Guida alla Biennale Venezia 2019: 7 percorsi tra mostre, palazzi e eventi speciali

Prosegue la serie di percorsi per affrontare al meglio i giorni dell’opening della 58. Edizione della Biennale di Venezia. Ecco un itinerario di 7 eventi tra quelli più curiosi e speciali in Laguna

Dall’insolita installazione fatta di cavalli da giostra con le musiche di Max Casacci dei Subsonica presentata all’Hotel Hilton Molino Stucky, in occasione delle celebrazioni del Centenario dalla Fondazione del Gruppo Hilton, all’apertura per la prima volta della dimora/atelier del pittore Mariano Fortuny; passando per la versione multimediale della più grande opera letteraria di tutti i tempi, la Divina Commedia di Dante Alighieri, ecco una selezione di 7 eventi e chicche da non perdere…

– Claudia Giraud

1. LA GIOSTRA MUSICATA DAI SUBSONICA AL MOLINO STUCKY

PLAY WITH US NABY BYRON VENEZIA BIENNALE 2019

Il Museo Storico della Giostra di Brigantino presenta all’Hotel Hilton Molino Stucky di Venezia, in occasione delle celebrazioni del Centenario dalla Fondazione del Gruppo Hilton, un’installazione insolita e particolare: Play with us – Dall’arte popolare all’arte moderna, con opere dell’artista Naby Byron e musiche di Max Casacci dei Subsonica. L’esposizione si compone di una parte a “cavalli fissi” nella zona esterna dell’Hotel, e di una a “cavalli mobili” situati negli ambienti interni, accompagnata da una videoinstallazione a cura del Museo e dell’artista che trasforma il tutto in una particolare e metaforica visione onirica.

Play with us” Dall’arte popolare all’arte moderna
Dall’11 maggio al 24 novembre
Hotel Hilton Molino Stucky – Giudecca 810

2. I 40 ANNI DELLA GALLERIA DOROTHEA VAN DER KOELEN

Daniel Buren, Cadres decadre, 2006

Nel 2019 Dorothea van der Koelen, gallerista, editrice e storica dell‘arte festeggia il 40 anniversario della sua galleria che, per l’occasione, presenta due eventi speciali: la mostra Was – Is – Will be negli spazi della galleria, dove saranno esposte opere di artisti internazionali come Daniel Buren, Lore Bert, Joseph Kosuth, François Morellet, Fabrizio Plessi, Arne Quinze, Turi Simeti, Günther Uecker, e l’installazione Illuminations – Ways to Eureka di Lore Bert nella Chiesa di San Samuele.

Lore Bert – ‘Illuminations – Ways to Eureka’
Chiesa di San Samuele
‘Was – Is – Will be’
La Galleria Dorothea van der Koelen, San Marco 2566 (Calle Calegheri)
Dal 7 maggio

3. I BIS DEI CONCERTI SECONDO GLI ARTISTI VISIVI AL TEATRO GOLDONI

Encores

Nel rito collettivo di un concerto gli encore sono i bis finali, dove il singolo musicista o la band decide di suonare dei pezzi fuori scaletta o di ripetere un brano particolarmente amato dal pubblico, spesso stravolgendolo. Questa pratica è al centro della serata ENCORES -music on recurrence, redundancy and surplus, organizzata da artgenève/musique, in collaborazione con Artcurial e vedrà esibirsi artisti contemporanei come Pierre Huyghe, Anri Sala e Jonathan Monk al Teatro Goldoni, in pienol centro storico di Venezia.

Encores
9 maggio ore 20
Teatro Goldoni, S. Marco, 4650

4. UN PERCORSO IMMERSIVO NELL’INFERNO DI DANTE ALL’ARSENALE NORD

Vasily Klyukin, Disinformazione (Misinformation), 2018 (Serie I Cavalieri dell’Apocalisse)

Un percorso immersivo e multisensoriale nella più grande opera letteraria di tutti i tempi, la Divina Commedia di Dante Alighieri. In Dante Veritas – questo il titolo della mostra curata da Paola Gribaudo, e organizzata con il patrocinio dello State Russian Museum di San Pietroburgo che ospita la più grande collezione di arte russa al mondo, e del Comune di Venezia – vede le opere del designer visionario e artista russo Vasily Klyukin (Mosca, 1976), conosciuto a livello internazionale per i suoi successi come businessman e filantropo, costruire una vera e propria “esperienza dell’inferno”, attraverso un unicum artistico formato da oltre 100 elementi multimediali su 900 metri quadrati di spazio espositivo: sculture, sound, opere di video mapping, riproduzioni digitali e lightbox.

