La primavera è all’insegna del FAI

Puntuali come ogni anno, con l’arrivo della bella stagione tornano le Giornate di Primavera organizzate dal FAI – Fondo Ambiente Italiano. Nel 2017 l’iniziativa, in programma sabato 25 e domenica 26 marzo, festeggia un anniversario importante, alzando il sipario sulla 25esima edizione e offrendo al pubblico oltre mille occasioni per ammirare luoghi di grande interesse artistico sparsi dal nord al sud dello Stivale. Ed è proprio questa la direttrice che abbiamo deciso di seguire per consigliarvi otto destinazioni da raggiungere durante il primo weekend di primavera.

1. MONTE VERITÀ – ASCONA

Monte Verità, Bauhaus Hotel

La storia inizia nel 1899, quando al Monte Verità arriva una comunità guidata da principi naturisti, teosofici e vegetariani. Una comunità visitata da intellettuali come Hermann Hesse e Carl Gustav Jung e che progetta edifici architettonicamente sorprendenti. Poi c’è una seconda stagione, durante la quale nasce un magnifico albergo in stile Bauhaus, che ancora oggi si staglia sulla sommità del monte. E nel 1978 qui approda Harald Szeemann, che cura una mostra permanente: Le mammelle della verità.

2. VILLA PANZA – VARESE

Robert Wilson, Robert Downey jr, 2004 – photo tenderinifotografia.com (c) FAI – Fondo Ambiente Italiano – Villa Panza

Villa Panza vuol dire un parco immenso, una dimora del XVIII secolo e soprattutto una collezione straordinaria raccolta da Giuseppe Panza di Biumo. Le 11 installazioni site specific di Dan Flavin da sole basterebbero a giustificare la visita, ma a rafforzare la motivazione c’è anche – fino al 15 ottobre – la mostra temporanea di Robert Wilson.

3. NEGOZIO OLIVETTI – VENEZIA

Il Negozio Olivetti a Venezia

Restituito alla città di Venezia nel 2011, grazie a un necessario intervento di ripristino, il Negozio Olivetti affacciato su Piazza San Marco vanta una lunga e affascinante storia. Commissionato da Adriano Olivetti a Carlo Scarpa nel 1957 come “biglietto da visita” dell’azienda di Ivrea, il negozio rivela tutta la maestria progettuale dell’architetto veneziano: marmi, marmorini, gli immancabili giochi di luce e il Nudo in bronzo dorato di Alberto Viani animano uno spazio quanto mai adatto a ospitare non solo gli storici prodotti Olivetti, ma anche una serie di azzeccate rassegne temporanee.

4. DEPOSITO PER I BENI CULTURALI DI SANTO CHIODO – SPOLETO

Deposito di Santo Chiodo, Spoleto. Photo Lucilla Loiotile. Per gentile concessione del Ministero dei Beni Culturali e della Regione Umbria

La sua progettazione fece seguito al terremoto che colpì l’Umbria e le Marche nel 1997, con l’obiettivo di mettere a disposizione del territorio una struttura antisismica in grado di accogliere e salvaguardare le opere scampate alla furia della calamità naturale. Dotato di strumentazioni all’avanguardia, il Deposito per i Beni Culturali di Santo Chiodo, a Spoleto, può contare sulla professionalità del team di restauratori dell’Opificio delle pietre dure di Firenze. Un luogo di vitale importanza, specie dopo l’ultimo, tragico terremoto che ha colpito il Centro Italia.

5. DOMUS AUREA – ROMA

Restauri in corso alla Domus Aurea

Fatta costruire da Nerone dopo l’incendio di Roma del 64 d.C., la nuova residenza imperiale poteva contare su interni ancora più fastosi, caratterizzati da marmi e preziosi decori. La recente campagna di restauri condotta su uno dei siti archeologici più importanti d’Italia ha riportato all’antico splendore una cospicua parte della dimora di Nerone, che, durante il weekend primaverile del FAI, aprirà le porte al pubblico domenica 26 marzo.

