Mostre, musei e festival. Percorsi campani a regola d’arte

Una mostra che nasce da e per Napoli su Salvador Dalí, una reggia che fa invidia al mondo e una carovana di festival, dalla musica al teatro al cinema, che vede Mimmo Rotella nella veste di “comunicatore”. Ecco la Campania della cultura da marzo a ottobre 2018.

1. LA MOSTRA

Salvador Dalì

Si chiama Io Dalí la mostra che il PAN – Palazzo delle Arti di Napoli ha dedicato al genio controverso dell’arte surrealista, a cura di Laura Bartolomé, Lucia Moni e Francesca Villanti. Il progetto, in corso fino al 10 giugno, racconta la vita “segreta” di Dalí. E certo che l’artista surrealista, nato e morto a Figueres tra il 1904 e il 1989, di retroscena doveva averne parecchi, tanto che ancora oggi continua a dare scandalo (negli ultimi anni una sua presunta figlia avrebbe chiesto la riesumazione del cadavere per provare la parentela. Il test del DNA avrebbe poi dimostrato il contrario).
L’esposizione campana di Palazzo Roccella, organizzata in collaborazione con la Fundació Gala-Salvador Dalí, racconta l’immaginario multidisciplinare dell’artista tra dipinti, video, fotografie, riviste, ma ne evoca anche la personalità e la costruzione del mito, vivo ancora oggi nel ricordo di tutti, dettagliando gli aspetti che lo hanno reso innanzitutto un’icona popolare. La mostra ha già registrato un boom di presenze fin dal primo weekend di apertura, anche perché inedita: è stata ideata e nasce per Napoli. Tra le chicche, la parete fotografica dedicata all’artista, con i famosi baffi ritratti dal poliedrico fotografo americano Philippe Halsman.

Napoli // fino al 10 giugno 2018
Io Dalí
PAN
Via dei Mille 60
http://mostradalinapoli.it/

2. IL MUSEO

Reggia di Caserta

Di musei in Campania, soprattutto a Napoli, ce ne sono tanti. Con un’oretta di macchina o di treno potrete invece raggiungere agilmente Caserta, con la sua affascinante Reggia vanvitelliana. Voluto dai Borbone di Napoli, il Palazzo Reale, nato sul modello di Versailles, dal 1997 – insieme con l’acquedotto di Vanvitelli e il complesso di San Leucio – è stato dichiarato dall’Unesco patrimonio dell’umanità. Diretto oggi da Mauro Felicori, è anche uno dei musei nazionali, afferenti al MiBACT, più interessanti da visitare. Sarà per i magnifici giardini, sarà per le dimensioni più che imponenti (si estende infatti su una superficie di 47mila mq, per un’altezza di cinque piani), sarà per il grandioso scalone d’onore e l’architettura virtuosa, sarà anche perché ospita l’importante collezione d’arte contemporanea Terrae Motus, creata dal gallerista, scomparso nel 1994, Lucio Amelio dopo il terremoto che nel 1980 devastò Campania e Basilicata.
Non manca inoltre un ricco programma di mostre e di eventi con un approccio multidisciplinare. La primavera guarda all’architettura, con il progetto a cura di Luca Molinari e Chiara Ingrosso intitolato Divina Sezione ‒ L’architettura italiana per la Divina Commedia, che ha esplorato il tema della rappresentazione dei mondi attraversati da Dante Alighieri nel suo “viaggio”, con i lavori di settanta nomi della progettazione. Ci sarà tempo, invece, fino al 2 maggio, per visitare La regola del talento, la mostra animata dalle fotografie di Laila Pozzo che raccontano le arti e i mestieri in Italia.

REGGIA DI CASERTA
Viale Douhet 2a
0823 448084
http://reggiadicaserta.beniculturali.it

