Da ex carcere a ex ospedale: a Torino la fiera The Others cambia sede e format

La fiera torinese per l’arte emergente internazionale si dà al Nomadismo Culturale. Addio all’ex Carcere Le Nove, per il 2016 la sede sarà l’ex Ospedale Regina Maria Adelaide, a 5 minuti da piazza Castello

The Others 2015, Torino
The Others 2015, Torino


The Others
conferma le date del 3-6 novembre ma non la location che, a cinque anni dalla nascita, non sarà più il vecchio carcere di Torino: “Per motivi di spazio e di sicurezza The Others si sposta dall’ex Carcere Le Nuove all’ex Ospedale Regina Maria Adelaide in Lungo Dora Firenze”, scrivono gli organizzatori sulla loro pagina Facebook, aggiungendo un’ulteriore novità nel format della fiera. “The Others diventa un evento itinerante, nomadico, che occuperà di volta in volta spazi anticonvenzionali, spesso in disuso, contribuendo alla riattivazione degli stessi”. E proprio il Nomadismo Culturale sarà il principio che guiderà il consueto programma di Performance, Video, Musica proposto dagli espositori della fiera (gallerie emergenti, centri no profit, spazi espositivi, fondazioni, collettivi di artisti o curatori e artist-run spaces) e selezionato dal Comitato Curatoriale – composto da Bruno Barsanti, Ludovica Capobianco, Greta Scarpa -, con la novità di un’unica giornata dedicata ad una Roundtable, dove alcuni importanti attori del sistema dell’arte emergente saranno invitati a discutere sul tema.

EXHIBIT, OPERE SENZA LIMITI DI FORMATO
Confermata Exhibit, la mostra realizzata con opere senza limiti di formato, selezionate dal Comitato Curatoriale fra quelle proposte dagli espositori che, l’anno scorso, occupava gli spazi dell’ex Borsa Valori in piazzale Valdo Fusi. Quest’anno, invece, verrà riproposta all’interno della Fiera, nella Palestra principale di questo ex centro traumatologico inaugurato nel 1887 che, chiuso ad aprile 2016, è stato concesso dalla Città della Salute e della Scienza di Torino per la realizzazione di The Others. In un quartiere – Aurora – , vicinissimo a piazza Castello e confinante con una delle altre novità del panorama fieristico e festivaliero torinese: NESXT. Novità a cui da pochi giorni, come anticipato da Artribune, si è aggiunta anche la curated fair DAMA. L’application per partecipare come espositore a The Others sarà on-line a partire dal 1 settembre.

http://www.theothersfair.com

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.
  • http://www.athanor-arte.com Domenico Ghin

    Cercare di recuperare spazi anticonvenzionali come in questo caso ex ospedali, ex carceri, o ex manincomi, ex tribunali o ex chiese che nel nostro paese sicuramente non mancano, non solo per recuperarli ma perchè danno agli eventi che li ospitano, se all’altezza e se articolati e disposti con sensibilità e professionalità, sicuramente un’innegabile energia, una decisa connotazione rispetto a spazi fisici e virtuali già pronti e predisposti dove tutto è fin troppo scontato e prevedibile .

  • erica

    Mi sembra una sede utile per un RICOVERO D’URGENZA della fiera.

    • Stefano

      forse va migliorando dalle carceri ad una clinica o forse c’è bisogno di cure urgenti? :)

  • paolocarniti

    Peccato erano un posto fantastico le ex carceri di torino, son proprio curioso di vedere questo nuova area