Lo Strillone: un secolo fa nasceva a Zurigo il Dadaismo su Il Giornale. E poi il mercato dell’arte, le soprintendenze uniche multidisciplinari

Tutti in scena al Cabaret Voltaire. Un secolo fa nasceva a Zurigo Dada, “il movimento artistico più influente della storia”: e Il Giornale ne parla a partire da due mostre che lo celebrano. “Se Dada è dappertutto, significa che non è in alcun luogo. Benvenuti a Zurigo, non-luogo geograficamente in Svizzera e intemazionalmente ovunque, in […]

Quotidiani
Quotidiani

Tutti in scena al Cabaret Voltaire. Un secolo fa nasceva a Zurigo Dada, “il movimento artistico più influente della storia”: e Il Giornale ne parla a partire da due mostre che lo celebrano. “Se Dada è dappertutto, significa che non è in alcun luogo. Benvenuti a Zurigo, non-luogo geograficamente in Svizzera e intemazionalmente ovunque, in cui nacque, morì e oggi rinasce – per festeggiare cento anni di storia artistica e influenza sociale – il movimento anti-arte del Dadaismo. DADA? DADA! Soltanto una città ordinata come Zurigo poteva fare da culla a una corrente rivoluzionaria come il Dadaismo. Tabula rasa del passato e negazione del futuro, in realtà Dada vive in un eterno presente, senza compleanni e funerali”.

Il mercato dell’arte, visto dalle case d’asta, vale oltre 15 miliardi di dollari, con più di mezzo milione di pezzi venduti”. È La Repubblica a fare i conti: “il mercato più importante è la Cina con il 37,2%, seguita dagli Stati Uniti con il 32,1% e dall’Inghilterra, con il 18,9%. Tutti gli altri seguono a grande distanza: la Francia ha 3,3%, l’Italia appena lo 0.8%”. Il mondo dell’archeologia italiana é sul piede di guerra, dopo che il ministro Franceschini “con un decreto ha creato soprintendenze uniche multidisciplinari, non più divise per settori, cui tutti faranno capo nei rispettivi territori; al posto delle 17 archeologiche ne istituisce 39 uniche più due speciali a Roma e Pompei”: ricapitola la questione L’Unità, che informa che “la Consulta universitaria e studiosi stranieri a convegno nel Reale istituto d’Olanda a Roma hanno bocciato la riforma”.

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Nel 2007 ha curato la costituzione, l’allestimento ed il catalogo del Museo Nino Cordio a Santa Ninfa (Tp). Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. Ha collaborato con diverse riviste specializzate, e nel 2008 ha co-fondato il periodico Grandimostre, del quale è stato coordinatore editoriale. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Fa parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.