Musei, gallerie, fondazioni: il programma online. Dal Maxxi a Punta della Dogana

Mentre in zona gialla i musei riaprono nei giorni feriali, non si ferma il palinsesto online di istituzioni e fondazioni in tutto il paese in zona rossa e arancione. Ecco le prossime iniziative in programma

Nonostante la riapertura dei musei in zona gialla – anticamera di un ritorno alla normalità – proseguono gli appuntamenti virtuali rivolti al pubblico delle istituzioni culturali italiane. Proprio per questo Artribune ha deciso di dedicare un appuntamento settimanale a tutte le attività che prendono vita tra canali social e siti web, così da restare sempre aggiornati e segnare in agenda le manifestazioni in giro per l’Italia da fruire al pc o con lo smartphone. Ecco una selezione per la settimana che inizia.

-Valentina Muzi

1. IL PAFF DI PORDENONE SPOSTA LE SUE MOSTRE ONLINE

Masters of black and white Milton Caniff al Museo PAFF

Il PAFF! Palazzo Arti Fumetto Friuli di Pordenone organizza una serie di virtual tour a 360’ e in alta definizione nella villa settecentesca all’interno del parco di Villa Galvani, dove è in corso la mostra Masters of black and white: Milton Caniff. “La mostra”, racconta Giulio De Vita, direttore artistico e fondatore del PAFF! “inaugura la serie di esposizioni dedicate ai maestri della storia del fumetto mondiale “Masters of Black and White” che porta per la prima volta in Italia tavole di grande valore e si integra nel progetto di creazione della collezione permanente sulla narrazione per immagini del Palazzo del Fumetto di Pordenone (…)”. 61 tavole firmate dall’autore donano al pubblico l’opportunità di capire il complesso periodo storico in cui ha vissuto Caniff, uno degli esponenti più influenti nella storia mondiale dei comics (a lui si ispirò anche Hugo Pratt). Ad essere protagonista del percorso espositivo fruibile digitalmente è anche una collezione proveniente dalla Galleria 9éme Art di Parigi – esposta per la prima volta in Italia, con strisce come “Terry e i Pirati”, “Male Call”, “Dickie Dare” e “Steve Canyon”, affiancate a contenuti di approfondimento che vedono la cura di Luca Raffaelli, con appendici tematiche che spaziano dal cinema, alla musica e alla moda del tempo.

https://paff.it/

2. GAMING E URBANISTICA CON IL MUSEO CASTROMEDIANO DI LECCE

Progettazione Museo Castromediano di Lecce con Bricks4City

Il Museo Castromediano di Lecce si offre come laboratorio virtuale per promuovere l’incontro tra culture e spazio pubblico aperto lanciando una iniziativa volta a una riprogettazione corale della relazione tra città e Museo. Bricks4City, questo è il nome del progetto, è un processo di partecipazione che vuole ripensare la dinamica museo/città, arrivando a un punto di svolta con il coinvolgimento attivo delle famiglie selezionate dopo la call, i “momenti” formativi su Minecraft® e, infine, con la costruzione di un modellino realistico del Museo e dei suoi dintorni. Il tutto grazie all’esperienza del capofila Kids Project Education e alle competenze dei partner tecnici del progetto -tra cui Città Fertile, gruppo tecnico orizzontale per le strategie urbane partecipate, e il Polo Biblio-museale di Lecce-: il processo può contare su un dinamico team composto da giovani under 30, contraddistinto da un background accademico vario. Un ruolo fondamentale sarà anche quello dei bambini, ai quali sarà richiesto di immaginare una nuova vita per gli spazi del museo e per la loro fruizione presente e futura. Tre gruppi di lavoro e altrettante idee (città nel museomuseo nella cittàmargine città/museo), troveranno una sintesi in un meta-progetto condiviso che la direzione del Museo si impegna a fare proprio. Il lavoro di co-progettazione diventerà parte integrante del Museo pugliese all’interno del quale sarà allestita una postazione in cui si potrà visitare, interagire e anche giocare con il modello virtuale riprodotto nel videogioco.

