Su Sky Arte: il film di John Lennon e Yoko Ono

A 39 anni dall’assassinio di John Lennon, il canale tematico satellitare manda in onda il film da lui diretto insieme a Yoko Ono, in versione restaurata

John Lennon e Yoko Ono, Imagine
John Lennon e Yoko Ono, Imagine

Fiction e immaginazione – è il caso di dirlo – si mescolano nel film prodotto e diretto da John Lennon e Yoko Ono, in arrivo su Sky Arte a 39 anni dall’assassinio del leader dei Beatles. Stiamo parlando di Imagine, restaurato e interamente rimasterizzato agli Abbey Road Studios in Dolby Atmos. Domenica 8 dicembre, i tanti fan dell’artista potranno lasciarsi trasportare in un collage cinematografico di colori e suoni, in compagnia di personalità del calibro di George Harrison, Fred Astaire, Andy Warhol, Dick Cavett, Jack Palance e Jonas Mekas.

LA PELLICOLA

Il film musicale propone un trattamento visivo diverso per ogni canzone e segue John e Yoko durante le sessioni di registrazione di Imagine sia nel Regno Unito sia a New York come coproduttori del disco con Phil Spector. Restaurata a partire dai rulli originali e con il remix audio di Paul Hicks, la pellicola offre quindici minuti di contenuti inediti, inclusi i filmati in studio di John e della sua band ‒ fra cui lo stesso George Harrison, Nicky Hopkins dei Rolling Stones, Alan White degli Yes e il bassista Klaus Voormann, amico e fan dei Beatles dai tempi di Amburgo ‒ che eseguono How Do You Sleep? e Oh My Love in un mix appositamente creato per il Dolby Atmos sound surround “raw studio”, capace di porre lo spettatore al centro dello studio di registrazione, mentre la band suona dal vivo.

Il sito di Sky Arte è powered by Artribune, che ne cura contenuti e interfaccia digitale. Scoprite a questo link le novità di palinsesto e le news che arricchiscono il portale del primo canale televisivo culturale italiano in HD…

http://arte.sky.it

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.