6. MONTE PIZZUTO – SOLOPACA (BN)

L’installazione di Mimmo Paladino al Serbatoio di Monte Pizzuto

Sul Monte Pizzuto, in provincia di Benevento, c’è un serbatoio dell’acqua che capta 400 litri al secondo e li ridistribuisce a 150mila persone. Appassionante la visita per chi ama i siti industriali. Ma anche per gli appassionati d’arte contemporanea: qui infatti Mimmo Paladino ha realizzato una grande installazione utilizzando il vetro delle bottiglie “macinate”.

7. CASTELLO NORMANNO – TRICARICO (MT)

Castello Normanno, Tricarico

Matera sarà Capitale europea della cultura nel 2019. Mentre fervono progetti e preparativi, non ci sono solo i Sassi: nella vicina Tricarico vi consigliamo di visitare il Castello Normanno. Per scoprire la storia del socialista Rocco Scotellaro e per godere del reportage di Henri Cartier-Bresson dedicato alla Lucania.

8. VALLE DEI TEMPLI – AGRIGENTO

Il Giardino della Kolymbetra nella Valle dei Templi di Agrigento

Luogo suggestivo per antonomasia, la Valle dei Templi di Agrigento è una meta che gli amanti dell’archeologia non possono mancare. Qui infatti è possibile ammirare gli esiti della campagna di scavo promossa dal Parco Archeologico in collaborazione con il Politecnico di Bari e l’Università di Catania. Riflettori puntati sulle rovine di un poderoso teatro, il cui ritrovamento contribuisce a rendere il mosaico di informazioni sull’antica città di Akragas ancora più dettagliato.

Marco Enrico Giacomelli e Arianna Testino

www.giornatefai.it

Dati correlati
Spazi espositiviVILLA MENAFOGLIO LITTA PANZA, NEGOZIO OLIVETTI, PARCO ARCHEOLOGICO E PAESAGGISTICO DELLA VALLE DEI TEMPLI
Indirizzo
CONDIVIDI
Giornalista e dottore di ricerca in Estetica, ha studiato filosofia alle Università di Torino, Paris8 e Bologna. Ha collaborato all’"Abécédaire de Michel Foucault" (Mons-Paris 2004) e all’"Abécédaire de Jacques Derrida" (Mons-Paris 2007). Tra le sue pubblicazioni: "Ascendances et filiations foucaldiennes en Italie: l’operaïsme en perspective" (Paris 2004; trad. sp., Buenos Aires 2006; trad. it., Roma 2010), "Another Italian Anomaly? On Embedded Critics" (Trieste 2005), "La Nuovelle École Romaine" (Paris 2006), "Un filosofo tra patafisica e surrealismo. René Daumal dal Grand Jeu all'induismo" (Roma 2011), "Di tutto un pop. Un percorso fra arte e scrittura nell'opera di Mike Kelley" (Milano 2014), "Un regard sur l’art contemporain italien du XXIe siècle" (Paris 2016, con Arianna Testino). In qualità di traduttore, ha pubblicato testi di Deleuze, Revel, Augé e Bourriaud. Nel 2014 ha curato la mostra (al Museo della Scienza e della Tecnologia di Milano) e il libro (edito da Marsilio) "Achille Compagnoni. Oltre il K2". Ha tenuto seminari e lezioni in numerose istituzioni e università, fra le quali la Cattolica, lo IULM, l'Università Milano-Bicocca e l'Accademia di Brera di Milano, l’Alma Mater di Bologna, la LUISS di Roma, lo IUAV di Venezia, l'Accademia Albertina di Torino. Redige (insieme a Massimiliano Tonelli) la sezione dedicata all'arte contemporanea del rapporto annuale "Io sono cultura" prodotto dalla Fondazione Symbola. Insegna alla NABA di Milano. È vicedirettore editoriale di Artribune e direttore responsabile di Artribune Magazine.