La Fondazione Klee a Berna è open source. Online 3900 pagine di lezioni dell’artista, tra i protagonisti del Bauhaus tra Weimar e Dessau

L’occhio pensante di Paul Klee era stato già in passato oggetto di una pubblicazione in due volumi intitolata per l’appunto The thinking eye. Non sono molti infatti gli artisti prolifici come Klee: il suo lavoro conta oltre 9000 pezzi che attraversano la storia e le discipline creative. E dal 2013 due volumi comprendenti i suoi […]

L’occhio pensante di Paul Klee era stato già in passato oggetto di una pubblicazione in due volumi intitolata per l’appunto The thinking eye. Non sono molti infatti gli artisti prolifici come Klee: il suo lavoro conta oltre 9000 pezzi che attraversano la storia e le discipline creative. E dal 2013 due volumi comprendenti i suoi appunti sulla teoria della forma, le sue idee, i suoi schizzi, in un classico dell’arte e della filosofia.
Ma non finisce qui. Avviene infatti che in un’ottica del tutto “open source”, la Fondazione dedicata all’artista a Berna decida di fare un passo in avanti a disposizione di chiunque, o almeno di chiunque parli tedesco. E riscoprendo 3900 pagine di disegni, annotazioni, che riportano dieci anni di lezioni al Bau-Haus sia a Weimar che a Dessau, dal 1921 al 1931, decide di metterle online, a disposizione di tutti. E anche se non si è padroni della lingua non c’è da preoccuparsi, è comunque affascinante sfogliare i taccuini, che sono stati conservati nella loro forma estetica di quaderno e scansionati per dirla volgarmente. È un viaggio coinvolgente muoversi tra gli svolazzi della grafia di Klee e i suoi disegni e farlo comodamente da casa, sul sito della fondazione…

– Santa Nastro

http://www.kleegestaltungslehre.zpk.org/

CONDIVIDI
Santa Nastro
Santa Nastro è nata a Napoli nel 1981. Laureata in Storia dell'Arte presso l'Università di Bologna con una tesi su Francesco Arcangeli, è critico d'arte, giornalista e comunicatore. Attualmente è membro dello staff di direzione di Artribune. È inoltre autore per il progetto arTVision – a live art channel, ufficio stampa per l’American Academy in Rome e Responsabile della Comunicazione della Fondazione Pino Pascali. Dal 2011 collabora con Demanio Marittimo.KM-278 diretto da Pippo Ciorra e Cristiana Colli, con Re_Place, Mu6, L’Aquila e con Arte in Centro. Dal 2006 al 2011 ha collaborato alla realizzazione del Festival dell'Arte Contemporanea di Faenza, diretto da Angela Vettese, Carlos Basualdo e Pier Luigi Sacco. Dal 2005 al 2011 ha collaborato con Exibart nelle sue versioni online e onpaper. Ha pubblicato per Maxim e Fashion Trend, mentre dal 2005 ad oggi ha pubblicato su Il Corriere della Sera, Arte, Alfabeta2, Il Giornale dell'Arte, minima et moralia e saggi testi critici su numerosi cataloghi e pubblicazioni.