3. L’ARTE È VITA, CONTINUA IL CORSO ONLINE DI ARTE E LETTERATURA FIRMATO DALLA PEGGY GUGGENHEIM COLLECTION

Peggy Guggenheim Collection Venice Palazzo Venier dei Leoni

Continua il ricco e variegato palinsesto online della Collezione Peggy Guggenheim di Venezia che, dal 25 gennaio 2021 alle ore 19 sulla piattaforma Zoom, fa partire il secondo ciclo del corso di storia dell’arte online L’Arte è Vita, condotto dalla professoressa Alessandra Montalbetti della Pinacoteca di Brera. Gli appuntamenti previsti sono riservati ai soci del museo e a tutti coloro che decideranno associarsi per l’occasione – oppure che rinnoveranno la propria Membership card, approfittando della riduzione del 30%, valida fino al 31 gennaio 2021-. La prima lezione del secondo ciclo è dedicata all’arte e alla letteratura. I proventi, sotto forma di una liberalità deducibile fiscalmente di 50 euro a ciclo, sosterranno il museo chiuso da mesi. Per prenotarsi o avere maggiori informazioni è possibile scrivere a [email protected] o consultare il sito guggenheim-venice.it.

4. #MOODBOARD LA NUOVA NEWSLETTER DAL TEAM DI LARA FACCO

Lara Facco #moodboard giallo

“Di che colore siamo questa settimana? Giallo, arancione o rosso?” è con questa domanda che si apre la nuova newsletter firmata dell’ufficio stampa per l’arte Lara Facco P&C. Con queste premesse nasce #Moodboard, un racconto per immagini nel quale i racconti legati a istituzioni culturali, mostre, collezioni e artisti si mescolano con notizie di ogni tipo selezionate attraverso il colore scelto – per la prima uscita è stato scelto proprio il giallo – . Da lunedì 25 si partirà con l’arancione, mentre per il rosso dovremmo aspettare venerdì 29 gennaio 2021. Una nota fresca e leggera che toglie l’amaro in bocca per lasciare spazio all’ottimismo per il futuro che ci aspetta. Come fare per riceverla? Basterà scrivere a [email protected]

www.larafacco.com

5. RIPARTONO I #MAXXIlive

MAXXILive MarcoDamilano, 28 gennaio

È possibile unire cinque grandi interpreti del presente con cinque importanti maestri dell’arte contemporanea? Al MAXXI sì, ed ecco infatti che torna il format #MAXXIlive, previsto ogni giovedì, in compagnia di Marco Damilano, Mauro Covacich, Gianluca Marziani, Daniela Collu Vasco Brondi i quali attraverso il linguaggio immediato dei social media e un punto di vista attuale e trasversale, raccontano le opere in collezione di importanti esponenti dell’arte quali Luciano Fabro a Claudio Parmiggiani, da Mario Schifano ad Anna Maria Maiolino e Luigi Ghirri. Da segnare in agenda è proprio giovedì 28 gennaio 2021, alle ore 18, direttamente sui canali Facebook e Instagram del Museo romano, dove ad accompagnare il pubblico in questo viaggio suggestivo è proprio il Direttore de L’Espresso, Marco Damilano, il quale in dialogo con il Direttore MAXXI Arte, Bartolomeo Pietromarchi, racconta Italia all’asta di Luciano Fabro. Quest’opera, datata 1994, appartiene alla serie Italie, un’acuta riflessione dell’artista sull’identità nazionale, rappresentata da due sagome della Penisola, entrambe appese a un’asta con una posta a testa in giù. Insieme al Direttore de L’Espresso si indagherà il complesso contesto storico e sociale in cui l’opera è stata prodotta, dai contemporanei eventi di Tangentopoli fino alla stagione delle privatizzazioni che culminerà nel decennio successivo.

6. LA MOSTRA SILENZIO

Progetto Silenzio Renata De Bonis ‘Landed in Iceland (Silenzio)’, 2020, courtesy Giorgio Galotti

Silenzio. Così s’intitola il nuovo progetto speciale della Galleria Giorgio Galotti, nato dopo un periodo di riflessioni sul periodo che stiamo vivendo e proseguendo nell’intenzione avviata con l’azione ‘Pensiero Magico’ che aveva preso forma durante i duri mesi di marzo e aprile. Gli artisti coinvolti sono Thomas Kratz, Gianni Ferrero Merlino, Renata De Bonis, Andrea Noviello, Gaia De Megni, Ettore Favini, Andrea Magnani, Andrea Romano, Tyra Tingleff, Anders Holen, Beatriz Olabarrieta, Jiajia Zhang, Giovanna Silva, Marissa Lee Benedict, Daniel Gustav Cramer, Talisa Lallai, Meriç Algün Ringborg e Antonio Rovaldi. Il viaggio che lega le diverse opere conduce in uno scenario utopico seguendo uno schema ben preciso con contributi pubblicati su Instagram e sul sito web della galleria di Torino, poi stampati in un laboratorio fotografico e, successivamente, raccolti in un album che assume le sembianze del ricordo di un viaggio mai accaduto, sviluppando così una mostra silenziosa da sfogliare. A discrezione degli artisti le immagini potranno essere disponibili all’acquisto ad un prezzo consono, per sostenere sia gli autori che la galleria stessa. L’intento è quello di stimolare un sistema “messo in pausa”; i partecipanti vengono svelati nel tempo, così da estendere l’invito ad un altro collega e creare una catena collaborativa, quasi come in una trasferta tra amici.

