Jaguart il roadshow partner di Artissima fa tappa a Torino. Ecco l’opera vincitrice e le finaliste

Seconda tappa a Torino del format a metà tra premio e mostra itinerante, firmato dalla fiera torinese e dal marchio automobilistico di lusso Jaguar: le 5 opere di artisti emergenti selezionati, tra vincitori e finalisti

Prosegue il progetto firmato dalla fiera torinese Artissima e dal marchio automobilistico di lusso Jaguar con un format a metà tra premio e mostra itinerante. JaguArt, The Italian Talent Road Show – questo il nome della rassegna giunta alla seconda tappa delle dieci in programma, questa volta sotto la Mole, per supportare l’arte contemporanea emergente – ha premiato nella serata del 28 gennaio, presso la concessionaria Jaguar BiAuto Club di Torino, Luca Arboccò tra una selezione di cinque artisti (oltre a lui, Silvia Cioni, Qipeng Deng, Fe Mitikafe e Alice Visentin). La giuria – composta da Ilaria Bonacossa, Direttrice di Artissima; Gaspare Luigi Marcone, curatore; Davide Mazzoleni, Direttore della galleria Mazzoleni – ha selezionato il suo lavoro Three Channels (Trompe l’Oeil) con la seguente motivazione: “per il carattere pittorico della sua opera, che attraverso la scomposizione cromatica della luce e la sospensione tra bidimensionalità e tridimensionalità apre a orizzonti digitali e onirici. Presentando un lavoro che armonizza pittura e stampa, l’artista apre a una riflessione sui limiti e le possibilità del linguaggio pittorico nella creazione di immagini contemporanee”. L’artista vincitore sarà protagonista di un secondo evento che si terrà l’11 febbraio 2020, dalle ore 18, presso la galleria madrina Mazzoleni, in piazza Solferino 2 a Torino. In attesa di vederne gli esiti, ecco la sua opera vincitrice e quelle degli artisti finalisti nel dettaglio… 

– Claudia Giraud

1. LUCA ARBOCCÒ (ARTISTA VINCITORE) – THREE CHANNELS

Luca Arboccò, artista vincitore. Foto Giorgio Perottino. Courtesy dell’immagine Jaguar Italia e Artissima

Attraverso le sue opere, l’artista mira a esplorare i limiti e le possibilità del linguaggio pittorico e il suo ruolo nel contemporaneo, utilizzando tecniche apparentemente distanti tra loro. Il processo che Luca Arboccò (Chiavari, 1992) mette in atto è ben rappresentato dalla serie Trompe l’œil – nome che si rifà al genere di pittura che suscita l’illusione della tridimensionalità – in cui però l’artista declina la pretesa di verosimiglianza suggerita dal titolo, procedendo invece attraverso la scomposizione dell’immagine. Il paesaggio raffigurato nell’opera viene dapprima dipinto dall’artista in bianco e nero, successivamente fotografato e scomposto a computer nei tre canali cromatici di base: ciano, magenta e giallo. Le immagini risultanti sono stampate su pannelli di plexiglass che vengono a loro volta sovrapposti; l’opera oscilla tra pittura e stampa, figurazione e astrazione e rispecchia il tentativo, fallito, dell’uomo di imitare la realtà.

2. SILVIA CIONI – IL MAUSOLEO DELLE FALENE

Jaguart Artissima BiAuto Torino Foto Giorgio Perottino. Courtesy dell’immagine Jaguar Italia e Artissima

Silvia Cioni è affascinata dal fenomeno del progresso tecnologico, in cui sempre più velocemente e sempre più spesso l’incessante accumulo d’immagini dettano il ritmo e lo stile del contemporaneo. Nelle sue opere l’artista sperimenta e crea mondi appartenenti a un futuro, non troppo lontano, in cui la tecnologia e l’immagine digitale prendono il sopravvento sulla realtà, i sentimenti e le emozioni. Nell’opera Il Mausoleo delle Falene, Cioni ricostruisce una scultura esoterica, un totem digitale sulla cui cima spicca un televisore a tubo catodico con lo schermo rivolto verso il basso. Suoni provenienti dalla struttura e una piccola fessura invitano il pubblico ad avvicinarsi per indagare più a fondo la strana natura dell’opera. All’interno, una proiezione surreale ottenuta dal riflesso dello schermo del televisore su di una superfice oleosa stranisce e al contempo seduce lo spettatore. Come le falene sono attratte dalla luce, la seduzione in cui l’artista intrappola il pubblico rispecchia il fascino con cui i nuovi media incantano gli utenti. 

