Foto di classe firmata Steve McQueen. A Londra, in oltre 600 manifesti in 33 distretti della città

L’artista vincitore del Turner Prize e regista premio Oscar ha ideato questa gigantesca mostra all’aperto con i ritratti di migliaia di bambini della terza elementare di scuole di Londra per riflettere sulla generazione del futuro

St Cyprian's Greek Orthodox Primary ©Steve McQueen & Tate
St Cyprian's Greek Orthodox Primary ©Steve McQueen & Tate

Entrerà nella storia come uno dei progetti di ritrattistica civile più ambiziosi, mai intrapresi prima in una delle più grandi città del mondo. Stiamo parlando di Year 3, la grande installazione fotografica di Steve McQueen (Londra, 1969), che ha disseminato i 33 distretti della capitale britannica di oltre 600 manifesti con le foto di migliaia di bambini del terzo anno delle scuole elementari di Londra. Con il sostegno di Tate Britain (prossima tappa del progetto che si aprirà qui il prossimo 12 novembre), di Artangel, l’associazione culturale famosa per la produzione di arte in luoghi inaspettati e di A New Direction, l’artista vincitore del  Turner Prize e regista premio Oscar ha ideato questa imponente mostra all’aperto per offrire alla cittadinanza londinese il ritratto fiducioso di una generazione a venire. “C’è l’impellenza di riflettere su chi siamo e sul nostro futuro […] per avere una riflessione visiva sulle persone che fanno funzionare questa città”, ha dichiarato McQueen. “Penso che sia importante e in qualche modo urgente”. Ogni cartellone pubblicitario e affissione pubblica nelle strade, ferrovie e stazioni della metropolitana presenta, così, una foto di classe di alunni della terza elementare di un istituto di Londra: in un anno cruciale del loro sviluppo e del formarsi di una coscienza critica. Ecco le immagini… 

Claudia Giraud 

Steve McQueen Year 3
Fino al 18 novembre
Sedi varie, Londra
Dal 12 novembre 2019 al 3 maggio 2020
Tate Britain, Millbank, Londra SW1P 4RG
https://www.tate.org.uk

Dati correlati
AutoreSteve McQueen
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è responsabile dell'area Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica musicale "Art Music". E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).