7. MUSEOCITY PER ELLE DECOR GRAND HOTEL. UN OMAGGIO A MILANO

MUSEOCITY Casa Boschi Di Stefano

A rendere omaggio a Milano, una delle città più colpite dall’emergenza sanitaria, ci pensa l’associazione culturale MuseoCity, che cura il palinsesto finale di Lounge delle Arti Visive di Elle Decor Grand Hotel la mostra installazione di Elle Decor Italia dedicata all’interior design dei nuovi hotel che giunge alla sua quinta edizione. Una rassegna di opere tratte dalle collezioni di quattro autorevoli musei milanesi, come la GAM Galleria d’Arte Moderna, la Casa Boschi Di Stefano, il Museo Poldi Pezzoli e il Museo Bagatti Valsecchi sarà fruibile digitalmente tramite un’esperienza immersiva nei musei che ad oggi costituiscono il circuito dell’associazione con 89 istituzioni. Le immagini degli ambienti più caratteristici come quelle delle opere più significative saranno accompagnate da video e testi descrittivi che tratteranno la collezione e la storia con una serie di approfondimenti in bilingue. Ancora una volta l’obiettivo è raccontare ad un pubblico sempre più vasto la bellezza dei musei di Milano, capaci di offrire nuove chiavi di lettura del mondo contemporaneo e di essere un’ispirazione per tutti i settori creativi. Venerdì 29 gennaio 2021 si andrà alla scoperta della Casa Boschi Di Stefano, l’elegante casa museo di Marieda ed Antonio, con una collezione d’arte che nasce da contatti, chiacchiere, discussioni, incontri. La storia dei due coniugi ci insegna che essere collezionisti significa vivere in una dimensione creativa e che l’arte rende universali persino un pensiero, un sentimento.

Per visitare la Lounge delle Arti Visive di Elle Decor Grand Hotel clicca qui.

8. LE CARTOLINE DI DA PCM STUDIO

Cartoline da PCM Studio

Le cartoline hanno sempre avuto un fascino indistinto. Ad oggi, questo tipo di corrispondenza dal sapore vintage non smette di stupire. Ed è proprio così che l’ufficio stampa culturale PCM Studio, Press Office & Communication di Paola Manfredi ha lanciato il progetto, dedicando una cartolina ai propri lettori con pensieri, immagini e informazioni direttamente dal mondo dell’arte che tanto ci manca. Per riceverle basterà scrivere semplicemente a [email protected]

https://www.paolamanfredi.com/

9. LE OPERE AL TELEFONO DI FONDAZIONE PALAZZO MAGNANI

Opere al telefono_ Fondazione Palazzo Magnani

In attesa di poter riaprire le porte al pubblico, la Fondazione Palazzo Magnani continua a progettare nuove attività online per raccontare la mostra True Fiction, Fotografia visionaria dagli anni ’70 ad oggi. Nel 2021 sono previsti tre diversi cicli di appuntamenti, alternativi e divertenti! Per esempio, mercoledì 27 gennaio 2021, dalle 17 alle 19 telefonando al numero 0522/444446 si potranno ascoltare le Opere al telefono, chiacchierando con uno degli esperti della Fondazione, grazie anche alla consultazione di un nuovo catalogo di lavori selezionati tra quelle esposti che daranno modo al pubblico di ‘entrare nell’opera’ in una modalità del tutto nuova, riprendendo la scia delle fiabe al telefono di Gianni Rodari. Si continua sabato 30 gennaio 2021 con le visite guidate virtuali (al costo di 4 euro e con posti limitati) nella mostra trasformandosi ogni giovedì a partire dal 28 gennaio 2021 in un Faccia a Faccia, entrando in relazione con l’opera d’arte (il costo è di 2 euro e i posti sono limitati). Tutti gli appuntamenti elencati hanno una cadenza settimanale prevista fino a marzo 2021.

https://www.palazzomagnani.it/

10. ART CONVERSATION: BRUCE NAUMAN A PALAZZO GRASSI – PUNTA DELLA DOGANA

Bruce Nauman, Contrapposto Studies, I through VII, 2015-16. Pinault Collection and Philadelphia Museum of Art. © Bruce Nauman / Artists Rights Society (ARS), New York