Vasily Klyukin – In Dante Veritas
Dall’8 maggio al 24 novembre 2019
Arsenale Nord, Tesa 94

5. IL CIRCO DI STATO RUSSO SECONDO ALTERAZIONE VIDEO DA V-A-C

Alterazioni Video

In occasione del centesimo anniversario della nascita del Circo di Stato russo, V–A–C e Alterazioni Video ripensano l’idea di Circo nel contesto della cultura visuale contemporanea riflettendo sull’epoca in cui gli spettacoli circensi erano eventi festosi, anarchici e imprevedibili. Sarà un coinvolgente evento performativo di tre giorni aperto a tutti che festeggerà anche l’inaugurazione di Time, Forward!, il progetto di V-A-C Foundation che presenta nuove opere commissionate ad artisti internazionali, emergenti e affermati.

Alterazioni Video – The New Circus Event
Dall’8 al 10 maggio 2019
V—A—C Zattere, Dorsoduro 1401

6. LA RESIDENZA DEL PITTORE MARIANO FORTUNY APRE AL PUBBLICO PER LA PRIMA VOLTA

Hans Op de Beeck, Vanitas (Variation) 14, 2017, courtesy the artist and GALLERIA CONTINUA, San Gimignano, Beijing, Les Moulins, Habana

Apre per la prima volta al pubblico Palazzo Martinengo nel sestriere di Dorsoduro. Già dimora di famiglia del pittore Mariano Fortuny, dove l’artista visse ed ebbe il suo atelier dal 1889 al 1899, data in cui acquistò il Palazzo Pesaro Orfei, l’attuale Museo Fortuny, ospita per l’occasione una mostra della MLB Maria Livia Brunelli Gallery, nata dalla collaborazione con le gallerie Studio La Città (Verona), Galleria Continua (San Gimignano, Beijing, Les Moulins, Habana) e del noto collezionista e gallerista Gian Enzo Sperone (Svizzera). Nei tre saloni che si affacciano sul Canal Grande, tra collezioni di ceramiche, armature, stoffe, tappeti, dipinti e incisioni, troveranno sede le opere e le installazioni di cinque artisti, da alcuni tra i più riconosciuti nomi del mondo dell’arte a giovani talenti emergenti di respiro internazionale.

Mortalia dement
Dal 7 al 21 maggio 2019
Palazzo Martinengo, Calle Lanza, Dorsoduro 178

7. MURANO CELEBRA 10 ANNI DI GLASSTRESS

Valeska Soares, photo credit Francesco Allegretto

L’ormai nota mostra di arte e vetro Glasstress – il progetto di Adriano Berengo che esprime al meglio la sua missione di coniugare la tradizione vetraria muranese con l’arte contemporanea – torna alle sue origini per il suo decimo anniversario sull’isola di Murano e per i 30 anni di Berengo Studio. Una vecchia fornace di vetro abbandonata è stata trasformata in un suggestivo spazio espositivo per nuove installazioni di artisti come Ai Weiwei, Tony Cragg, Thomas Schütte, Prune Nourry, José Parlá e Xavier Veilhan che si confrontano con le preoccupazioni ambientali e il rapporto dell’uomo con la natura. Il curatore della mostra – il celebre artista brasiliano Vik Muniz – ha, infatti, invitato una selezione di nuovi artisti ad esplorare “come il vetro cambi la nostra percezione dello spazio”.

Glasstress 2019
Dal 9 maggio al 24 novembre 2019
Fondazione Berengo Art Space, Campiello Della Pescheria, Murano

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è responsabile dell'area Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica musicale "Art Music". E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).