3. I FESTIVAL

Napoli Teatro Festival Italia

Sarebbe meglio dire “i festival”, data la grande quantità di manifestazioni che abbondano sull’intero territorio. Vi diamo l’agenda. Si parte dal capoluogo, Napoli, dove è stato da poco presentato Napoli Teatro Festival Italia, giunto nel 2018 alla sua 11esima edizione, la seconda diretta da Ruggero Cappuccio. Organizzato dalla Fondazione Campania dei Festival, si terrà dall’8 giugno al 10 luglio. 34 giorni di programmazione, 85 compagnie, 160 rappresentazioni, 11 sezioni, tra prosa, teatro internazionale, italiani, giovani, danza e musica, con artisti provenienti da tutto il mondo. Non mancano le mostre, con otto esposizioni dedicate, ad esempio, a Patroni Griffi, Tomasi di Lampedusa, Tina Pica, Mario Martone e Teatri Uniti, il cinema e la letteratura. Anche per il 2018 il Festival continua la collaborazione con Mimmo Paladino che progetta nuovamente l’immagine, il catalogo e i materiali promozionali.
Tra luglio e agosto, invece, si svolge Pomigliano Jazz, a Pomigliano d’Arco. Il programma della manifestazione non è ancora noto, ma la manifestazione, giunta alla sua 13esima edizione, è tra le più interessanti della scena musicale.
Ha invece confermato le date Artecinema, il festival internazionale di film sull’arte contemporanea che si svolge a Napoli dall’11 al 14 ottobre 2018. Nato nel 1966 e curato da Laura Trisorio, ha l’obiettivo “di far conoscere al grande pubblico le diverse espressioni dell’arte. Ogni anno è frequentato da circa 7mila spettatori.

Napoli // dall’8 giugno al 10 luglio 2018
Napoli Teatro Festival Italia
www.napoliteatrofestival.it

Pomigliano d’Arco
Pomigliano Jazz
www.pomiglianojazz.com

Napoli // dall’11 al 14 ottobre 2018
Artecinema
www.artecinema.org

4. DORMIRE E MANGIARE

Hotel Santa Lucia, Napoli

Per chi ha voglia di un’esperienza di lusso e di fuggire dal caos della città, c’è il Grand Hotel Excelsior Vittoria di Sorrento, cinque stelle pluripremiato, scelto come location per diversi film e fiction tv, con vista sul Golfo, 84 camere, bar, ristorante sul mare e spa multiaccessoriata, 20mila metri quadrati di giardino e agrumeto. Chi invece non sa rinunciare ai comfort ma vuole rimanere in città, può scegliere l’Hotel Santa Lucia, sulla bellissima via Caracciolo di Napoli, un’altra struttura di altissima qualità.
Per cena e pranzo avrete l’imbarazzo della scelta, scegliendo sia di inoltrarvi nello street food, ad esempio, sia sedendovi a tavola. Tra gli indirizzi immancabili La Casa di Ninetta (da non perdere la genovese), che omaggia nel nome la mamma dell’attrice Lina e del fratello (il titolare) Carmelo Sastri.

Sorrento
GRAND HOTEL EXCELSIOR VITTORIA
Piazza Tasso 34
http://exvitt.it

Napoli
HOTEL SANTA LUCIA
Via Partenope 46
www.santalucia.it

Napoli
LA CASA DI NINETTA
Via Niccolò Tommaseo 11
http://lacasadininetta.it

Santa Nastro

Articolo pubblicato su Grandi Mostre #9

Abbonati ad Artribune Magazine
Acquista la tua inserzione sul prossimo Artribune

CONDIVIDI
Santa Nastro
Santa Nastro è nata a Napoli nel 1981. Laureata in Storia dell'Arte presso l'Università di Bologna con una tesi su Francesco Arcangeli, è critico d'arte, giornalista e comunicatore. Attualmente è membro dello staff di direzione di Artribune. È inoltre autore per il progetto arTVision – a live art channel, ufficio stampa per l’American Academy in Rome e Responsabile della Comunicazione della Fondazione Pino Pascali. Dal 2011 collabora con Demanio Marittimo.KM-278 diretto da Pippo Ciorra e Cristiana Colli, con Re_Place, Mu6, L’Aquila e con Arte in Centro. Dal 2006 al 2011 ha collaborato alla realizzazione del Festival dell'Arte Contemporanea di Faenza, diretto da Angela Vettese, Carlos Basualdo e Pier Luigi Sacco. Dal 2005 al 2011 ha collaborato con Exibart nelle sue versioni online e onpaper. Ha pubblicato per Maxim e Fashion Trend, mentre dal 2005 ad oggi ha pubblicato su Il Corriere della Sera, Arte, Alfabeta2, Il Giornale dell'Arte, minima et moralia e saggi testi critici su numerosi cataloghi e pubblicazioni.