L’apertura della grande mostra dedicata a Bruce Nauman, Bruce Nauman: Contrapposto Studies presso Punta della Dogana slitta al 23 maggio 2021, data che sarà confermata in un secondo momento parallelamente all’andamento delle condizioni sanitarie nazionali e regionali. La mostra, curata da Carlos Basualdo, curatore presso il Philadelphia Museum of Art e la conservatrice della Pinault Collection, Caroline Bourgeois, vede la collaborazione anche dello stesso artista, dando lustro al lavoro di ricerca passando dalla sfera storica a quella più recente. Una particolare attenzione è rivolta proprio alla fondamentale attività d’indagine sullo studio d’artista, come spazio di lavoro e di creazione sul corpo, attraverso la pratica della performance e sul suono – altro elemento caratterizzante della sua lunga carriera-. Ma come è possibile sopperire a questo drastico posticipo di apertura? Giocando d’anticipo, con una seri di art conversation dal titolo Nauman Archive for the Future, condotte dai curatori della mostra insieme ad artisti, storici dell’arte, ballerini, performer e musicisti provenienti da tutto il mondo. Tra gli ospiti Nairy Baghramian, Elisabetta Benassi, Boris Charmatz, Teodor Currentzis, Anne Imhof, Lenio Kaklea, Elisabeth Lebovici, Ralph Lemon, Paul Maheke, Philippe Parreno e Tatiana Trouvé. Le conversazioni saranno online su canale YouTube e sul sito di Palazzo Grassi Punta della Dogana.

11. UN CAFFÈ CON I CURATORI DELLA FONDAZIONE MODENA ARTI VISIVE

FMAV Caffè con i curatori

E se il caffè si prendesse online? E magari in compagnia di curatori d’arte? Questo è il nuovo format sviluppato dalla Fondazione Modena Arti Visive, previsto ogni sabato a partire dal 30 gennaio alle ore 15 in live streaming su Zoom. Brevi ma profondi viaggi attraverseranno diversi campi d’indagine, andando alla scoperta delle mostre attualmente in corso e della collezione permanente. Ad aprire le porte di questa nuova iniziativa è Francesca Fontana con Dalla nascita delle figurine alla “dolce prospettiva”, per poi seguire sabato 6 febbraio 2021 con Chiara Dall’Olio e Da Mario Cresci ad Ansel Adams. Infine, sabato 13 febbraio ci sarà Daniele De Luigi e la sua Da Willie Doherty a Jeff Wall. Questa è solo una parte dei tanti appuntamenti che si svolgeranno online.

12. IL MUDAC E I SUOI INCONTRI CONTEMPORANEI

mudaC Laura Cionci e Christian Caliandro

È previsto per venerdì 29 gennaio alle 18, in diretta streaming sul canale Facebook del Museo, l’incontro tra lo storico dell’arte contemporanea ed esperto di politiche culturali Christian Caliandro, l’artista e performer Laura Cionci e la direttrice del mudaC, Laura Barreca. Al centro del dibattito i processi pubblici, partecipativi, nonché le forme di relazione che agiscono attivamente all’interno di una comunità. Temi ben presenti all’interno della ricerca artistica di Laura Cionci, la quale unisce mondi e campi disciplinari diversi con l’intento di riappropriarsi dell’immaginario collettivo. Christian Caliandro, invece, pone riflessioni e quesiti profondi che prendono forma ma anche nel suo libro Italian Evolution. Crescere con la cultura (Meltemi Linee), un saggio che attraversa non solo chi siamo, ma chi potremmo essere.

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valentina Muzi
Valentina Muzi (Roma, 1991) è diplomata in lingue presso il liceo G.V. Catullo, matura esperienze all’estero e si specializza in lingua francese e spagnola con corsi di approfondimento DELF e DELE. La passione per l’arte l’ha portata a iscriversi alla Facoltà di Studi Storico-Artistici dell’Università di Roma La Sapienza, laureandosi in Storia dell’Arte Contemporanea e svolgendo il tirocinio formativo presso il MLAC - Museo e Laboratorio di Arte Contemporanea dell’Ateneo, parallelamente ha frequentato un Executive Master in Management dei Beni Culturali presso la Business School del Sole24Ore di Roma. Dal 2016 svolge attività di PR, traduzione di cataloghi, stesura di testi critici e curatela indipendente. Dal 2017 svolge l’attività di giornalista di taglio critico e finanziario per riviste di settore. Attualmente è membro del Board Strategico presso l’Associazione culturale Arteprima noprofit, nella stessa ha svolto il ruolo di Social Media Manager ed è Responsabile organizzativa della piattaforma Arteprima Academy.