Attraverso, una visione oltre: mostra inaugurale del MAAD, nuovo museo di Adria. Da Stefano Cagol a Yoko Ono, cercando un denominatore comune

La mostra inaugurale del MAAD unisce artisti contemporanei storici a nuovi e promettenti talenti

Attraverso, una visione oltre - MAAD - Museo d’Arte di Adria e del Delta del Po, Adria (Rovigo)

Ha appena aperto in provincia di Rovigo, nei locali della Fondazione Scolastica Carlo Bocchi di Adria, un museo originale: Il MAAD (Museo d’Arte di Adria e del Delta del Po). Si tratta di una nuova istituzione dalla vocazione molteplice, gestita da Comune e Fondazione Bocchi (un ente giuridico non economico, dedito al sostegno delle scuole e degli studenti tramite borse di studio), che comprende una parte storica – con le stampe antiche di autori come Jacques Callot, Albrecht Durer, Salvator Rosa, provenienti dalla Collezione Bocchi, e alcuni reperti storico-artistici dell’Adria medievale e moderna (quella antica è ben rappresentata dal Museo Archeologico Nazionale di Adria) – accanto ad una parte contemporanea, adibita a spazio espositivo.

Attraverso, una visione oltre - MAAD - Museo d’Arte di Adria e del Delta del Po, Adria (Rovigo)
Attraverso, una visione oltre – MAAD – Museo d’Arte di Adria e del Delta del Po, Adria (Rovigo)

PERCORSI INCROCIATI
Proprio qui si è inaugurata recentemente Attraverso, una visione oltre, una mostra che mette a confronto le ricerche artistiche di artisti storicizzati come Yoko Ono, Joseph Beuys, Sol LeWitt,
con i percorsi di autori più giovani, fra i quali anche il trentino Stefano Cagol“Vi è qualcosa che riunisce e riassume tutte le loro opere” – ha spiegato nel corso dell’opening il curatore Tobia Donà“la visione oltre, attraverso la quale essi hanno saputo incarnare il ruolo di artisti”. Così, Gino De Dominicis, Gilbert and George, Hermann Nitsch, ma anche Luigi Ontani e Fabrizio Plessi, pur dando luogo a intenzioni e metodologie espressive differenti, risultano tutti accomunati da una medesima tensione a guardare oltre la superficie delle cose. In una ricerca del vero le anticipazioni di ieri si ritrovano nelle opere di oggi, i riverberi di contingenze sociali vengono percepiti quali riflessioni universali. Ecco la fotogallery della serata di apertura…

http://www.fondazionecarlobocchi.it/