Damien Hirst regala una sua opera al migliore che su Instagram commenterà una sua foto in… mutande

L’artistar britannico, noto anche per le sue estrose iniziative, ha lanciato sul suo profilo Instagram un singolare contest: regalerà una sua stampa a chi lascerà la didascalia più divertente a una sua fotografia da lui pubblicata in cui indossa un paio di boxer di colore fucsia. E il popolo social si è scatenato

Damien Hirst
Damien Hirst

“Ho realizzato una serie di stampe dei miei veil paintings per supportare le Serpentine Galleries. È rimasta una sola stampa, ‘Andromeda’. Chiunque scriva la migliore didascalia a questa foto può averla. Deciderò il vincitore tra circa una settimana”. Inutile dire che il popolo dei social network si è letteralmente scatenato non appena Damien Hirst (Bristol, 1965) ha pubblicato sul suo profilo Intagram questo post, un vero e proprio contest che prevede, alla fine della competizione, l’assegnazione di un ambitissimo premio: un’opera realizzata proprio dall’ex Young British Artist. Cosa bisogna fare per partecipare? Lasciare sul post scritto da Hirst lo scorso 26 giugno un commento particolarmente fantasioso e divertente che possa essere usato come didascalia alla fotografia da lui pubblicata: un ritratto che lo vede in déshabillé. Per la precisione Hirst indossa un paio di boxer di colore fucsia della Calvin Klein, a cui ha abbinato un paio di calzini dello stesso colore e un paio di crocs con la scritta “Damien”. In perfetto pendant, tra l’altro, con le tonalità del veil painting da lui messo in palio e che fa da sfondo al suo ironico ritratto.

Il post di Damien Hirst sul suo profilo Instagram
Il post di Damien Hirst sul suo profilo Instagram

I COMMENTI DEI FOLLOWER

A pochi giorni dalla pubblicazione del post, il “ritratto in rosa” di Hirst ha già ricevuto 28.700 like e soprattutto quasi 4.500 commenti di altrettanti utenti che sperano di aggiudicarsi l’opera dell’artista britannico. “Calvin Klein Spring/Summer ‘18”; “The devil wears nada”; o ancora “Ogni giorno somigli sempre di più a Picasso… Fisicamente, intendo dire”; “Non mettetemi a confronto con Pollock, lui non ha mai sfoggiato boxer rosa come questi”; “Pox, crocs, socks, and cocks” (questa preferiamo non tradurla), si legge tra i commenti. Ma oltre ai post di natura goliardica, non mancano quelli più ironici nei confronti dell’artista: “A seguito delle scarse vendite, il team di PR di Damien ha pensato che un selfie sexy potesse essere di aiuto”.

HIRST SU INSTAGRAM

Con oltre 420mila follower, Hirst è tra gli artisti più attivi e seguiti su Instagram, soprattutto dopo la “svolta” degli ultimi mesi: dallo scorso gennaio l’artistar infatti ha deciso di gestire direttamente il suo profilo, fino a quel momento curato dal suo staff di collaboratori. Un vero e proprio diario personale, dove Hirst condivide riflessioni, ricordi e video che fanno trapelare un mood malinconico e una certa nostalgia per il passato. Non mancano poi, naturalmente, anche post dedicati alle sue attività in corso: giusto per citare uno tra gli esempi più recenti, è stato proprio attraverso Instagram che Hirst ha presentato ai suoi fan The Unknown, bar da lui progettato e da poco inaugurato al Palms Casino Resort di Las Vegas che ospita al suo interno l’omonima installazione con squalo che l’ex Young British Artist realizzò nel 1999.

– Desirée Maida

www.instagram.com/damienhirst/

Dati correlati
AutoreDamien Hirst
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Desirée Maida
Desirée Maida (Palermo, 1985) ha studiato presso l’Università degli Studi di Palermo, dove nel 2012 ha conseguito la laurea specialistica in Storia dell’Arte. Palermitana doc, appassionata di alchimia e cultura giapponese, approda al mondo dell’arte contemporanea dopo aver condotto studi sulla pittura del Tardo Manierismo meridionale (approfonditi durante un periodo di ricerche presso la Galleria Regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis) e sull’architettura medievale siciliana. Ha scritto per testate siciliane e di settore, collaborato con gallerie d’arte e curato mostre di artisti emergenti presso lo Spazio Cannatella di Palermo. Oggi fa parte dello staff di direzione di Artribune e cura per realtà private la comunicazione di progetti artistici e culturali.