Estate in Versilia con le sculture di Mitoraj nel Bagno Alpemare di Andrea Bocelli, Covid-scettico

L’estate versiliese vede le grandi sculture di Igor Mitoraj allestite nella pineta del Bagno Alpemare di Forte dei Marmi, di proprietà del tenore protagonista di recenti esternazioni sulla “cosiddetta pandemia”. Le foto

Luci di Nara Pietrificata, 2014, bronzo, cm 204 x 220 x 154
Luci di Nara Pietrificata, 2014, bronzo, cm 204 x 220 x 154

Andrea Bocelli è stato uno dei protagonisti musicali di questi mesi di isolamento da coronavirus, prima con il concerto benefico capitanato da Lady Gaga e poi con l’esibizione nel Duomo di Milano completamente vuoto, che ha emozionato il mondo intero.

Eros Pietrificato con Mano, 2014, bronzo, cm 127,5 x 73,5 x 51
Eros Pietrificato con Mano, 2014, bronzo, cm 127,5 x 73,5 x 51

BOCELLI LO SCETTICO E LO STABILIMENTO DI FORTE DEI MARMI

Eppure questo non gli ha impedito di fare delle esternazioni alquanto infelici, avanzando dubbi sull’esistenza della pandemia in corso e ammettendo la violazione del lockdown perché poco salutare: “Ho una certa età e ho bisogno di sole e di vitamina D“. Ora, tutto quel calore potrà goderselo “alla luce del sole” nell’elegante stabilimento balneare di sua proprietà, lo storico Bagno Alpemare di Forte dei Marmi, che la sua famiglia ha ristrutturato mantenendo lo stile e l’atmosfera di questo luogo, meta prediletta di grandi poeti come Montale, Ungaretti e D’Annunzio, e di grandi cantanti, da Edith Piaf a Mina e Ray Charles.

Cacciatori di Adriano, 2000, bronzo, cm 85 x 117 x 54_retro
Cacciatori di Adriano, 2000, bronzo, cm 85 x 117 x 54_retro

LA MOSTRA DI IGOR MITORAJ A FORTE DEI MARMI DA BOCELLI

È qui che ha sede la mostra Igor Mitoraj: tra Terra e Mare, un evento esclusivo realizzato da Galleria d’Arte Contini in collaborazione con l’Atelier Mitoraj, sotto la regia di Alberto Bartalini, che vede protagoniste le imponenti sculture di Igor Mitoraj – l’artista polacco del classico scomparso nel 2014 che in Versilia, a Pietrasanta, aveva scelto di aprire uno studio, vivendo tra l’Italia e la Francia, e che proprio qui presto avrà un museo dedicato – allestite nella meravigliosa ed unica pineta del Bagno Alpemare. Ecco le immagini…

-Claudia Giraud

www.alpemare.com 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è Caporedattore Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica "Art Music" dedicata a tutti quei progetti dove il linguaggio musicale si interseca con quello delle arti visive. E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).