È Malmö Live l’edificio svedese del 2016. Gli architetti danesi Hammer Lassen ricevono il prestigioso Swedish Building of the Year. Piace alla comunità ed è sostenibile.

Facciate spettacolari e innovative. Premio per la migliore architettura. Per Hammer Lassen è un trionfo: sono loro gli architetti dell’anno 2016 in Svezia.Il riconoscimento è stato conferito per il nuovo complesso Malmö Live, che oltre ad accaparrarsi il favore della giuria, è stato apprezzato moltissimo soprattutto dalla popolazione residente. Un dato, questo, che si rivela […]

Facciate spettacolari e innovative. Premio per la migliore architettura. Per Hammer Lassen è un trionfo: sono loro gli architetti dell’anno 2016 in Svezia.Il riconoscimento è stato conferito per il nuovo complesso Malmö Live, che oltre ad accaparrarsi il favore della giuria, è stato apprezzato moltissimo soprattutto dalla popolazione residente. Un dato, questo, che si rivela particolarmente interessante e che fa riflettere su un modo diverso di fare architettura.
In questi giorni Artribune ha raccontato le cronache che hanno riguardato le torri progettate da Renzo Piano a Londra e da Norman Foster a New York. L’inizio di ogni contesa è stato soprattutto il rifiuto da parte dei locali che non accettavano modifiche all’amato skyline delle loro città. Il rapporto con la comunità, invece, nella concezione della giuria dello Swedish Building of the Year Award 2016 ha avuto un ruolo centrale.
La costruzione di 54mila mq occupati da una struttura alberghiera, un centro congressi, una music hall attiva dal 2015 è stata infatti incoronata non solo per le qualità progettuali, ma anche per la sua capacità di inserirsi fin da subito nel contesto culturale di Malmö, collocandosi a due passi dalla stazione centrale.Lo studio Schmidt Hammer Lassen Architects, che opera da oltre venticinque anni, ha sede a Aarhus, Copenaghen, Londra, Shangai e Singapore, ma è di origine danese.
Molto attivo in Cina, è autore di progetti quali l’Amazon Court a Praga, il College di Wenstminster a Londra, l’Università di Aberdeen, tra gli altri, con una ricerca molto attenta alla sostenibilità. Per Malmö si è aggiudicato, inoltre, il premio Best Facade, grazie alla facciata movimentata dai colori e da un design scultoreo, aspetti valutati positivamente per la capacità di attivare un legame visivo tra l’edificio contemporaneo e la parte storica della città.

www.malmolive.se