy, o con Risaiuole del 1897) ai più tardi paesaggi (straordinaria per gli effetti di luce la tarda Ave Maria della sera del 1910), oltre al grande, malinconico dipinto Per sempre, non più esposto al pubblico dal 1982.

Angelo Morbelli, La mia Teresa, 1917, courtesy Enrico Gallerie d’Arte
Angelo Morbelli, La mia Teresa, 1917, courtesy Enrico Gallerie d’Arte

I SOGGETTI

Non mancano le opere di critica sociale nelle quali Morbelli riesce a trasmettere il senso della solitudine e della povertà degli anziani, tanto quanto lo scandalo della prostituzione infantile – che contrasta con un altro tema caro al pittore, la maternità – sottesa allo sguardo desolato e al corpo forse malato e abbandonato sotto le lenzuola candide di Venduta! del 1897.
L’iniziativa è organizzata in collaborazione con la seconda galleria milanese promotrice dell’opera di Morbelli, Gallerie Maspes, e non si dimentichi la retrospettiva aperta dal 15 marzo alla Galleria d’Arte Moderna: due tappe che si integrano e si intrecciano in un discorso complessivo sul percorso pittorico e sulla poetica dell’artista.

Marta Santacatterina

Evento correlato
Nome eventoMorbelli. 1853-1919
Vernissage14/03/2019 su invito
Duratadal 14/03/2019 al 16/06/2019
AutoreAngelo Morbelli
Generearte moderna
Spazio espositivoGALLERIA D'ARTE MODERNA DI MILANO - VILLA REALE
IndirizzoVia Palestro 16 - Milano - Lombardia
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Marta Santacatterina
Giornalista pubblicista e dottore di ricerca in Storia dell'arte – titolo conseguito all'Università degli Studi di Parma con una tesi in Storia dell’arte medievale –, svolge da molti anni la professione di editor freelance per conto di varie case editrici ricoprendo anche, dal 2015 all’inizio del 2018, il ruolo di direttore editoriale del marchio Fermoeditore e della rivista collegata “fermomag”, sulla quale si è dedicata alle rubriche di arte, fotografia e mostre. Scrive per “Artribune” fin dalla nascita della rivista nel 2011, mentre più recenti sono le collaborazioni con il sito “Art&Dossier” – sul quale recensisce progetti allestiti in gallerie private –, con “La casa in ordine”, dove si occupa di designer emergenti e autoprodotti, e con la rivista “Dolcesalato”, su cui propone ai pasticceri suggestioni tratte dall'arte contemporanea. Scrive inoltre testi storico-artistici e sul fumetto per case editrici italiane (Giunti editore, Grafiche Step editrice ecc.) e statunitensi (Fantagraphics Books). Ha partecipato come giurata a concorsi di arte o fotografia e raramente cura delle mostre per artisti che riescono a convincerla grazie alla qualità dei lavori e alla solidità della loro poetica. Per la sede di Parma del Boston College, si occupa inoltre di attività di tutoring sull'arte contemporanea per studenti americani.