3. QIPENG DENG – NIDO DI CARTA

Jaguart Artissima BiAuto Torino, Foto Giorgio Perottino. Courtesy dell’immagine Jaguar Italia e Artissima

Nelle sue opere Qipeng Deng indaga la condizione della natura umana, costantemente relazionata e influenzata dagli altri. Attraverso installazioni poetiche e delicate, l’artista scardina la costante razionalizzazione che l’uomo applica alle cose, regalando allo spettatore uno sguardo diverso sul mondo, più intimo e introspettivo. L’opera Nido di carta (autoprotezione fallita) è fragile e preziosa quanto un nido nascosto. Fini striscioline di carta, sulle quali risaltano degli ideogrammi cinesi, ripresi da libri significativi per l’artista, compongono un nido che sboccia al centro dell’installazione. Come tanti ramoscelli ordinatamente disposti, le eleganti striscioline di carta racchiudono e raccontano la conoscenza dell’artista, una consapevolezza di sé che lo tutela dagli altri e dall’esterno. Se da un lato l’artista si sente protetto all’interno del mondo che si è minuziosamente costruito, dall’altro riconosce l’impossibilità di essere impermeabile all’ambiente che lo circonda. Il filo bianco che serpentina e gravita attorno al nido simboleggia le possibili relazioni a cui l’individuo è sottoposto, nonché la possibilità che il nido ne venga avvolto e distrutto.

4. FE MITIKAFE – AKAMANAKAKUSAMANA ACT 0

Jaguart Artissima BiAuto Torino, Foto Giorgio Perottino. Courtesy dell’immagine Jaguar Italia e Artissima

Fe Mitikafe, nickname utilizzato dall’artista a partire dal 2006, utilizza nelle sue opere i dispositivi digitali per indagare il ruolo della tecnologia nel contemporaneo, creando nuove possibilità di dialogo tra essere umano, arte e web. Grazie alle infinite possibilità espressive del digitale, l’artista esplora e altera la propria identità, per indagarne gli aspetti più personali. Le fotografie realizzate da Fe Mitikafe rappresentano un’intima possibilità per mostrarsi nel web; fruibili solo online oppure diffuse attraverso dispositivi tecnologici, le sue fotografie evidenziano l’immaterialità dei corpi che immortala e la facilità con la quale possano essere distorti virtualmente. L’opera Akamanakakusamana Act 0 è costituita da quattro mini tablet contenenti quattro parti diverse della stessa foto, impossibili però da far combaciare tra loro. Il fruitore è invitato a modificare l’opera stessa, creando una combinazione differente. Costruendo un’immagine sempre singolare, l’artista pone l’accento sulla possibilità del digitale di modificare la nostra immagine e la realtà.

5. ALICE VISENTIN – LA MAMMA

Jaguart Artissima BiAuto Foto Giorgio Perottino. Courtesy dell’immagine Jaguar Italia e ArtissimaTorino

L’artista utilizza la pittura e il disegno come pratiche principali; su tela, la tecnica a pittura ad olio e pastelli secchi è quella che predilige, riprendendo la tradizione pittorica italiana e la sua palette di colori. I personaggi creati da Alice Visentin sono figure impassibili, imponenti nelle loro dimensioni, i cui corpi si mescolano a tratti allo sfondo in un rapporto con l’ambiente vegetale circostante, hanno volti ieratici e saggi, indossano vestiti che si fondono con la loro pelle e che raffigurano a loro volta altre narrazioni. I soggetti provengono dalle letture dell’artista che, affascinata dalle loro storie, li riporta su tela come fossero i custodi di un sapere prezioso. Dopo una lunga ricerca sulle comunità montane piemontesi, che rappresentano le origini dell’artista, anche i “gruppi” e le “bande” sono diventate figure ricorrenti nella sua ricerca. Come nell’opera La mamma, molti lavori evidenziano un concetto fondamentale per l’artista: la collettività, capace di innescare forme rinnovate di conoscenza, condivisione, e concepita come forma alternativa di famiglia.

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è Caporedattore Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica "Art Music" dedicata a tutti quei progetti dove il linguaggio musicale si interseca con quello delle arti visive. E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).